Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non hai vinto titoli, ma ti sei guadagnato rispetto”.

Arthur Palcoscenico di nuovo prima Roberto Martinez nei Red Devils. Dopo essere stato inserito nel girone per le finali della Nations League, l’ex giocatore dell’Ostenda, ora al Bologna, torna a far parte del girone dei Red Devils che affronterà Estonia e Galles per verificare la sua qualificazione ai Mondiali 2022 in Qatar.

In questa occasione, ha parlato a una lunga intervista al microfono di Pierre Depres. In particolare alla fine della sua storia con lo Standard, la sua stagione a Ostenda, il suo trasferimento al Bologna e i suoi primi passi in Italia, ma anche la sua fusione con i Devils.

Arthur Thiat è andato a Bologna quest’estate e ha così scoperto la Serie A dopo la sua buona stagione a Ostenda. Un cambio di atmosfera non ha necessariamente confuso il difensore: “lei era Inizio veloce di stagione. Sono arrivato abbastanza tardi nella finestra di trasferimento, negli ultimi tre giorni credo. Ho iniziato in panchina e poi l’allenatore mi ha dato sempre più minuti. io spuntare Il primo gol a San Siro, contro l’Inter. Poi gioco 45 minuti nella prossima partita e poi conosco la mia prima partita contro la Lazio“.

Certo delle sue qualità, Theate non ha mai dubitato della sua capacità di vincere il campionato italiano: “Non sto dicendo che avrei pensato che sarebbe stato troppo veloce quando sono arrivato lì, ma di nuovo è tutto nella mia mente. Ho detto a mio padre che di solito si parla di adattarsi al paese, con la lingua, ma per me Adattamento al suoloPer niente fuori. Non devi stare attento a questo. Quindi non sono sorpreso, ma c’è ancora molta strada da fare. Siamo in un buon vortice con il Bologna. Abbiamo alcune vittorie. siamo dentro Pareggio ai punti con la Juventus. Quindi dobbiamo rimanere in pista“.

“Molti giovani belgi devono una mossa ai demoni”

Se gli piaceva Ostenda, nel club che gli ha permesso di esplodere in Belgio, il difensore aveva bisogno di questa nuova avventura per sviluppare il suo gioco: La squadra che abbiamo avuto l’anno scorso con Ostenda, la squadra D1A, era davvero buona. Comunque una squadra con personalità e filosofia di gioco che l’allenatore per favore si sistemano. Ovviamente venivo da Ostenda in un club come il Bologna con un allenatore come Mihajlovic E ai giocatori piace Arnautovic dove mezzo Ma devi trovare il tuo posto. Devo giocare con le mie qualità. In Italia è Molte tattiche e pensiero nel gioco. Se volessi rimanere nella mia zona di comfort, non andrei in Italia. Le tattiche non sono qualcosa che non mi piace particolarmente, ma ora sembrano piuttosto buone nel mio gioco.“.

Molti giocatori sognano di mettere i piedi sui prati del campionato inglese. È il caso anche del Liegi, anche se afferma che la Serie A lo ha sempre fatto sognare ed è stata una delle sue prime scelte: “Potrebbe essere il mio sogno giocare in Premier League, ma la mia seconda scelta era già la Prima Divisione. Come abbiamo sempre detto, è Miglior campionato difensore. È incredibile. Torniamo a scuola quando siamo in Italia. All’inizio erano video, video e tattiche e tattiche e tattiche. Alla fine, vedi che i difensori corrono, Sono millimetri. Partiamo allo stesso tempo, ci fermiamo allo stesso tempo. Qualcosa che probabilmente non abbiamo avuto con Ostenda in particolare. Abbiamo giocato di più con sentimento, mentalità e desiderio“.

Andare in Italia gli ha permesso di crescere sul campo ma anche nella vita di uomo:Ho fatto progressi in campo ma anche molto fuori. Ho lasciato la casa. Ho visto spesso mio padre, quindi è diverso. Non vado a casa, vivo da solo. In realtà ho fatto il mio. Sono maturato in pochi mesi in Italia più di un anno a Ostenda. In questo campo, ho anche molto maturato. Poi in Italia, come si dice, negli ultimi 20 minuti quando vinciamo, proviamo a giocare solo 3 o 4“.

È interessante notare che Theate crede che il suo passaggio in Serie A sia dovuto agli attuali Devils, che hanno reso famoso il Belgio: Penso che molti giovani belgi Li devono ai demoni. Hanno rivelato il Belgio sul grande palco. Quindi gli scout si sono detti che ci sono buoni giocatori in Belgio. Per me, il Belgio è stato più esplorato dall’arrivo dell’attuale generazione di demoni. loro davvero Evidenzia Belgio“.

“Non ci sottraiamo alle nostre responsabilità”

Tuttavia, il Belgio non ha vinto nulla. Era spesso presente e non è mai arrivata alla fine. Se il difensore si rende conto che è una vergogna che nessuno vinca mai la coppa, crede ancora che dovremmo essere grati per ciò che i Diavoli hanno compiuto:È vero che è stato un bene per il Belgio che i Devils abbiano vinto qualcosa, ma non è ancora finita. C’è ancora il Mondiale e le generazioni future. Ma questa generazione d’oro, c’è ancora una Coppa del Mondo, ma per me ha vinto il rispetto Tutti, anche le altre squadre. Quando il Belgio torna in campo, Le altre squadre hanno paura. Non vinci titoli ma guadagni rispetto, e per me a volte è altrettanto importante. Non dovresti criticare troppo. che è La generazione che ha messo il Belgio sulla mappa del mondo, sotto ogni punto di vista. E non è finita, ci sono ancora grandi anni a venire con i Red Devils“.

Un’eredità pesante portata dai Piccoli Demoni, ma nessun problema per i capelli. Come ovunque, la pressione per sostituire giocatori che hanno contraddistinto la propria squadra c’è ma non dobbiamo farci schiacciare da questo peso:’Nei nostri club, penso che sia lo stesso. Il giocatore ha una buona stagione, se ne va. Il giocatore che viene dopo di lui, ci aspettiamo molto da lui. Quindi stiamo ancora affrontando questa situazione nel calcio attuale. I media sono molto forti, abbiamo fatto molta luce sui giovani. Dopodiché, quella pressione sta a noi gestirla. Non ci sottraiamo alle nostre responsabilità. Siamo stati messi a terra e sta a noi fare il lavoro. Stiamo cercando di prepararci e penso che l’allenatore stia preparando la successione“.

Sia con i giocatori più esperti che con l’allenatore, Theate cerca di ascoltare il più possibile e di prendere tutti i consigli possibili. Ogni volta che gli anziani lo prendevano sotto la loro ala protettrice, senza prenderlo come diretto concorrente per il loro posto: Sei stato accolto molto bene Non mi vedono come un concorrente. Quando veniamo alla nazionale, loro sono lì per preparare il Mondiale. Sono stati molto bravi con me, ho parlato molto con Jean in Italia durante la Nations League. Squadra nazionale , È come una grande famiglia. Tutti danno tutto al Paese. Il mio rapporto con l’allenatore Martinez è buono. Abbiamo avuto una lunga discussione in Italia che è andata molto bene. Non ha detto davvero cosa si aspettava da me. È lì per fare delle scelte e assumere i migliori giocatori o prepararsi per il futuro, dipende dai ruoli. Quello che si aspetta da me, penso di sì Continuo a crescere nella mia squadra, per assicurarmi“.

“In una professione non sai cosa potrebbe succedere”

Stand a Bologna, chiamato con i demoni, il percorso sembra molto chiaro al difensore. Ma non si accende. Sa che la ruota può girare velocemente e dobbiamo sfruttare ogni scelta con i demoni, perché non c’è la certezza che ce ne sarà una dopo.

READ  Gli Stati Uniti annunciano il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi di Pechino 2022

In una professione non sai cosa potrebbe succedere. Le mie scelte in nazionale vanno Passa attraverso i servizi del mio club. Mi concentrerò su ciò che accadrà al club, di giorno in giorno. E se continuo ad esibirmi, spero di far parte della nazionale a lungo termine. È il sogno di ogni bambino. Quando inizi a giocare a calcio, tutti dicono di voler diventare un calciatore professionista, ma pochi ci riescono, quindi hai sempre voluto divertirti, e poi a poco a poco inizi a sognare i Red Devils durante la tua carriera.‘”, ricorda il difensore.

Se sabato batteranno l’Estonia, i Red Devils si qualificheranno per la Coppa del Mondo. La qualificazione affronterebbe il Galles senza pressioni e potenzialmente darebbe ai nuovi giocatori il tempo di giocare. Ma se non suona, Arthur Theatt non ne trarrà molto. Nella stessa prospettiva anche il difensore se non viene selezionato per il Mondiale 2022: “Noi non Non è lì per accontentare tutti. Dobbiamo qualificarci e prepararci per il Mondiale. Come ogni concorrente, ovviamente voglio giocare. Sono un giocatore di calcio, quindi ha senso. Se posso giocare, molto meglio, sarà una scelta dell’allenatore. È il calcio. Continuerò a fare del mio meglio per esserci nel 2026 e oltre. ho ancora anni. Se non fossi in Qatar, non sono in Qatar e non smetterei di giocare per questo“.

Una cosa è certa, se è allineato allo stesso tempo con Modo campo, Big Curly ha le probabilità in difesa.

intervista completa

Newsletter dei Red Devils

Ricevi regolarmente notizie dai nostri Red Devils!


READ  Costante e prepotente, Alexander Zverev eclissa Novak Djokovic