Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nello Standard il potenziale di Wilfried Kanga non viene sfruttato bene

Nello Standard il potenziale di Wilfried Kanga non viene sfruttato bene

Cinque gol e due assist in 17 partite. Alcuni attaccanti della NBA sarebbero felici di fornire tali statistiche. Tuttavia, se c’è una parola che dovrebbe riassumere la prima parte della stagione per Wilfried Kanga, è frustrazione!

In 19 partite del torneo, abbiamo perso il conto del numero di lanci lunghi lanciati nella speranza che l’ivoriano riuscisse a controllarli, riceverli e segnare. Frustrazione perché, come ama ripetere ogni volta che si presenta davanti alla stampa: “C’è qualità in questa squadra e dobbiamo credere in noi stessi. Il problema è che siamo volubili.Lo ha spiegato dopo la partita di Mechelen senza lamentarsi della sua sorte. Tuttavia ne avrà abbastanza visto il numero di lanci lunghi inviati nella sua direzione.

Dalla sua altezza di 1,89 metri e dalla sua apertura alare, Kanga sa come controllare e trattenere quel tipo di palla per sollevare il blocco. Il problema è che quest’ultimo non torna mai indietro nel tempo. Quante volte abbiamo potuto constatare il divario tra l’attaccante di Roche e gli altri elementi d’attacco che dovrebbero affiancarsi a lui?

Il piano a Mechelen era buono ma fallì rapidamente

Kanga non ha mai rinunciato a questa missione, lottando sempre fino all’ultimo momento. L’attaccante è spesso colto in fuorigioco e desidera legittimamente che le sue chiamate siano seguite da vicino, o addirittura anticipate, dai suoi compagni di squadra. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo ridurre i divari sul terreno. In settimana è chiaro che questo è il contenuto del messaggio trasmesso dal giocatore, che non si nasconde mai quando c’è da dire le cose davanti al gruppo o all’allenatore. Di conseguenza, Hofkins ha modificato il suo sistema con tre numeri dieci dietro Kanga: Price, Kwabe e altri. Sfortunatamente, il piano è andato rapidamente in pezzi dopo che Boukadi è stato squalificato.

Come spesso accade, Wilfried Kanga ha visto passare i lunghi palloncini che venivano mandati a destinazione a Mechelen. ©PDV

Per quanto riguarda l’attaccante in prestito dall’Hertha Berlino, speriamo che le animazioni offensive gli permettano di esprimere al meglio il suo gioco.Al momento utilizziamo solo il 40% delle caratteristiche di Wilfred.Chi lo circonda ce lo racconta. Invece di fare affidamento sulle sue dimensioni, gli Standardmen dovrebbero anche usare la loro profondità più spesso come ha fatto Steven Alzate nell’OHL e nell’Anderlecht liberando la profondità dell’ivoriano. Risultato: due gol.

READ  Jupiler Pro League: il Kortrijk strappa quota all'ultimo minuto a Bruges, Westerlo corregge il cerchio

E mercoledì, contro il Sint-Truiden, lo Standard non avrà più scelta: dovrà fare i tre punti o rischiare di ritrovarsi coinvolto in una crisi senza precedenti. Per riuscirci dovremo fare pressione sui Trudonaires. A Mechelen, con Emond al suo fianco, Kanga si è sentito meno isolato e per 25 minuti lo Standard ha afferrato il Malinois per la gola. Basta dare idee a Hofkins per mercoledì perché insieme a Emond e Kanga ha due attaccanti con la stessa mentalità che lasceranno la loro vita in campo.

Internamente, la sua partecipazione è impressionante

Internamente, se chiedi quale uomo dello Standard sia maggiormente coinvolto, spesso viene fuori il nome Wilfred Kanga. Molti nel club lo ammettono: non abbiamo mai visto un giocatore in prestito senza diritto di riscatto identificato in questo modo. ““Io, ho la tessera.”, ha annunciato il giocatore durante la stagione. Durante la settimana Kanga è spesso il primo ad arrivare e l’ultimo a lasciare il centro di allenamento.

Wilfried Kanga, che ha segnato cinque gol e due assist, non ha mai lasciato nulla di intentato. ©Jamie Bolsena

Il potente attaccante è concentrato sul suo gioco, dando poca importanza a ciò che accade fuori dal campo al punto da saltare un’uscita sanzionata dopo una delle rare vittorie per riposarsi per l’allenamento del giorno successivo. Quando si veste per andare al lavoro, Kanga sa cosa significa e lo fa da anni.

Quando era ad Angers, l’ex direttore sportivo Olivier Picot è stato allertato da un dipendente del club perché un uomo era stato visto all’una di notte nel cuore della sala pesi del centro di allenamento. Era Wilfred Kanga! Uno stato d’animo avvincente che aiuterà lo Standard a rimettersi in piedi nelle prossime settimane.

READ  La controversa nuova regina Aryna Sabalenka: "Non sostengo la guerra"