Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

#columbianchemicals, così è stata trasmessa negli USA la prima fake news russa

A volte il mondo cambia davanti ai nostri occhi, e Ma non lo vediamo subito. Perché sta andando troppo veloce, pPerché la verità è molto complicata. Poi, all’improvviso, l’imprevisto ci salta addosso e tutto diventa chiaro. È in qualche modo simile alla storia delle elezioni del 2016 che hanno visto Donald Trump vincere la presidenza degli Stati Uniti.

Dall’interferenza russa con i gruppi di Facebook manipolati da una società chiamata Cambridge Analytica, l’uso della propaganda è cambiato quell’anno.

Ecco la storia della prima fake news russa sul suolo americano: la misteriosa esplosione fantasma in un impianto chimico in Louisiana. Un processo online che sarà un vero banco di prova prima di una campagna su larga scala.

11 settembre 2014. Le acque della baia che circondano la cittadina di Centerville, Louisiana, dormono tranquille. Sono le 8:30. Duval Arthur, un ex sergente dell’esercito, non si aspetta nulla di particolare da questo giorno. È giovedì – con l’eccezione della commemorazione degli attacchi al World Trade Center, che alimenteranno i canali TV fino a questa sera – nulla dovrebbe venire a disturbare l’umidità di fine estate.

Dai suoi anni nell’esercito, la corporatura di Duval Arthur è diventata più forte. Sulla fronte gli cade un lunghissimo ciuffo grigio. Come direttore della sicurezza nazionale e della pianificazione delle catastrofi per la parrocchia di Saint Mary, in Louisiana, le sue spalle erano leggermente cadenti sotto la giacca. Gli anni passarono, ma l’amore di Duval Arthur per la bandiera, la patria e le sue libertà rimasero.

Strani messaggi dal nulla

Eccolo lì, in quella mattina di fine estate, quando il suo telefono squilla. Uno dei locali lo chiama. “Cosa sta succedendo in un impianto chimico in Colombia. È un’esplosione? è pericoloso?“Duval Arthur non capisce. Non ne sa nulla. Ci sono diverse fabbriche a Centerville, il suo lavoro è garantire la sicurezza. Non ha ricevuto alcun avviso.

READ  L'Ucraina afferma que la Russie an accepté oralement les propositions de Kiev

ma guardaCi sono messaggi che circolano, ha detto il suo interlocutore. I residenti dei villaggi di Franklin, Morgan City, Patterson e Baldwin, persino New Orleans e Baton Rouge, hanno ricevuto messaggi di testo sui loro telefoni cellulari. I messaggi dicono:Rischio di comparsa di fumi tossici nell’area fino alle 13:30. Mettiti al riparo, controlla i media locali e columbiachemicals.com



4 foto





Schermata Twitter © Tutti i diritti riservati

Anche online Twitter vive nel panico. L’account di @AnnRussela condivide una foto dell’impianto di Centerville, una delle quali mostra un pennacchio di fumo. Un uomo di nome John Merritt scrive: Un’esplosione è stata sentita per miglia intorno all’impianto chimico di Centerville in Louisiana #ColumbianChemicals.

Alcuni account condividono uno screenshot della CNN, il canale nazionale intitolato “Islamic State Claims Attack”. Su YouTube, un videoclip dell’esplosione appare da lontano e il fumo si alza nel cielo. La pagina Facebook “Lousiana News” seguita da 6.000 persone ha pubblicato un articolo che descrive l’incidente.

In tutto, ci sono 31.000 iterazioni dell’hashtag #columbianchemicals su Twitter, che descrive una situazione disastrosa.



4 foto





Una finta esplosione alla Clumbian Chemicals di Centerville, in Louisiana. Schermata di Youtube. © Tutti i diritti riservati

Tuttavia, nel pomeriggio, un comunicato stampa dallo stabilimento della Columbia Chemicals a Centerville è arrivato nelle redazioni locali e nazionali: “Abbiamo appreso che diverse persone hanno ricevuto lettere che indicavano una fuga di gas tossico da un impianto di Columbian Chemicals vicino a Centerville, in Louisiana. Il contenuto di questa lettera non è corretto. Non si sono verificate perdite di gas tossici, esplosioni o altri incidenti nelle nostre strutture. Noi non si conosce la fonte di questi messaggi La polizia è stata contattata e sta seguendo il caso“.

In un impianto chimico colombiano. In effetti, durante il giorno non è successo assolutamente nulla. L’evento è avvenuto solo online. È un trucco. Allora, cos’è successo? Ci sono voluti alcuni mesi e Indagando su un giornalista del New York Times Per vedere chiaramente. Adrian Chen segue la catena di account Facebook, e gli account Twitter, di questi bot che si stanno animando da alcune ore. E quello che ha scoperto – in un certo senso – ha cambiato il volto della propaganda moderna.

Agenzia di ricerca su Internet e troll a San Pietroburgo

Tutto è iniziato molto prima dell’11 settembre 2014, a migliaia di chilometri di distanza a San Pietroburgo, in Russia. Savochkina Street è un viale alberato. In mezzo passa il tram. Su entrambi i lati ci sono edifici alti e senz’anima. Il 55 è un grande cubo bianco attraversato da una grande finestra. Qui è dove si trovavano gli uffici dell’Internet Research Agency. Ad ogni modo, a partire da luglio 2013, quando questa società privata è stata registrata presso il governo russo.

L’agenzia è nota per aver assunto centinaia di giovani russi per diffondere contenuti pro-Cremlino online a fini di propaganda da falsi account online. Dopo un’attenta ricerca, il giornalista americano Adrian Chen è convinto che questi falsi account siano dietro la bufala dei prodotti chimici colombiani.



4 foto





Ex sede dell’Internet Research Agency a Saint-Pertersbourg © Google Maps

Siamo nell’aprile 2014, cinque mesi prima che non ci fosse alcuna esplosione allo stabilimento chimico di Centerville in Louisiana, ma account Twitter, pagine Facebook e video di Youtube stanno facendo del loro meglio per farlo. Secondo le indagini condotte dalle autorità americane dopo mesi – È stato creato un nuovo dipartimento presso l’Internet Research Agency.

Progetto traduttore. Questo progetto si concentra sulla popolazione americana e opera su piattaforme di social media come YouTube, Facebook, Instagram e Twitter. La sua strategia include, scrive il rapporto, “Interferire nelle elezioni americane del 2016, con l’obiettivo di diffondere la sfiducia nei confronti dei candidati e del sistema politico in generale”.

#columbianchemicals, il primo test prima della grande operazione del 2016

Un mese dopo, due donne: Alexandra Krylova e Anna Pugacheva andarono negli Stati Uniti. Secondo i rapporti statunitensi, con il pretesto e al fine di raccogliere informazioni a beneficio dell’Internet Research Agency. Hanno pianificato un percorso, acquistato attrezzature (fotocamere, schede SIM, ecc.) e ideato misure di sicurezza (compresi scenari di evacuazione in caso di problema). Con i visti turistici hanno nascosto alle autorità statunitensi il vero datore di lavoro, cosa che avrebbe destato sospetti.

Dal 4 al 26 giugno hanno viaggiato in vari stati degli Stati Uniti… inclusa la Louisiana. Questa escursione è uno degli elementi, insieme a tutti quelli raccolti dal giornalista Adrian Chen, che suggeriscono seriamente che la bufala delle sostanze chimiche colombiane sia stata fabbricata dall’Internet Research Agency.

Quando il giornalista americano chiamò Duval Arthur, capo della sicurezza di Saint Mary’s Parish, in Louisiana, per parlargli dell’11 settembre 2014, pochi mesi dopo. Duval Arthur quasi se ne dimenticò, pensando che fosse uno stupido scherzo il 9/11 Memorial Day. Solo molto tempo dopo ha capito di aver vissuto dall’interno il primo atto di una storia che avrebbe riscritto il nostro rapporto con Internet.

La nuova propaganda online: suscitare il dibattito per dividere meglio la società

Oggi la Russia nega qualsiasi coinvolgimento nelle elezioni presidenziali del 2016. Ma secondo il sistema giudiziario statunitense, la bufala #columbianchemicals è uno dei primi test per manipolare le conversazioni online negli Stati Uniti. Al fine di influenzare l’esito delle elezioni. Già nel 2016, un mese prima del giorno del voto, i servizi di intelligence statunitensi erano già preoccupati per i tentativi della Russia di violare le elezioni.



4 foto





Giorno di apertura: Concerto © AFP o suoi licenziatari

Nel gennaio 2017, momento dell’inaugurazione di Donald Trump, “Il rapporto congiunto di CIA, FBI e NSA afferma che ci sono due obiettivi principali dell’operazione”, spiega Sophie Marino, ricercatrice di storia del Quebec che sta scrivendo una tesi sull’argomento all’UCLouvain, “Minando la fiducia degli americani nel loro sistema elettorale, il secondo obiettivo sarebbe screditare Hillary Clinton”.

Le stesse piattaforme (Twitter, Facebook, Youtube …) stanno comunicando rapidamente l’attività insolita di alcuni account dalla Russia. Ci sono rapporti a partire dal 2017. Nel suo primo rapporto, Twitter ha dichiarato di aver cancellato 50.000 account e collegato più di 3,8 milioni di tweet a questi account russi.. Questo rappresenta il 19% di tutti i tweet sulle elezioni presidenziali statunitensi del 2016″. Il che significa quasi un quinto dei tweet sulla campagna elettorale del 2016.

Informazioni sulla newsletter

Ricevi le principali notizie ogni mattina.