Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché in Belgio non possiamo guidare a bioetanolo come in Francia?

Perché in Belgio non possiamo guidare a bioetanolo come in Francia?

Ciao Cristiano,

Con la crisi energetica e gli aumenti dei prezzi del carburante nel 2022, anche molti automobilisti francesi e belgi si stanno precipitando al superetanolo E85 nelle stazioni di servizio francesi. È un biocarburante derivante in parte dalla trasformazione di materiali vegetali agricoli come i cereali. Se la sua produzione contribuisce alla conservazione di parte dell’agricoltura in Francia e il suo consumo è più rispettoso dell’ambiente, non siamo pronti a commercializzare qui carburanti a base di bioetanolo. Perché ?

Non esiste uno standard belga

Semplicemente non esiste uno standard per l’immissione di bioetanolo sul mercato belga. Sarebbe possibile introdurne uno sulla base del modello europeo, ma qui non c’è volontà politica. “Questo viene fatto molto rapidamente. Ciò potrebbe essere fatto con regio decreto, ma non abbiamo ancora avuto una politica favorevole in materia.spiega Hendrik Lemayo, segretario generale della Belgian Ethanol Association.E anche se avessimo uno standard, le compagnie petrolifere vorrebbero distribuire il prodotto. Questo rimane un problema logistico perché dovranno essere installati nuovi serbatoi presso le stazioni di servizio.

Ai belgi non è vietato acquistare bioetanolo come carburante in Francia. Ma attenzione, generalmente devi avere una scatola di conversione adatta installata sul tuo veicolo. Questo permette di impostare il valore di energia per E85 che è leggermente inferiore a 95 per E10“, specifica Olivier Nerink, direttore tecnico della Confederazione belga dei commercianti di carburanti e carburanti (BRAFCO).

Deve essere applicata l’esenzione fiscale

Anche se il governo federale decidesse di rendere disponibile l’E85 presso le nostre stazioni di servizio, il prezzo sarebbe ancora un problema. “Superiamo facilmente i 2€/l. Bisognerebbe poi fare quello che c’è in Francia: la tassa sul prelievo fiscale a un livello molto basso“spiega Hendrik Limaheu. L’E85 già in Francia beneficia di tasse inferiori rispetto ad altri carburanti alla pompa”.Lì funziona, ma in patria il ministero delle Finanze non è stato, negli ultimi anni, favorevole a questa esenzione fiscalecontinua Hendrik Limahieu. “In Francia l’accisa sulla quota di etanolo è stata ridotta a 0 e l’accisa sulla restante quota di benzina è stata fissata al minimo europeo: 36 euro per mille litri. (In Belgio i prezzi oscillano tra i 50 ei 56 euro per mille litri). Questo ci porta ad un prezzo basso compreso tra 80 centesimi e 1 euro al litro.

READ  Abbonamenti Telecom: cosa cambierà a inizio 2022

Con noi sarà necessario introdurre la standardizzazione, ma anche la registrazione dell’esenzione fiscale in modo che il bioetanolo integri il mercato. E anche se queste condizioni sono soddisfatte, il nostro Paese non ha le stesse caratteristiche agricole della Francia, che ha terreni sfruttabili sufficienti per poter “alimentare i veicoli” con il bioetanolo.

A differenza della Francia, non abbiamo eccedenze di grano

Il bioetanolo è prodotto principalmente da materie prime agricole come grano, mais e barbabietole. C’è anche il bioetanolo avanzato che viene prodotto dai rifiuti. Per alcuni, è il carburante più ecologico. “Il ciclo a bioetanolo riduce le emissioni di CO2 rispetto alla benzina (in media oltre il 60%) “, si riferisce all’economia FPS. Ma per altri, è probabile che la sua produzione porti ad un aumento del prezzo delle materie prime agricole.

In origine, il bioetanolo veniva utilizzato per assorbire la produzione di grano in eccesso dall’industria agricola francese. L’E85 consente, in una certa misura, di sostenere le aziende agricole locali e quindi di finanziare l’agricoltura francese. Secondo Hendrik Limahieu,La produzione di bioetanolo è vantaggiosa per il mondo agricolo perché grazie a questo ha uno sbocco garantito“.

Tuttavia, il Belgio produce anche etanolo, che si trova al 5% o al 10% nella benzina E5 ed E10. Ma per raggiungere questo obiettivo, i nostri produttori hanno bisogno di grano che provenga da terreni agricoli al di fuori del Belgio. “Il Belgio non ha eccedenze di grano come in Francia. E non ha senso affidarsi interamente all’E85 francese. Se c’è, può anche essere prodotto a livello belga. Ma questo richiede di trovare altre fonti di produzione di etanolo diverse dal grano perché non ne avremo abbastanza in Belgio.Oliver Nerink spiega.

READ  "Sarebbe saggio non seguire il suggerimento"

Il bioetanolo non è la priorità

In breve, il nostro governo federale non prevede di consentire la commercializzazione del bioetanolo nelle stazioni di servizio in Belgio. Il dibattito si è complicato da quando l’Unione Europea ha annunciato la fine dei motori termici entro il 2035”.Se non ci sarà un rollback al 2026, come stipulato in questo accordo a livello del Parlamento europeo, il settore petrolifero non investirà miliardi per sviluppare nuovi combustibili.dice Oliver Nerink.

Il direttore tecnico di BRAFCO spera che si faccia un’inversione per conservare il mix energetico di cui il bioetanolo può far parte. “Bioetanolo, biodiesel, gas naturale compresso da biogas, biogas e idrogeno: questi sono i prodotti che consentiranno di raggiungere gli obiettivi di neutralità carbonica del 2050, ma dobbiamo aprire gli occhi sulle possibilità tecnologiche per uno sviluppo coerente delle politiche.“.