Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché gli iPhone non hanno una sequenza di sblocco

Ampiamente adottato dagli utenti Android, il pattern di sblocco si riferisce all’assenza di abbonati su iPhone. Sai perché Apple comunque non è pronta a fare marcia indietro?

iPhone e Android sono due piattaforme completamente diverse l’una dall’altra in molti modi. Fulmine contro USB-C o l’ecosistema chiuso contro l’apertura, i due marchi si distinguono in molti ambiti. Invece, c’è un punto su cui Apple e Google non sembrano essere d’accordo: la sicurezza. Che si tratti di un iPhone o di un telefono Android, entrambi non hanno la stessa visione della privacy e non la trattano allo stesso modo.

Per Apple, è fuori questione prenderlo alla leggera. Questo va dall’utilizzo dei dati dell’utente a come sbloccare il tuo iPhone. Su Android, ci sono diversi modi per bloccare il telefono: password, codice a quattro cifre, riconoscimento facciale, sensore di impronte digitali e persino… sequenza di sblocco.

Se hai sempre posseduto un iPhone, probabilmente non ne hai mai sentito parlare per una buona e semplice ragione: Apple non ha mai voluto mostrarlo sui propri telefoni. Questo è un “grafico” riprodotto su una griglia di nove circuiti dedicati per proteggere il tuo telefono. Ma per Apple, questo sistema sarà molto inefficace nel garantire la sicurezza dei suoi utenti.

Sulla base di dozzine di studi pubblicati negli ultimi 10 anni su questo argomento, Apple ha capito che chiaramente non è una buona idea introdurre una sequenza di sblocco su iPhone. Secondo questi studi, quando qualcuno guarda alle spalle di qualcuno che sblocca il proprio telefono con uno schema di sicurezza, ha una probabilità del 64% di prenderlo a prima vista. Se lo guardi un paio di volte, quel numero sale all’80%.

READ  Sembra sempre attiva la modalità confermata, ma non per tutti i modelli

Modelli facili da ricordare

Il motivo è molto semplice: per produrre questo modello, l’utente sposterà il dito da un cerchio all’altro. Sullo schermo, viene tracciato un piccolo percorso tra questi cerchi e rimane visibile finché il telefono non è sbloccato. Quindi è molto facile per una persona malintenzionata conservare il modello e poi provare a rubare il telefono in seguito. Certo, c’è un’opzione per nascondere lo schema, ma non molte persone lo usano o preferiscono uno schema facile da ricordare che chiunque può annotare e memorizzare rapidamente. Per i ricercatori in questi vari studi, una sequenza di sblocco è semplicemente il modo peggiore per proteggere il telefono.

Se l’utente preferisce una password alfanumerica di sei caratteri, la situazione è completamente diversa. Dal 64%, le possibilità che una persona malintenzionata ricordi il codice a prima vista scendono all’11%. Se guardano di nuovo lo schermo quando la persona inserisce la password, quel numero sale al 27%. Ancora una volta, la spiegazione è logica. I caratteri precodificati sono nascosti.

Infine, la decisione di Apple di non introdurre una sequenza di sblocco ha un senso. Dopo i codici a quattro cifre, Apple ha introdotto Touch ID su iPhone 5s nel 2013. Quindi ha seguito Face ID su iPhone X quattro anni dopo. Apple vuole offrire la migliore interfaccia utente possibile, che sia anche la più semplice e sicura…

_
Segui Belgio su iPhone FacebookE il Youtube e altri Instagram Per non perdere nessuna novità, test e consigli.