Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La testa di una donna di Neanderthal ricostruita da ricercatori britannici (foto)

Il loro viaggio – dalla scoperta di un teschio nel Kurdistan iracheno a questo processo di ricostruzione – è raccontato in un documentario trasmesso giovedì su Netflix e prodotto dalla BBC.

Tutto è iniziato nel 2018, quando gli archeologi dell'Università di Cambridge hanno scoperto il cranio di un esemplare di Neanderthal a cui hanno dato il nome di Shanidar Z, dal nome della grotta in cui lo trovarono, che era stata chiusa agli scienziati per 50 anni per motivi politici.

Le note permettono di concludere che si trattasse di una donna che al momento della morte aveva circa quarant'anni.

La parte inferiore dello scheletro era stata precedentemente scavata nel 1960 con i resti di almeno dieci uomini di Neanderthal, dall'archeologo americano Ralph Solecki, noto per il suo lavoro volto a riabilitare l'immagine di questa specie.

La scoperta del cranio di Shanidar Z, schiacciato da una pietra caduta poco dopo la sua morte, è stata una vera sorpresa per i ricercatori.

Il professor Graeme Parker del Macdonald Institute for Archaeological Research di Cambridge ha detto all'AFP che il team “non si aspettava di trovare più uomini di Neanderthal” nella grotta.

Sei il tipo di persona che si sveglia presto? Questo potrebbe provenire dal DNA di Neanderthal.

“Abbiamo voluto provare a datare le sepolture… per poter utilizzare il sito (Shanidar) per contribuire al grande dibattito sulle ragioni della scomparsa dell'uomo di Neanderthal”, che conviveva con l'Homo sapiens qualche migliaio di anni prima della loro comparsa. Si estinse circa 40mila anni fa.

Shanidar Z faceva parte di un gruppo di cinque esemplari rinvenuti dietro un'enorme roccia verticale situata al centro della grotta.

READ  Neve che cade in pianura questo fine settimana?

I ricercatori ritengono che la roccia possa essere servita come indicatore per consentire ai Neanderthal di seppellire i loro morti nello stesso posto.

Impressione 3D

Chris Hunt, professore all'Università di Liverpool, spiega che il posizionamento dei resti del corpo ritrovati, nella stessa posizione e con lo stesso orientamento, potrebbe significare che i Neanderthal avevano una “tradizione” intorno alla morte e che esisteva una “tradizione” trasmissione della conoscenza tra le generazioni.” John Morris University, che ha partecipato alla ricerca.

Aggiunge che questo “comportamento deliberato (…) non è simile a quanto menzionato nei libri di testo sui Neanderthal, che descrivono una vita brutale e breve”.

Emma Pomeroy, paleoantropologa dell'Università di Cambridge, spiega che rimuovere i resti di Shanidar Z è stato un processo molto delicato.

I Neanderthal non mangiavano quasi altro che carne

Le ossa e i sedimenti circostanti dovevano essere rinforzati in situ con una specie di colla prima di essere rimossi in tanti piccoli pezzi avvolti in un foglio di alluminio.

Più di 200 frammenti del cranio sono stati poi assemblati in un laboratorio di Cambridge, “come un puzzle tridimensionale di grande valore”, soprattutto perché i frammenti avevano una consistenza “come biscotti intinti nel tè”, dice Emma Pomeroy.

Una volta ricostruito, il cranio è stato stampato in 3D, consentendo a due famosi artisti paleontologici – i gemelli olandesi Adrie e Alphonse Kenes – di ricostruire il suo viso applicando strati di pelle e muscoli ricostruiti, lavoro presentato nel documentario trasmesso giovedì intitolato “Secrets dei Neanderthal”.

Emma Pomeroy spiega che se i crani dei Neanderthal erano molto diversi da quelli degli umani, “con arcate sopracciliari massicce e quasi senza mento”, un volto rimodellato in questo modo “suggerisce che queste differenze non erano così pronunciate”.

READ  Il Governo del Canada firma due accordi bilaterali con il Quebec per sostenere iniziative volte a migliorare l’assistenza sanitaria

Ciò permette, a suo avviso, di sapere “come sono avvenuti i processi di ibridazione tra le specie, al punto che quasi tutte le persone viventi oggi possiedono ancora il DNA di Neanderthal”.