Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nel G7, forti avvertimenti a Iran e Russia

Si sono incontrati i ministri degli esteri del G7.

Ha sottolineato che “c’è ancora tempo per l’Iran di venire e accettare questo accordo” ma “questa è l’ultima possibilità”, e ha esortato Teheran a fare una “proposta seria”.

“È importante che lo faccia” perché “non permetteremo all’Iran di avere armi nucleari”, ha affermato nuovamente Liz Truss in una conferenza stampa a Liverpool, nel nord dell’Inghilterra.

I negoziati indiretti tra Iran e Stati Uniti, principalmente attraverso gli europei, sono ripresi a fine novembre a Vienna per cercare di rilanciare l’accordo del 2015 che avrebbe dovuto impedire alla Repubblica islamica di ottenere la bomba atomica.

Gli americani si sono ritirati da questo testo nel 2018, sotto la presidenza di Donald Trump che ha reimposto le sue sanzioni a Teheran, che in risposta si è progressivamente liberata dalle restrizioni sul suo programma nucleare.

“Conseguenze pericolose” se Mosca attacca Kiev

L’attuale presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, si è detto pronto a tornare all’accordo se anche l’Iran dovesse tornare ai suoi impegni, ma i negoziati iniziati ad aprile e appena ripresi dopo una pausa di cinque mesi sembrano essere a un punto morto.

L’Occidente ha accusato gli iraniani di rinunciare alla primavera. La diplomazia americana sospetta pubblicamente che il Paese ostile voglia guadagnare tempo e allo stesso tempo sviluppare il suo programma nucleare, che lo avvicina sempre di più alla bomba.

Washington ha avvertito nei giorni scorsi che non permetterà a Teheran di adottare questa posizione per molto tempo, e ha sottolineato che è ancora in preparazione un piano alternativo poco chiaro. Ma questa è la prima volta che un paese membro dell’accordo afferma che questa è l’ultima trattativa.

READ  I leader europei appoggiano la candidatura dell'Ucraina: un 'momento storico' di Volodymyr Zelensky

Secondo Liz Truss, anche i ministri degli esteri del G7 hanno mostrato un fronte unito contro Mosca, che l’Occidente ha accusato per alcune settimane di prepararsi a una possibile invasione dell’Ucraina, nonostante le smentite del Cremlino.

L’incontro di Liverpool ha mostrato, secondo il ministro britannico, “la voce molto unita dei paesi del G7 che rappresentano il 50% del PIL mondiale, e sono molto chiari” sul fatto che “ci saranno gravi conseguenze per la Russia in caso di un’incursione in Ucraina”.

La minaccia di sanzioni senza precedenti è stata elaborata da Washington nei giorni scorsi, in particolare dal presidente Joe Biden, che ha incontrato il suo omologo russo Vladimir Putin.

Un funzionario statunitense presente a Liverpool ha confermato sabato che questa nuova crisi ucraina può ancora essere risolta “attraverso la diplomazia”.

Per questo, il governo degli Stati Uniti ha annunciato che invierà dal lunedì al mercoledì il vicesegretario di Stato per l’Europa, Karen Donfried, in Ucraina e Russia, alla ricerca di “progressi diplomatici per porre fine al conflitto nel Donbass”. Ucraina, “Attuando gli accordi di Minsk”.

Quegli accordi presi nel 2015 per porre fine alla guerra scoppiata un anno fa in questa regione ucraina tra le forze di Kiev e i separatisti filo-russi non sono stati davvero onorati.

E il funzionario Usa ha già avvertito che se la Russia decidesse di “non intraprendere questa via diplomatica”, “ci saranno gravi conseguenze e un prezzo enorme da pagare, e su questo il G7 è completamente unito”.