Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Iva su gas ed elettricità, diritto alla disconnessione, acquisto di immobili a Bruxelles: tutto cambia dal 1 aprile

Iva su gas ed elettricità, diritto alla disconnessione, acquisto di immobili a Bruxelles: tutto cambia dal 1 aprile

Dal 1° aprile le aziende con almeno venti lavoratori devono aver stipulato accordi sul diritto al licenziamento dei dipendenti, ovvero il diritto a non avervi accesso al di fuori dell’orario di lavoro. Gli accordi devono essere inseriti in un contratto collettivo o in un regolamento del lavoro.

Il fornitore di risorse umane SDWorx spiega sul suo sito Web: “I dipendenti hanno il diritto di non essere online dopo il normale orario di lavoro”. “Quindi nessuno dovrebbe sentirsi obbligato ad avere un accesso permanente. Un telefono di lavoro può diventare silenzioso e le caselle di posta vengono chiuse. Lo stesso vale per Teams e gruppi WhatsApp professionali.”

Secondo uno studio di Securex, il rischio di burnout è 4,8 volte superiore tra le persone i cui datori di lavoro si aspettano che lavorino al di fuori dell’orario lavorativo. Più della metà (55,2%) dei lavoratori remoti mantiene anche le notifiche sui propri telefoni di lavoro al di fuori dell’orario di lavoro.

Il diritto alla disconnessione fa parte dell’accordo sul lavoro del governo federale dell’anno scorso. Contiene una serie di misure volte a raggiungere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Nuovo aumento delle tariffe sociali per l’energia elettrica e il gas naturale

La tariffa sociale aumenterà nuovamente dal 1° aprile, del 7,7% per l’energia elettrica e del 9,5% per il gas naturale. Le tariffe sociali sono fissate trimestralmente dal regolatore Creg. Si tratta del quarto aumento consecutivo.

La tariffa elettrica unica sarà di 30.782 centesimi al chilowattora, IVA inclusa. La tariffa sociale per il gas naturale sarà di 4.084 centesimi al chilowattora, IVA inclusa.

READ  Scagliati da IKEA con questa barra portaoggetti salvaspazio a una frazione del prezzo! - Tuxboard

Nell’aprile dello scorso anno, la tariffa sociale è stata ridotta l’ultima volta con la riduzione dell’imposta sul valore aggiunto dal 21 al 6% per il gas naturale e l’elettricità. Il calo dei prezzi nei mercati all’ingrosso nelle ultime settimane non si è riflesso nelle tariffe sociali.

Circa 2 milioni di persone hanno diritto a questa tariffa ridotta e identica da tutti i fornitori di energia.

Riduzione permanente dell’IVA su gas ed elettricità al 6%

Dal 1° aprile diventerà definitiva l’imposta sul valore aggiunto su gas ed elettricità del 6%, prevista da un disegno di legge recentemente approvato alla Camera dei Rappresentanti. Allo stesso tempo, entrerà in vigore la riforma fiscale.

L’imposta sul valore aggiunto su gas ed elettricità è stata ridotta al 6% da circa un anno. In origine si trattava di una misura “temporanea” per abbassare le bollette energetiche a causa degli aumenti dei prezzi legati alla guerra in Ucraina. A partire dal 1 aprile, questa tariffa diventerà permanente.

Tuttavia, il deficit causato da tale riduzione dell’IVA sulle finanze pubbliche sarà compensato dalle accise su questi prodotti.

La tariffa di consumo sarà calcolata sulla base della differenza di IVA tra il 21% e il 6% corrisposta in media per MWh nel 2021. Il nuovo sistema di tassazione sulla produzione distinguerà tra consumo di base e consumo aggiuntivo. Il consumo di base è fissato a 3.000 kWh per l’elettricità e 12.000 kWh per il gas naturale.

Nel caso in cui i prezzi dell’energia superino un tetto massimo (100 €/MWh per il gas e 250 €/MWh per l’energia elettrica), l’onere di consumo base viene ridotto. Inoltre, se il prezzo del gas scende al di sotto del minimo di 45 euro per megawattora, aumenta l’accisa per i consumi aggiuntivi di gas naturale.

READ  Una Mercedes unica per Will.i.am

“La fissazione di un’aliquota IVA al 6%, unitamente alla riforma smart tax, consente di ridurre sensibilmente la bolletta delle famiglie e dei privati ​​isolati rispetto all’aliquota normale IVA del 21%. Su base annua, ciò equivale a un sostegno di about Finance Vincent van Petegem “350 euro all’anno ai livelli di prezzo attuali”.

L’acquisto di una casa a Bruxelles sarà più efficiente dal punto di vista fiscale

Dal 1 aprile, l’agevolazione fiscale per le tasse di registrazione passerà da 175.000 a 200.000 euro nella regione di Bruxelles, consentendo ai proprietari di prestanome di risparmiare 25.000 euro sulla prima tranche di 200.000 euro. Questo nuovo sistema “più vantaggioso”, che mira a rendere meno onerosi gli acquisti immobiliari, rientra nella riforma delle tasse di registro, varata dal Parlamento di Bruxelles lo scorso gennaio.

Inoltre, è prevista un’indennità aggiuntiva in caso di intervento di riqualificazione energetica importante dell’abitazione (25.000 euro per salto in categoria Energia, a condizione che ci sia un miglioramento di almeno due salti).

Inoltre, l’attuale plafond di 500.000 euro, di cui l’abitazione non poteva più beneficiare, è stato innalzato a 600.000 euro. Infine, aumenterà anche l’indennità per l’acquisto di terreni edificabili, da 87.500 euro a 100.000 euro.

Anche le condizioni di localizzazione saranno allentate a partire dall’entrata in vigore del nuovo sistema, ovvero per gli accordi stipulati a partire dal 1° aprile. Le persone che vorranno beneficiare dell’agevolazione dovranno stabilirsi nell’immobile entro tre anni (anziché due). Per gli acquirenti che richiedono un’indennità aggiuntiva per il rinnovo dell’energia, il periodo di residenza sarà esteso a cinque anni.

Infine, i proprietari che non soggiornano nella propria abitazione per i cinque anni di residenza previsti non dovranno restituire l’intero guadagno ottenuto dal credito d’imposta, ma dovranno restituire un importo proporzionale al numero di anni vissuti . Ruolo.

READ  Bpost si è separata dal suo CEO per la seconda volta in due anni