Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ordine record di Rafale 17 miliardi di euro

Venerdì gli Emirati Arabi Uniti hanno firmato un accordo per l’acquisto di 80 aerei da combattimento Rafale, record per gli aerei da combattimento entrati in servizio nel 2004, in occasione della visita del presidente francese Emmanuel Macron a Dubai.

Questo successo commerciale è arrivato nel primo giorno di un veloce tour del capo dello Stato del Golfo, arrivato questa sera in Qatar per incontrare l’emiro del Paese, lo sceicco Tamim bin Hamad Al Thani.

Sabato a Jeddah, la principale città portuale dell’Arabia Saudita, avrebbe dovuto avere un delicato incontro con il principe ereditario Mohammed bin Salman (MBS), la cui immagine internazionale è stata gravemente offuscata dall’assassinio nel 2018 del giornalista saudita Jamal Khashoggi.

Tredici anni di sforzi, tra alti e bassi, sono stati fondamentali per il successo del Rafale negli Emirati Arabi Uniti, un paese ricco con una crescente influenza geopolitica che ha stretto stretti legami con Parigi.

Questo rappresentaIl più grande contratto militare con una componente francese nella nostra storia“, Emmanuel Macron ha accolto, dopo averlo registrato con il principe ereditario di Abu Dhabi, Mohammed bin Zayed Al Nahyan, secondo Mohammed bin Zayed. Sembra, secondo lui, che gli Emirati Arabi Uniti considerino la Francia”.partner forte” E “di fiducia“, Chi è il “mantenere i suoi impegni“.

Contratti da 17 miliardi di euro

Complessivamente, il volume dei contratti militari conclusi venerdì – che include anche l’acquisto di 12 elicotteri Caracal e armi dal produttore di missili MBDA – rappresenta una somma di oltre 17 miliardi di euro, di cui 14 accordi per il solo aereo Rafale, secondo l’Eliseo . .

READ  Il presidente ucraino Zelensky prêt à faire une concession sur la neutralité de l'Ucraina

Il velivolo Rafale sarà consegnato da Dassault Aviation Group tra il 2027 e il 2031 e intende sostituire il velivolo Mirage 20009 60 acquisito da Abu Dhabi nel 1998.

Sarà consegnato allo standard F4, un programma in fase di sviluppo del valore di quasi 2 miliardi di euro e presentato come “Spostamento tecnologico, industriale e strategicoentro il 2024.

Per Emmanuel Macron è così”.Molto buono per la Francia“Perché lei”crea posti di lavoro“nel paese è permesso”Garantire la sostenibilità della filiera produttiva del Rafale fino alla fine del 2031Secondo il ministero delle Forze armate.

Armi usate in Yemen

Prima di questo decennio, gli Emirati Arabi Uniti erano già il quinto cliente più importante dell’industria della difesa francese nel decennio 2011-2020, con € 4,7 miliardi di ordini.

Negli ultimi anni, Parigi è stata presa di mira per aver utilizzato alcune di queste armi nel conflitto in Yemen, dove l’Arabia Saudita e i suoi alleati sono sospettati di crimini di guerra.

In Francia, l’annuncio di questo contratto record quattro mesi prima delle elezioni presidenziali è stato elogiato dai leader politici, soprattutto di destra, mentre è stato fortemente condannato dal candidato ambientalista Yannick Gadot, secondo quanto ha affermato.La Francia ci fa vergognare quando armiamo regimi autoritari che disprezzano i diritti umani e la cui ricchezza si basa sui combustibili fossili.“.

Otto miliardi in più in altri affari

A Dubai sono stati firmati altri accordi franco-emirati, in particolare dal potente fondo sovrano Mubadala, che si è impegnato ad aumentare la sua dotazione di investimenti in società francesi a otto miliardi di euro.

READ  La tempête Eunice a balayé le nord de l'Europe, faisant au moins neuf morts

Prima della tappa di sabato a Jeddah, Macron ha difeso i meriti del suo incontro con Mohammed bin Salman di fronte alle critiche delle ONG e dei difensori dei diritti umani.

Chi può pensare per un secondo che stiamo aiutando il Libano, che manteniamo la pace e la stabilità in Medio Oriente se diciamo: “Non parliamo più con l’Arabia Saudita, il Paese più popoloso e più importante? Il Golfo?”“, Chiesto.

Questo non significa che io sostenga, che dimentichi, che non cerchiamo partner“e lei”Il diritto al lavoro per il nostro Paese e nell’interesse della regione‘, secondo lui.

Trattative sul Libano

Di fronte a Mohammed bin Salman, il presidente francese intende difendere la causa del Libano, in quanto la crisi economica è stata esacerbata dalla crisi diplomatica iniziata in ottobre con diversi Paesi del Golfo, guidati dagli arabi, che ne hanno congelato le importazioni.

Questi sforzi dovrebbero beneficiare delle dimissioni del ministro libanese dell’Informazione, George Kordahi, che sono state annunciate venerdì, sullo sfondo della crisi, criticando l’intervento militare di Riyadh nello Yemen. “I francesi vogliono che mi dimetta prima della visita di Macron a Riyadh, perché potrebbe aiutarli ad avviare un dialogo con i funzionari sauditi sul Libano.“, è da spiegare.

Accogliendo le sue dimissioni, Emmanuel Macron ha già espresso i suoi auspici per”Essere in grado di coinvolgere nuovamente tutti gli stati del Golfo nelle loro relazioni con il Libano“.”Non siamo ancora arrivati ​​alla fine della strada, ma spero che le prossime ore ci permettano di andare avanti“, Ha aggiunto.