Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia accusa la Russia di aver spostato nel suo territorio un gran numero di civili ucraini: un modo per rafforzare i suoi dati demografici?

Human Rights Watch formula tutta una serie di raccomandazioni per porre fine allo sfollamento forzato, individuale o di massa della popolazione. Queste raccomandazioni sono rivolte in modo specifico alla Russia, che dovrebbe smettere di esercitare pressioni sui civili e facilitare il loro ritorno in Ucraina.

Le autorità russe dovrebbero anche interrompere la raccolta di dati biometrici e, se risulta essere legale, limitare il tempo di conservazione. Human Rights Watch chiede inoltre alle autorità internazionali (l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e il Comitato internazionale della Croce Rossa) di monitorare i centri di collocamento temporaneo in Russia e altri paesi per accogliere i rifugiati. Cittadini ucraini in fuga, anche senza passaporto.

Piano per rispondere alla crisi demografica in Russia?

Human Rights Watch ha intervistato circa 100 testimoni: 18 persone erano già andate in Russia, 10 erano state “selezionate”, altre 8 erano state “selezionate” in questo modo ma hanno potuto recarsi in Ucraina, e altre sono riuscite ad entrare in territorio ucraino senza sono stati interrogati, così come i residenti di Mariupol e Kharkiv, le cui famiglie sono state trasferite in Russia, così come avvocati e attivisti in Russia e in Europa.

La questione del numero di persone sfollate in questo modo rimane avvolta nel mistero. Human Rights Watch non dispone di informazioni affidabili su questo argomento. Ma questo rappresenta un numero significativo di spostamenti forzati.

Il 20 giugno, Irina Vereshuk, vice primo ministro ucraino, ha stimato che 1,2 milioni di ucraini sono stati trasferiti con la forza in Russia, inclusi 240.000 bambini. Alla fine di luglio, l’agenzia di stampa russa TASS ha riferito che oltre 2,8 milioni di ucraini sono entrati in Russia dall’Ucraina, inclusi 448.000 bambini, spiegando che quasi la metà di questi cittadini ucraini possiede passaporti dell’autoproclamata “Repubblica popolare di Luhansk”, un’area controllato da gruppi armati affiliati alla Russia e attualmente occupati dalla Russia. e per A metà agosto, i media russi hanno riferito che oltre 3,4 milioni di ucraini, inclusi 555.000 bambini, sono entrati nella Federazione Russa dall’Ucraina.

READ  Il fondatore di Wagner, vicino a Putin, ammette "interferenze" nelle elezioni americane: "E continueremo a farlo"

Così, milioni di civili ucraini sono stati trasferiti con la forza in Russia illegalmente, una cifra assolutamente impossibile da verificare, ma così grande da sollevare interrogativi. Perché la Russia si comporta in questo modo?

Human Rights Watch si limita a dichiarare i risultati, ma se guardiamo al passato recente, troviamo lo stesso tipo di assimilazione della popolazione. Dopo l’annessione della Crimea nel 2014, è stata accolta favorevolmente l’incorporazione di una vasta popolazione di lingua russa (2,3 milioni) nella Federazione Russa. Perché la Russia di Putin ha lottato contro un certo declino demografico dalla caduta dell’Unione Sovietica.

Una grande preoccupazione per 30 anni

Il 1992 è un punto di svolta per la Russia: un grande paese sviluppato vede il proprio tasso di mortalità superare il tasso di natalità. La previsione è cupa: dai 146 milioni di oggi, la Russia potrebbe ristagnare tra 130 e 140 milioni entro il 2050. L’eccesso di morti maschili per alcolismo, bassa natalità, immigrazione e infine la devastazione causata dal Covid (quasi un milione di morti, secondo alcune stime ) …

Inoltre, la percentuale di russi sta diminuendo, dall’81,5% della popolazione nel 1989 al 77,7% di oggi. Nonostante la politica di parte incentrata sugli incentivi fiscali, la popolazione di lingua russa o slava in generale, per lo più cristiana, vede il proprio sottopeso di fronte agli alti tassi di natalità della popolazione musulmana, residente in Russia o immigrata dalle ex repubbliche sovietiche. Asia. Dal 2010 si osserva un rimbalzo, ma questo non basta.

Ciò vanifica i progetti di Vladimir Putin, che dipende dalla crescita demografica del suo Paese per ristabilire la sua grandezza.

READ  Meta menace de ne plus proponente Facebook et Instagram in Europa

Motivo non provato, ma movimenti illegali

Pertanto, l’iniezione della popolazione di lingua russa è benvenuta, e in questo contesto si dovrebbe comprendere la distribuzione dei passaporti agli abitanti dell’Ossezia del Sud, dell’Abkhazia e della Transnistria, nonché all’annessione della Crimea e forse un giorno al Donbass. .

Senza dubbio, i recenti trasferimenti forzati della popolazione civile ucraina vanno intesi in questo modo, conclusione che Human Rights Watch non potrà mai trarre dalle sue ricerche. “Questa domanda va fatta, ma lascio la risposta a storici e politologi. Quel che è certo è che questi spostamenti forzati, qualunque siano le loro motivazioni, sono illegali‘”, conclude Rachel Dunbar.

Questa settimana, i media russi hanno anche riferito delle discussioni in corso a Mosca sui percorsi di fusione. Nuove strutture sono state messe in atto per integrare quelle popolazioni che erano arrivate di recente in Russia. L’approccio sembra essere chiaramente focalizzato sull’insegnamento dei valori, della lingua e della storia russi.