Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il consumo di prodotti vegetali sta esplodendo?

Perché il consumo di prodotti vegetali sta esplodendo?

È un mercato enorme, che da tempo è uscito dalla sua nicchia. Alternative alla carne e ai prodotti animali ora riempiono gli scaffali dei supermercati. Un'azienda alla quale si sono rivolte le più grandi multinazionali del settore alimentare, rendendosi conto che sempre più consumatori cercano alternative alla carne. Un'altra modalità di consumo, giustificata dal desiderio di mangiare più sano e rispettoso dell'ambiente.

La prima nella grande distribuzione: una catena di negozi ha deciso di smettere di promuovere la carne

Secondo un rapporto di GFI Europe, il latte a base vegetale è la categoria in più evoluzione, rappresentando ora l’11% del mercato totale del latte, con vendite in crescita del 19% tra il 2020 e il 2022, quasi il doppio delle vendite del latte convenzionale. Latte – per raggiungere 2,21 miliardi di euro nel 2022. Allo stesso modo, le vendite di formaggio vegano sono aumentate del 102% tra il 2020 e il 2022 nei paesi in cui sono disponibili dati – più di 10 volte quelle dei formaggi convenzionali – per raggiungere 144 milioni di euro.

Per quanto riguarda la carne vegetale, le sue vendite sono aumentate in modo significativo (+21%) tra il 2020 e il 2023, mentre la carne tradizionale ha visto le sue vendite diminuire dell’8%. In totale, il mercato degli alimenti di origine vegetale ha realizzato nel 2022 un fatturato di 5,7 miliardi di euro, con un incremento del 22% rispetto al 2020. Tenendo conto dei mercati francese, austriaco, belga, danese, tedesco, italiano, olandese e polacco, , le bistecche vegane portoghesi, svedesi, spagnole e britanniche hanno rappresentato il 6% del totale del reparto carne confezionata, generando 2 miliardi di euro di vendite nel 2022, secondo GFI.

READ  Elon Musk garantisce un ritorno alla normalità

Surreale: per rendere le bistecche vegane più saporite, i produttori ora le iniettano con… grasso animale!

Nell'agosto 2017, il Belgio rappresenterà il 7% delle verdure e l'1% delle verdure, il 43% di quelle con flexitariani, che saranno pronte per l'uso su iVOX nel 2022. Ciò si tradurrà nel 58% del cibo dei 35 giorni precedenti o cibo, tutti i giorni.

Per GFI Europe, che lavora per promuovere lo sviluppo del vegetale originale e delle sue proteine ​​durevoli, questi dati sono incoraggianti, ma anche sufficienti per ricondurre gli obiettivi dell’Accordo di Parigi in termini di riduzione delle emissioni della produzione di carne. E ricorda, la ricerca ha dimostrato che la carne di origine vegetale provoca fino al 98% in meno di emissioni, utilizza il 93% in meno di terra e il 99% in meno di acqua rispetto alla carne convenzionale.

Salsicce, hamburger, pita, coniglio fritto e perfino vegetali: la “carne finta” spopola sui nostri scaffali!

Secondo uno studio condotto da iVOX per conto di Oatly, la prima e più grande azienda di bevande a base di avena al mondo, il 22% dei belgi sotto i 34 anni afferma di scegliere regolarmente o sempre alternative a base vegetale. Tra questo stesso gruppo, quasi la metà (43%) afferma che in futuro sceglierà (più) alternative a base vegetale.

Lo studio rivela inoltre che un quarto dei belgi (25%) mangia vegetariano (niente carne o pesce) un giorno alla settimana, e 1 belga su 5 (22%) trova deliziose alternative vegetariane come prodotti ittici di origine animale. Anche quando si tratta dei nostri piatti classici, come la carbonais fiamminga e il vol au vint, siamo sempre più disposti a esplorare variazioni botaniche (rispettivamente il 15% e il 20% sono aperti all'“idea”).

READ  Il boom della mobilità elettrica sta improvvisamente volgendo al termine? Alcuni sono convinti - Business AM

“Ho voglia di cucinare vegetariano?” : Il candidato Top Chef è rimasto sorpreso dall'annuncio del test…