Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mobilità, un vero buco finanziario per le famiglie belghe: le spese di viaggio sono aumentate del 50% in 20 anni!

Mobilità, un vero buco finanziario per le famiglie belghe: le spese di viaggio sono aumentate del 50% in 20 anni!

Tuttavia, BNP insiste sul fatto che le spese di trasporto (carburante, assicurazione, biglietti del treno o della metropolitana, ecc.) sono aumentate rapidamente negli ultimi anni, sostenute in particolare dall'aumento dei prezzi della benzina e del diesel: secondo BNP, le spese di viaggio totali in Belgio sono stimate Oggi sono 25,6 miliardi di euro, contro 16,8 miliardi. Si tratta di un aumento del 52% in 20 anni. Ciò deve essere mitigato dal fatto che l’inflazione generale – il vettore dell’indice salariale annuale – era intorno al 56% nello stesso periodo. “I belgi che conoscono il proprio budget spendono più di 200 euro al mese per la mobilità, nota BNP. Ciò rappresenta il 43% della popolazione e il 50% della popolazione attiva.

Il costo degli ingorghi in Belgio raggiungerà un record nel 2023: 5 miliardi di euro all'anno, ovvero 432 euro per abitante!

Tuttavia, l’indagine BNP sembra confermare che c’è stato un cambiamento significativo dopo la crisi Covid e, soprattutto, l’esplosione dei prezzi dovuta alla crisi energetica. “Il 43% ha cambiato abitudini. Per il 16% che non ha cambiato comportamento, l'impatto sul budget per la mobilità è stato negativo con un aumento dei costi.

Secondo lo studio, un belga su cinque limiterebbe i propri spostamenti in auto, più di un partecipante su tre utilizzerebbe mezzi di trasporto leggeri (camminare, andare in bicicletta, ecc.) e uno su otto utilizzerebbe maggiormente i trasporti pubblici. Tuttavia, un utente su tre di auto termiche (benzina o diesel) non ha cambiato le proprie abitudini nonostante i ripetuti aumenti dei prezzi negli ultimi anni. Non ha intenzione di farlo nemmeno nel 2024.

READ  Les infidélités d'Amazon coûtent cher à bpost

Due terzi dei belgi pensano che vietare le auto termiche sia una decisione sbagliata

La maggior parte degli intervistati ritiene che eliminare le auto termiche non sia una buona decisione. ©Belga

Non intendiamo quindi passare dalle auto termiche a quelle elettriche: il 66% degli intervistati ritiene che la decisione dell’Ue di vietare la produzione e la vendita di auto termiche dopo il 2035 sia “una decisione sbagliata, o addirittura pessima”. “Il 42% delle famiglie afferma che non vorrà mai passare a un’auto elettrica o ibrida, mentre il 37% sta pensando di farlo entro il 2029”. Si tratta di un numero inferiore rispetto al sondaggio del 2022, al termine del quale il 47% delle famiglie vorrebbe guidare in modo più rispettoso dell'ambiente entro il 2029.

L’anno 2024 segnerà un punto di svolta nella storia automobilistica del Belgio: un’auto su due venduta l’anno prossimo dovrà essere elettrica.

Secondo il sondaggio le persone dai 50 anni in su sono per lo più titubanti. Uno su due non vuole andarci, contro solo il 34% dei 25-34enni. Sempre per gli stessi motivi: autonomia (34%), costo di acquisizione (30%) e beneficio (27%). “Il 55% dei belgi che non vogliono passare a un’auto elettrica ritiene di aver bisogno di un’autonomia elettrica di oltre 500 chilometri per soddisfare le proprie esigenze di mobilità”.

Tuttavia, l’83% dei “termalisti” passati ai veicoli elettrici si dichiara soddisfatto dell’esperienza di guida e il 62% si dichiara soddisfatto della guida autonoma. Solo il 38% è invece soddisfatto del numero di stazioni di ricarica disponibili. Nonostante gli elevati costi di acquisto, che a volte ammontano a diverse migliaia di euro, almeno un conducente elettrico su due afferma di aver preso la decisione per motivi economici.

READ  les prix affichés du diesel et de l'essence... pas assez élevés, les pompistes vendent à perte, voici pourquoi

Anche nel campo dell'elettricità i belgi temono di restare senza carburante

“Ci sono cinque punti chiave da ricordare dal sondaggio”, conclude BNP. In primo luogo il fatto che i veicoli termici restano di gran lunga la modalità di trasporto più utilizzata (76%). Successivamente, un belga su sei è già passato a un’auto a basse emissioni. I principali fattori alla base di ciò sono le considerazioni ambientali (61%) e la riduzione dei costi (50%). In terzo luogo, la disponibilità di capacità di ricarica è il punto chiave per sostenere l’adozione dei veicoli elettrici. Per la maggior parte dei belgi che non vogliono passare all’elettricità, l’ostacolo principale resta la paura di “rimanere senza carburante”, mentre l’autonomia delle batterie migliora e il numero delle stazioni di ricarica pubbliche e private aumenta.

Auto elettriche: grazie ai nuovi modelli la guerra dei prezzi è finalmente iniziata!

In quarto luogo, il fatto che i belgi siano un po’ persi per quanto riguarda le opzioni dei veicoli, il tipo di stazione da installare, i costi di utilizzo, ecc. “I clienti sembrano essere ancora all'oscuro riguardo all'elettrificazione della mobilità. Anche il tasso di scetticismo è ancora alto dato che il 42% dei belgi non intende rinunciare al proprio veicolo termico. Infine, 2 belgi su 3 vogliono che le banche partecipino nella mobilità sostenibile. Possiamo offrire loro questo sostegno, aiutandoli a fare le scelte giuste e finanziando il processo di trasformazione con soluzioni innovative e adattate”.