Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Omega-3: EPA, un rimedio naturale per il dolore cronico?

L’acido eicosapentaenoico (EPA) è un nutriente essenziale e omega-3 della famiglia degli acidi grassi polinsaturi (PUFA). Poiché il corpo umano non è in grado di produrre PUFA, sono necessari integratori alimentari contenenti EPA per supportare alcune normali funzioni fisiologiche. Trovato in abbondanza in fonti naturali come pesce, olio di canapa e olio di semi di lino, l’EPA è noto per le sue attività antinfiammatorie, neuroprotettive e cardiovascolari.

Studi recenti hanno dimostrato gli effetti dell’EPA nel ridurre la mortalità dopo infarto del miocardio (attacco cardiaco), nel migliorare l’insulino-resistenza, nel diminuire i livelli di lipidi nel sangue e nell’inibire l’aggregazione piastrinica. È stato anche dimostrato che gli acidi grassi polinsaturi omega-3 riducono le risposte infiammatorie dopo l’infezione da COVID-19.

Nonostante l’ampio spettro dei suoi effetti terapeutici, i bersagli molecolari e il meccanismo d’azione sottostante dell’EPA rimangono sfuggenti.

Decodifica come funziona l’Agenzia per la protezione ambientale

Il team giapponese guidato da Takaaki Miyagi identifica un nuovo target molecolare per l’EPA: “Dato che l’EPA allevia significativamente il dolore infiammatorio e neuropatico, esiste una forte possibilità di un importante bersaglio molecolare dell’EPA associato alla neuropatia”.. I ricercatori rivelano che l’acido eicosapentaenoico riduce il dolore inibendo il rilascio di adenosina trifosfato (ATP) mediato da ATP.

Nello specifico, lo studio identifica il trasportatore del nucleotide vescicolare come un nuovo bersaglio per l’acido eicosapentaenoico (EPA) ed evidenzia il meccanismo alla base dell’effetto analgesico dell’EPA.

  • Durante i disordini neurologici, metabolici e immunitari, la trasmissione chimica delle “purina”, una forma di segnalazione extracellulare mediata dai derivati ​​delle purine, provoca il legame di trasportatori di energia come l’adenosina trifosfato (ATP) ai “recettori delle purine”, provocando ed esacerbando disturbi neuropatici e deterioramento cognitivo Dolore infiammatorio. Questo legame è mediato dal trasportatore del nucleotide vescicolare (VNUT), che diventa così la molecola chiave nell’inizio della segnalazione purineale. I ricercatori hanno ipotizzato che l’EPA colpisca la VNUT, bloccando così la trasmissione di sostanze chimiche purinergiche e diminuendo la percezione del dolore.
READ  Queste campagne scientifiche sono minacciate dal prezzo del carburante

Ipotesi convalidata: Gli scienziati stanno convalidando questo meccanismo complesso, sia in vitro, utilizzando VNUT di derivazione umana, sia in vivo, utilizzando un modello murino carente di VNUT. Questo effetto è confermato solo con l’EPA e i suoi metaboliti, e non con l’acido docosaesaenoico, un altro acido grasso omega-3, indicando che è necessaria una struttura specifica dell’acido grasso omega-3 per l’inibizione della VNUT.

  • In un modello murino di dolore neuropatico e carenza di VNUT, l’EPA non aumenta il dolore perché l’effetto inibitorio dell’EPA su VNUT non può essere esercitato. Allo stesso modo, la ridotta resistenza all’insulina indotta dal dolore neuropatico è mostrata dal trattamento con EPA nei topi “normali” ma non nei topi carenti di VNUT.

EPA, un potente analgesico con meno effetti collaterali: Pertanto, basse concentrazioni di EPA inibiscono completamente e reversibilmente il rilascio di ATP dai neuroni, senza inibire il rilascio di altri neurotrasmettitori. Rispetto ad altri farmaci, l’EPA dimostra un maggiore effetto analgesico con minori effetti collaterali. Questi effetti analgesici dell’EPA possono estendersi alla gestione del dolore cronico associato a molte altre situazioni, tra cui la chemioterapia e condizioni tra cui diabete, reumatismi, gotta o infiammazione. Inoltre, la trasmissione chimica delle purine è anche associata a varie condizioni, tra cui il morbo di Alzheimer e la depressione, per le quali l’EPA potrebbe essere esplorata come strategia terapeutica.

Più in generale, l’EPA e i suoi metaboliti potrebbero essere meglio sfruttati nella gestione del dolore cronico, in alternativa agli oppioidi e senza i loro effetti collaterali. Gli obiettivi specifici consentiranno inoltre lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche e preventive mirate alla chemiotrasmissione delle purine per malattie infiammatorie, neurologiche e metaboliche.