Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Microsoft sta 'comodamente' spodestando Apple, e la notizia rischia di aumentare la pressione sul marchio Apple

Microsoft sta 'comodamente' spodestando Apple, e la notizia rischia di aumentare la pressione sul marchio Apple

dalla direzione, Microsoft, il cui indirizzo è attualmente scambiato a circa 390 dollari, pesa 2,9 trilioni di dollari sul mercato azionario. Hai letto bene, è nell'ordine dei trilioni.

dall'ultimo, mela – che è stata la prima a superare la soglia dei 1.000 miliardi nel 2018 e ha raggiunto il limite di 3.000 miliardi nel 2022 – che ora vale 2.840 miliardi di dollari in borsa, con un indirizzo di scambio di circa 183 dollari.

Allora cosa spiega questa forma di Microsoft? E questo leggero calo in Apple?

Azione di poker OpenAI

Senza esitazione, il gioco di poker “AI”, che possiede una quota di maggioranza in OpenAI, la società dietro ChatGPT, ha permesso a Microsoft di posizionarsi come campione dell’IA. Le scappatelle temporanee del fondatore di OpenAI Sam Altman alla guida dell'azienda alla fine hanno fatto circolare molto inchiostro, oltre ad aumentare notevolmente l'interesse del pubblico in generale per l'azienda. Infine, l’integrazione di ChatGPT nei servizi Microsoft (come la suite Office, il motore di ricerca Bing, ecc.) è un segnale positivo della collaborazione a lungo termine tra le due entità. Anche le azioni Microsoft sono aumentate del 12,88% negli ultimi sei mesi, mentre Apple ha perso il 5,34% nello stesso periodo. Per riferimento, il terzo valore di mercato più grande al mondo, Google (Alphabet), ammonta a 1.790 miliardi di dollari.

Sarai presto condannato alla pigrizia e al reddito di massa se non sarai in grado di competere con l'intelligenza artificiale?

Apple vacilla nonostante il colpo perfetto contro Samsung

Da parte sua, Apple, che punta molto sulla vendita dei suoi smartphone (quasi il 50% delle sue vendite), ha subito pesanti colpi. Innanzitutto il rallentamento dell’economia cinese, che ha comportato un rallentamento della domanda, in un contesto sempre più competitivo in questo settore. Tuttavia, Apple continua a registrare una crescita nel 2023, vendendo 234,6 milioni di smartphone, rispetto ai 226,3 milioni dell’anno precedente, con una crescita del 3,7%.

READ  Cosa devi sapere prima di volare con Qatar Airways

Oltre alla buona notizia per Tim Cook, amministratore delegato di Apple: il brand ha detronizzato il colosso sudcoreano SAMSUNG, che dal 2010 detiene ininterrottamente il primo posto tra i venditori di smartphone (dalla caduta di Nokia). È chiaro che il mercato Android – con i tanti marchi cinesi emersi negli ultimi anni e nonostante il calo di Huawei in questo campo – sia stato spietato. Samsung, che ha venduto 262 milioni di dispositivi nel 2022, è diminuita del 13,6% con 226 milioni di dispositivi venduti nel 2023. Apple beneficia quindi maggiormente della sua “base di fan” e del suo esclusivo sistema iOS.

Nonostante abbia vinto una battaglia legale contro Epic Games, perché Apple rischierebbe di perdere diversi miliardi di dollari?

Ma il lato meno incoraggiante è che, se Apple dovesse invece vincere la sua battaglia legale contro Epic Games, il distributore americano del popolarissimo videogioco Fortnite – che denuncia il monopolio di Apple sugli acquisti in-app nel videogioco -, il marchio Apple dovrebbe però fare compromessi.

D'ora in poi i giocatori potranno utilizzare opzioni di pagamento diverse da quelle offerte da Apple per effettuare i propri acquisti. Una concessione che potrebbe far perdere ad Apple miliardi di dollari in commissioni. Da notare che anche Epic Games è stata coinvolta nella stessa lotta contro Google riguardo al suo Play Store, che ha imposto anche una commissione del 30%. Resta da vedere se gli utenti rinunceranno ai servizi dei due colossi, che in questo campo sono quasi necessari.


Leggi anche: “Non sappiamo più quale sia l'obiettivo”: le ragioni del crollo del colosso delle telecomunicazioni Nokia

READ  La riduzione dell'IVA fa davvero bene ai consumatori?