Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Paris Saint-Germain – Mbappe non è più insostituibile: il facile passaggio al potere di Luis Enrique

Paris Saint-Germain – Mbappe non è più insostituibile: il facile passaggio al potere di Luis Enrique

All'improvviso, Luis Enrique ha cambiato completamente la sua visione di Kylian Mbappe. “Quando Kylian vuole giocare, non abbiamo molto da dire“, aveva avvertito a gennaio prima di una partita di Coppa di Francia a Castres. Domenica scorsa, al Parco dei Principi, pochi minuti dopo che il suo attaccante era stato improvvisamente eliminato dalla partita contro il Rennes al 65', aveva detto esattamente il contrario: “Dobbiamo abituarci a giocare senza Kylian. Quando vorrò giocarci, lo farò. Quando ciò non avviene è la stessa cosa“Cos'è successo? Come ha potuto il tecnico spagnolo dire tutto e ribaltare la situazione a distanza di un mese?”

In effetti, il cambiamento di rotta è facilmente spiegabile. Intanto Mbappe ha informato il PSG che non ha intenzione di continuare l'avventura a Parigi il prossimo anno. Una scelta fatta chiaramente dal suo allenatore che ora vuole agire di conseguenza. Nessuno avrebbe potuto immaginare, infatti, che Luis Enrique avrebbe agito in questo modo e avrebbe liberato il suo miglior giocatore mezz'ora prima della fine di una partita in cui il Paris era a caccia di gol se Mbappé avesse prolungato il suo contratto. Non l'aveva mai fatto prima, e il filo conduttore è così lungo che le ragioni non sono in dubbio. Se non era tutto chiaro, l'allenatore si è affrettato a chiarire eventuali malintesi in conferenza stampa.

Immaginavamo l'undici del Real Madrid con Mbappé: “È terrificante”.

Dal progetto Mbappe al progetto Paris Saint-Germain

Contro il Rennes, Mbappé ha avuto un'ora di gioco mediocre, e se gli fosse stata applicata la logica matematica come succede con gli altri, la sua sostituzione non sarebbe stata una sorpresa. Il problema è che ha sempre beneficiato dell’immunità grazie al suo status e al suo talento. Dall'inizio della stagione ha terminato tutte le partite iniziate (tranne contro il Marsiglia per infortunio). Luis Enrique ha dichiarato guerra al suo attaccante rendendolo un giocatore come gli altri? L'allenatore spagnolo afferma la sua autorità sul gruppo e sulla società attaccando coloro che ritiene intoccabili.

READ  Paul van Himst, "Pele Blanc" festeggia il suo 80esimo compleanno

Ma Luis Enrique non è pazzo, ha aspettato l'occasione. Non si sarebbe mai permesso una tale assertività prima che Mbappé rivelasse i suoi desideri altrove. Altrimenti perché non lo ha fatto prima? Contro il Brest (2-2) a fine gennaio, ad esempio, Mbappé ha saltato completamente la partita ma è rimasto in campo per 90 minuti. La decisione è ferma, ma la tempistica mette ancora in dubbio la portata del coraggio dell'allenatore parigino. Aveva necessariamente bisogno di spiegare le ragioni della sua somministrazione oltre a mostrare i muscoli e gonfiare il petto?

immagine

Kylian Mbappe, attaccante francese n. 07 del Paris Saint-Germain, guarda durante il primo round della Champions League, giorno 5, partita del Football Group F tra Paris Saint-Germain (PSG) e Newcastle United il 28 novembre 2023.

Credito: Agenzia France-Presse

Pronti per la prossima stagione di febbraio?

L'ex ct della Nazionale spagnola ha motivato la sua scelta dicendo che aveva bisogno di abituarsi alla sua assenza. Con Mbappé in squadra il progetto ruota necessariamente e inevitabilmente attorno a lui. Oggi il tecnico dovrà trovare un'altra ricetta e avviare un nuovo progetto di gruppo. La missione è sorprendente, così come il peso di Mbappe nei successi parigini è enorme. Ma pensare che le partite di Ligue 1 di febbraio servano a costruire la stagione successiva in un club come il Paris Saint-Germain, dove le 11 partite vengono ridisegnate ogni estate, è un dito negli occhi. Tutto questo è innanzitutto una storia dell’ego.

D'ora in poi sembra che sia in atto uno scontro tra le due squadre potenti del PSG. Il rischio è moderato per Parigi. Il vantaggio in campionato (11 punti) è tale che anche la fine infruttuosa della stagione di Mbappe non gli impedirà di diventare campione. Quanto a immaginare un possibile ritiro del campione del mondo 2018 dalla Champions League, è un fraintendimento del suo acuto senso della storia e della sua sete di titolo. Mbappe non manderebbe mai via una partita di C1 anche se il suo allenatore gli cercasse i pidocchi. Parigi non teme molto questa vicenda, mentre all'orizzonte si profila una possibile fine amara per il suo aggressore.

READ  Il danno gli è costato caro, si è "girato e attaccato alla macchina..."