Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Dice che ci nutre, ma ci avvelena con le sue sostanze chimiche.”

“Dice che ci nutre, ma ci avvelena con le sue sostanze chimiche.”

Per Gerard e Josephine* la tazza è piena. Prurito agli occhi, gola irritata e mal di testa sorgono quando il loro vicino giardiniere spruzza i prodotti sul terreno vicino alla loro casa.

Scritto da PB – giovedì 2 maggio 2024 alle 06:00

Illustrazione tramite Pixabay

Questa coppia di pensionati ha acquistato la propria casa più di 30 anni fa nelle Southern Highlands. Casa costruita nel 1989 in zona agricola. Gérard alleva da solo qualche pollame e coltiva anche le sue verdure. Il pensionato ama l'atmosfera di campagna.

Oggi il sogno della calma e dell'aria fresca si è trasformato in un incubo. “Sono convinti che vogliamo impedire loro di lavorare, ma noi chiediamo solo di trovare un terreno comune”.La moglie di Gerard, Josephine, è disperata. La controversia nasce sui prodotti che l'agricoltore spruzza. Prurito agli occhi, prurito alla gola, mal di testa… Josephine, che soffre di una malattia alla tiroide, è particolarmente sensibile alla diffusione dei pesticidi. “Abbiamo provato a chiedergli di dircelo per poter chiudere le porte e le finestre e ritirare la biancheria, ma lui ci ha detto che non doveva chiedere il permesso per fare il suo lavoro. Non voleva sentire le scuse che siamo in una zona agricola e che dovremmo semplicemente andare a vivere in città”. La coppia rimane incomprensibile. Quest'ultimo ha anche cercato di informarsi meglio sulla natura del prodotto spruzzato. “Non vuole dircelo, ma ci assicura di aver seguito la formazione di Certiphyto. La miscela nello spray sembra essere composta da un prodotto conservato in bottiglie di plastica per soda. Gerard vide. “Dice che ci nutre, ma ci avvelena con le sue sostanze chimiche.”Il pensionato denuncia. La coppia spera che l'agricoltore ne venga a conoscenza prima di decidere di sporgere denuncia. Per evitare di aggravare la situazione, Josephine e Gerard hanno deciso di non rivelare la loro identità.

READ  Covid-19: le point sur les indicaurs dans le Var après un nouveau week-end de forte hausse

carta organizzativa”Vivere bene insieme alla Reunion

I residenti possono chiedere per iscritto all'agricoltore la natura dei prodotti utilizzati e quest'ultimo è tenuto a rispondere.Indica la sala Agricoltura. D'altra parte, carta organizzativa”Vivere bene insieme alla Riunione Permette di formalizzare gli obblighi degli agricoltori di rispettare le misure di protezione delle persone che lavorano o vivono nelle vicinanze quando utilizzano prodotti fitosanitari. Nel 2020 è stata redatta una carta in coordinamento tra la Camera dell’Agricoltura, diversi sindacati agricoli dell’isola e i rappresentanti statali. “Il documento contiene le condizioni specifiche per le zone non trattate (ZNT).” Tutti gli agricoltori ai confini del quartiere devono rispettare tre distanze di sicurezza: 5 metri per le colture basse e gli orti, ma anche per la canna da zucchero; 10 m per frutteti e 20 m di distanza non comprimibile quando si utilizzano prodotti più pericolosi. Sulle etichette di questi prodotti, i simboli H300, H310 e H330 indicano che sono mortali se ingeriti, a contatto con la pelle o inalati, oppure il simbolo H331 indica tossicità per inalazione…

Le prime due distanze possono essere ridotte se il coltivatore utilizza attrezzature resistenti alla deriva, specifica Green Room. L'organismo ricorda inoltre che l'uso dei prodotti fitofarmaceutici è condizionato da Certiphyto“Diverse giornate di formazione erogate da un ente accreditato sul corretto utilizzo con un importante modulo dedicato alle alternative ai pesticidi di sintesi.”, insiste la sala verde. La formazione viene successivamente approvata dallo Stato responsabile anche del monitoraggio delle operazioni.

Anche le condizioni climatiche devono essere prese in considerazione quando si spruzzano prodotti fitosanitari “Guida alle buone pratiche agricole in Reunion”. “L’agricoltore non ha interesse a spruzzare il suo trattamento quando c’è vento.” Conferma la stanza. Se il limite è impostato a 19 km/h, “Il rischio di andare alla deriva è elevato a una velocità di 5 km/h, che corrisponde a una brezza leggera.”Lo precisa però la guida pubblicata dai servizi statali circa dieci anni fa.

READ  Marcia della salute al Benfica

Infine, l'agricoltore deve prestare attenzione prima di qualsiasi diffusione di prodotti chimici che fanno affidamento su molecole di sintesi. “Potrebbe ad esempio essere una bandiera rossa o arancione montata all'ingresso dell'appezzamento o un faro rotante montato sul trattore che viene azionato durante il processo di lavorazione.”

Piano Marshall per l'agricoltura biologica

“Ma respirando e utilizzando questi prodotti fitosanitari, è la loro salute e quella delle loro famiglie che questi agricoltori mettono in discussione”.“, lamenta Yvette Duchemane, portavoce del gruppo Oasis Réunion. L'associazione si batte per pratiche sane e rispettose delle tradizioni locali nell'agricoltura della Riunione. “Dovremmo essere preoccupati, perché è tutta una catena di operazioni agricole che deve essere smantellata, nell’interesse pubblico e non a scapito della biodiversità e nell’interesse degli interessi economici dei grandi gruppi”., critica Yvette Duchemin. La Riunione è il secondo dipartimento francese con il maggior utilizzatore di glifosato. La molecola è stata classificata come “probabile cancerogeno” dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tuttavia, la sua licenza è stata rinnovata per altri 10 anni dalla Commissione Europea lo scorso novembre. Per passare dalla chimica agraria alla biologia agraria, la Società propone instancabilmente un Piano Marshall per l'agricoltura biologica, con “Supporto reale” sostenuto da “Vera volontà politica”.

*Nomi presunti