Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Ci sono soldati, cani e mitragliatrici ad ogni angolo di strada’: le vie di uscita sono chiuse sul nuovo fronte ucraino

Un neonato avvolto in una coperta rosa in un ospedale sulla riva nord del fiume Dnepr in Ucraina potrebbe non vedere i suoi nonni nel sud annesso alla Russia.

Sua madre è scappata, optando per la relativa sicurezza di Zaporizhia, città controllata dal governo ucraino, dove il bambino è nato cittadino ucraino in un paese conquistato dai russi otto mesi prima. Gli antenati rimasero dall’altra parte del fiume.

“Potrebbe essere troppo tardi per fuggire”, si lamenta Anastasia Skachko, 19 anni, guardando la figlia ancora senza nome.

“Non voglio nemmeno che ci provino”, scivola, “le strade o vengono bombardate o bombardate”.

Il contrattacco ucraino, che ha visto i russi cedere la maggior parte dei territori occupati nel nord, ha raggiunto il sud molto strategico.

aspettare

Le frustrate forze russe si aggrapparono alla regione meridionale di Kherson – un ponte di terra che dava al Cremlino l’accesso alla Crimea annessa – e bombardarono gli ucraini, che avanzarono con rinnovato vigore.

I combattimenti distrussero paesi lungo il fiume e bloccarono le vie di fuga utilizzate dalle famiglie all’inizio della guerra.

Anastasia Skachko dice di essere riuscita a contattare sua madre tramite WhatsApp per dirle che ora è una nonna. Ma il numero di telefono iniziava con il prefisso internazionale russo +7 invece del prefisso ucraino +38.

I russi hanno già tagliato le linee attuali del regime ucraino per stabilire il loro potere e interrompere il flusso di informazioni.

“È difficile dire se vedrà mai la piccola”, ha detto Anastasia. “Lo sappiamo entrambi. Ma nessuno dei due voleva parlarne al telefono.

prigione aperta

La legge marziale imposta dalle forze del Cremlino sulle terre rivendicate dalla Russia rende la vita quotidiana più difficile. La Russia ha chiuso l’ultimo posto di blocco nel sud per impedire alle persone di fuggire nel territorio controllato dal governo ucraino.

READ  Elezioni in Brasile: Lula, dopo il carcere, la strepitosa rimonta

Alcuni civili vengono trasportati in autobus più lontano dal fronte verso le aree controllate dalla Russia, una mossa che gli ucraini descrivono come deportazioni forzate.

Una manciata di persone che sono riuscite ad arrivare nella città di Zaporizhia, a negoziare con i soldati, hanno descritto la vita a casa come una prigione aperta.

I giornalisti possono recarsi nella regione solo nell’ambito di visite attentamente supervisionate dal Cremlino.

“Ci sono soldati, cani e mitragliatrici ad ogni angolo”, ha detto Oleksandra Boyko, della città occupata di Melitopol, che è fuggita con la figlia neonata. La maggior parte di loro sono ceceni.

Il Cremlino faceva affidamento sull’esercito del leader ceceno Ramzan Kadyrov per controllare alcuni dei territori occupati.

Coloro che sono fuggiti hanno descritto questi soldati come fuorilegge. “Gli uomini del (vicino) Daghestan sono un po’ più gentili, ma gli uomini di Kadyrov sono semplicemente selvaggi”, ha descritto Natalia Voloshina, della Berdyansk occupata.

Pressione psicologica

Molti indicano lo stress psicologico associato all’invasione. Le donne intervistate dall’AFP hanno indicato che i leader nominati dal Cremlino nominano o assistono solo le persone che rinunciano alla cittadinanza ucraina per ottenere la cittadinanza russa.

“Ti dicono che o lavori con noi o non hai niente”, dice Natalia Voloshina. “Ho subito detto loro di no”.

A Oleksandra Boyko sono state offerte “ingenti somme” se avesse registrato il suo bambino di quattro mesi come cittadino russo. “Ho detto di no in linea di principio. Sono ucraino. Dovrebbe essere ucraina”, specifica il nativo di Melitopol.

“Alcuni lo accettano perché non c’è quasi lavoro e non ti assumeranno senza un passaporto russo”, aggiunge. “Se non c’è niente da mangiare, cos’altro puoi fare?”