Dicembre 2, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per iniziare – Toyota GR86 (2022): un’auto analogica nell’era digitale

Alcuni test dei nuovi modelli hanno odori di avviamento, persino segnali di sveglia. Questo era già il caso per l’ultima versione diAudi RS3 Poche settimane fa, il turbo finale era un cinque cilindri, forse anche una Toyota GR86. Perché partiamo subito dalle brutte notizie, sporadiche ma sostanziose, prima di passare alle ottime e più numerose notizie, tranquilli. Quando il modello verrà lanciato a metà del 2022, sarà offerto a partire da circa 35.000 euro, il che lo mette al di sotto anni nella gamma GR. Un’informazione che fa sorridere, ma poi saremo nella nuova e ultima rete di penalità che non si adatta proprio a motori aspirati di grossa cilindrata e senza elettricità. In attesa dei valori esatti di omogeneizzazione, Toyota ha già annunciato “più di 200 g/km” di CO2, che comporta una multa sul nuovo acquisto di almeno 18.188 euro. Certo, un limite al 50% del prezzo dell’auto farebbe risparmiare qualche centinaio di euro, ma ciò porterebbe comunque il GR86 a più di 50.000 euro…

Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

Le facce anteriore e posteriore sono state completamente ridisegnate.

Sono d’accordo con te che questa è un’introduzione molto triste all’argomento, passiamo ora a capitoli più incoraggianti. Toyota presenta questa GR86 come una “macchina analogica per un’era digitale” e non si può fare altro che definirla: è chiaramente una macchina di un’altra epoca nel senso migliore della parola, un fedele erede non solo dell’era GT86 Che è un’evoluzione importante ma anche per la mitica AE86, nome in codice tecnico della Toyota Corolla GT che ha portato al soprannome di “hachiroku” (86 in giapponese) per molti fanatici di questo modello. Motore aspirante naturale, cambio manuale e spinta, questi sono infatti componenti di una ricetta oggi rara, soprattutto in questa fascia di prezzo, come il Mazda MX-5 Segue anche.

READ  Prezzi del carburante: Van Petegem richiede il cricchetto inverso
Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

Il rapporto con la GT86 è ovviamente il più evidente.

Quindi il GR86 prende la piattaforma GT86 con alcuni notevoli miglioramenti. Sono state aggiunte barre di rinforzo in diagonale per collegare la sospensione e la carrozzeria, aumentando la rigidità laterale del 60% nella parte anteriore e del 50% nella parte posteriore. L’utilizzo dell’alluminio, in particolare nel cofano, tetto e parafanghi anteriori, e dell’acciaio ad alta resistenza, fa sì che la massa complessiva cambi di poco, rimanendo comunque poco sotto i 1.300 kg con un’ottima distribuzione delle masse di 53/47. Come il differenziale a slittamento limitato, le sospensioni sono prese direttamente dalla GT86 con ammortizzatori e molle con caratteristiche migliorate per una maggiore stabilità.

Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

L’interno si acquisisce in ergonomia e qualità percepita.

Lo sviluppo è più notevole sotto il cofano: il quattro cilindri piatto 2.0 FA20 vede il suo alesaggio del cilindro aumentato da 86 a 94 mm con una corsa identica di 86 mm, portando la cilindrata complessiva a 2.387 cm3, che logicamente gli dà il nuovo nome in codice FA24 . Con lo stesso elevato rapporto di compressione di 12,5:1, la potenza passa da 200 CV a 7000 giri/min e la coppia da 205 Nm a 6400 giri/min a 234 CV a 7000 giri/min e 250 Nm rispettivamente a 3700 giri/min. E oltre a tutti questi ultimi dati sono proprio loro ad annunciare un cambio di carattere totale, con il valore massimo di coppia che aumenta di oltre un quarto, soprattutto quello precedentemente ottenuto di 2700 giri/min! Davanti al cronometro scompare più di un secondo durante l’allenamento da 0 a 100 km/h, ora 6,3 secondi contro i 7,6 secondi precedenti. Questo motore è collegato allo stesso cambio manuale o automatico a sei marce.

Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

Più che un’auto, è una macchina del tempo.

Scoprendo per la prima volta il GR86 la nostra mattina nei dintorni di Barcellona, ​​troviamo facilmente il pedigree della vecchia generazione. È difficile avere un’idea precisa della linea con i colori brillanti a copertura totale che coprono il modello pre-serie, ma l’evoluzione delle facce anteriore e posteriore gli conferisce un serio restyling e sembra persino una piccola auto Dodge Viper VX 1 . Il design degli interni progredisce in modo più drammatico, con notevoli miglioramenti sia nell’ergonomia che nella qualità percepita.

READ  Bitcoin crolla a causa di un nuovo tipo di virus Corona

“Scivoliamo” per la stabilità nell’abitacolo, i secchi ci abbracciano bene, il volante piccolo con una corona spessa ha regolazioni sufficienti per creare una posizione di guida ideale e la mano cade naturalmente sul pomello del cambio. Il Flat 4 è aspirato discretamente, e salire sul primo ti permette di vedere una corsa breve e uno sterzo deciso all’istante, nonché una rigidità della frizione ben misurata dentro e fuori di noi. Lasciare la capitale catalana ti dà già una prima idea della flessibilità e versatilità del GR86, che quindi non teme il traffico urbano e può svolgere il ruolo di un’auto di tutti i giorni.

Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

Peccato che il rumore del motore non c’è, dentro e fuori.

Allontanandoci dalle case e dalla costa, ci ritroviamo sulle strade più capaci di valutare i progressi in termini di dinamismo. Cominciamo dal motore: gli appassionati della tipica trazione meccanica discontinua della Subaru Impreza continueranno a deludere, con rumori costituiti per lo più da sibilo di entrata in rosso. D’altra parte, non sorprende che la curva di coppia cambiata trasformi completamente il carattere del motore: perdiamo un po’ di sfregamento mentre ci avviciniamo alla zona rossa con maggiore linearità ma guadagniamo ovunque, con un range di velocità perfetto. Ci vuole più tempo per giocare costantemente con la scatola. Quest’ultimo rimane un piacere da affrontare, ma non è all’altezza della Mazda MX-5 ND che tocca la perfezione.

Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale
Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

Il GR86 si sta facendo strada su tutta la linea, dimostrando di essere più versatile ma senza dimenticare il dinamismo del GT86.

Sul lato del collegamento al pavimento, il nostro modello di prova è stato dotato di ruote da 18 pollici con pneumatici Michelin Pilot Sport 4 e l’attacco di base da 17 pollici è rimasto con lo stile Primacy HP… Prius. Con il suo baricentro naturalmente basso grazie alla disposizione dei cilindri, alle sospensioni stabili e reattive e alla distribuzione delle masse quasi perfetta, il GR86 è un modello ben bilanciato che diventa rapidamente un’estensione del suo motore, reagendo istantaneamente ma con attenzione a ciascuno dei suoi impulsi . Tuttavia, va rispettato: il controllo di trazione si prende cura della grana, ma non è nemmeno affascinante. Con questa nuova abbondanza di coppia ai bassi regimi, l’accelerazione anticipata fuori dalla curva si traduce direttamente in un assale posteriore che si allarga come un avvertimento di eccessivo ottimismo per i principianti o un gradito inizio alla deriva per i più esperti. E questa tendenza all’oscillazione è stata confermata durante una sessione circolare organizzata dalla Toyota, mentre una piccola pioggia leggera inizia dopo diverse settimane senza atterrare. Basta trasformare la pista in una pista di pattinaggio con una chiave a caratteri più o meno elaborati dei partecipanti.

Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale
Per iniziare - Toyota GR86 (2022): un'auto analogica nell'era digitale

Esilarante su strada, la Toyota GR86 è esaltante in pista.

READ  Colruyt apre il suo primo supermercato belga aperto 7 giorni su 7, 24 ore al giorno!

Bisognerà attendere ancora qualche mese per avere un’idea più completa della Toyota GR86 con i test dei modelli finali, ma le prime impressioni rivelano un’auto che ha acquisito versatilità e qualità di finitura senza perdere alcuna qualità aerodinamica, al contrario, che delizierà i fan del disco puro e rigido con un feedback tagliente per quanto riguarda il contro-routing.