Luglio 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Origine, pericolo e vaccini: cosa c’è da sapere sulla variante omicron

Da quando è apparsa la nuova variante, le domande si sono moltiplicate. Da dove viene? Perché è preoccupato? Abbandonerà la variabile delta? Un aggiornamento su ciò che sappiamo e, soprattutto, su ciò che ancora non sappiamo.

Da dove viene?

noi non sappiamo. Secondo l’epidemiologo sudafricano Salem Abdulkarim, è stato segnalato per la prima volta in Botswana prima di essere rilevato in Sudafrica, che lo ha annunciato il 25 novembre. Jean-François Delfraissy, capo del consiglio scientifico che dirige il governo francese, ha suggerito all’inizio di dicembre: “Potrebbe essere stato in tournée in Sudafrica (…) più a lungo di quanto pensassimo, dall’inizio di ottobre”.

Dovremmo essere preoccupati?

Il giorno dopo l’annuncio del Sudafrica, l’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la nuova variante come “preoccupante”, che le ha dato un nome in lettere greche, come prima. Le preoccupazioni al momento sono in gran parte teoriche: provengono da un lato dalle caratteristiche genetiche dell’omicron, e dall’altro da quanto si osserva in Sudafrica.

Da un punto di vista genetico, contiene un numero senza precedenti di mutazioni, tra cui una trentina di mutazioni nella proteina spike, che è la chiave per l’ingresso del virus nell’organismo. Sulla base dell’esperienza di varianti precedenti, è noto che alcune di queste mutazioni possono essere associate a un’aumentata trasmissibilità ea una ridotta efficacia dei vaccini.

D’altra parte, il numero di casi COVID-19 e la quota attribuita a questa variabile hanno visto un forte aumento in Sudafrica.

READ  Incendi del Colorado soffocati dalla neve | globalismo

La differenza con la variabile delta

Questa è la domanda centrale a cui non si può ancora rispondere. La variante delta oggi è diventata quasi dominante nel mondo grazie alle sue caratteristiche che le hanno permesso di sostituire l’alfa. In questa grande competizione tra varianti, chi è apparso negli ultimi mesi (Mo o Lambda) non è riuscito a rubare il primo posto.

La situazione in Sudafrica solleva preoccupazioni che omicron possa essere in grado di farlo. Ma questo non è certo, tanto più che la variante delta non è molto presente in Sudafrica.

Se le tendenze osservate in questo Paese saranno confermate altrove, Omicron potrebbe diventare la maggioranza in Europa “nei prossimi mesi”, stima il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). Ma queste previsioni matematiche si basano su dati molto preliminari, che potrebbero cambiare.

“Non sappiamo ancora se la diffusione dei casi derivi da una maggiore trasmissibilità, come il delta, o la fuga immunitaria” (la capacità di reinfettare persone già contagiate in passato o vaccinate, ndr), ha confermato l’esperto statunitense Eric Topol sul quotidiano britannico Guardian, pur propendendo maggiormente per la seconda ipotesi. A questo punto l’omicron è stato scoperto in tutti i continenti.

Pericolo

Questa è un’altra domanda importante a cui non è ancora possibile rispondere, sebbene diversi funzionari della sanità pubblica abbiano pronunciato parole rassicuranti questa settimana. Il famoso scienziato americano Anthony Fauci ha detto all’AFP martedì che era “quasi certo” che Omicron non fosse più pericoloso di Delta, anche se pensava che potesse essere meno. Mercoledì ha confermato i commenti del capo dell’Organizzazione mondiale della sanità che ha notato che la nuova variante sembra avere un tasso di reinfezione più elevato ma provoca sintomi meno gravi rispetto alla variante delta.

READ  La Corte Suprema degli Stati Uniti autorizza la pena di morte per il controverso condannato per cocktail mortale

I dati sui ricoveri in Sudafrica sono alquanto rassicuranti, ma va ricordato che la popolazione è abbastanza giovane, e quindi meno a rischio di forme gravi.

Il centro ha affermato che tutti i casi finora documentati in Europa sono “asintomatici o lievi”. Questo aprirà la porta a congetture ottimistiche. “Se la variante dell’omicron è altamente trasmissibile, ma non è cattiva (non riempie gli ospedali), darà l’immunità di gregge e contribuirà a mitigare il SARS-CoV-2 nel virus stagionale lieve, segnalando la fine della crisi”, ha detto il francese. virologo Bruno Canard.

Ma ha detto che uno scenario del genere sarebbe una “coincidenza”. Molti specialisti sottolineano che questa ipotesi non è la più probabile e mettono in guardia contro l’eccesso di ottimismo. Se omicron combinasse un rischio minore ma una maggiore infettività, le conseguenze sarebbero comunque già gravi a livello collettivo.

I dati preliminari dal Sudafrica suggeriscono un alto rischio di reinfezione da omicron, ma sono necessari più dati per trarre conclusioni più definitive. Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato mercoledì che ci sono anche elementi che suggeriscono che l’oomicron causa sintomi meno gravi rispetto a Delta, ma ancora una volta è troppo presto per esserne certi.

effetto sui vaccini

Ancora una volta, è troppo presto per dire se questa alternativa ridurrà l’efficacia dei vaccini, nonostante la paura. Studi preliminari, che non sono ancora stati riletti in modo indipendente, mostrano questa settimana che i vaccini sembrano generare anticorpi meno efficaci contro l’omicron rispetto alle varianti precedenti.

Ma secondo i gruppi Pfizer e BioNTech, all’origine di uno dei principali vaccini, basterebbe somministrare tre dosi per trovare un livello di anticorpi equivalente.

READ  L'Ucraina annonce avoir repris plusieurs régions aux Russes

È difficile, tuttavia, trarre conclusioni accurate perché il livello degli anticorpi giudica solo in parte la vera efficacia dei vaccini. Perché gli anticorpi sono solo una parte della risposta immunitaria, che include anche cellule chiamate linfociti T. Difficile da misurare, questa “immunità cellulare” svolge un ruolo molto importante, soprattutto contro le forme gravi di malattia.

“Non c’è motivo di dubitare” che gli attuali vaccini prevengano forme gravi nei pazienti con omicron, ha detto all’AFP Michael Ryan, capo del dipartimento di emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità.