Luglio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Mi prendo cura di mio nipote, è un vero viola”, dice Jackie Monaron, l’ex giocatore dell’Anderlecht (Wrosh) sopraffatto dal dolore per aver perso sua figlia.

“Mi prendo cura di mio nipote, è un vero viola”, dice Jackie Monaron, l’ex giocatore dell’Anderlecht (Wrosh) sopraffatto dal dolore per aver perso sua figlia.

Ha giocato 20 partite di Clasico in carriera – 18 con l’Anderlecht, 2 con lo Standard – e si è trovato in una situazione simile a quanto accaduto tra Schmeichel e Dube. Ma è passato un anno da quando Jackie Monaron ha preferito non rilasciare più interviste. Possiamo capirlo. Il 2 ottobre 2022, il suo mondo ha smesso di girare quando sua figlia di 42 anni si è suicidata.

È chiaro che il dolore non passerà mai, ma agli albori del Clasico, l’ex portiere dell’Anderlecht (1974-1989) e dello Standard (1992-1995) si è sentito pronto a parlare con noi per più di un’ora. Il calcio, ma anche la sua sofferenza. ““Non augurerei a nessuno quello che abbiamo passato.” Monologo solista.

Monaron vinse una finale di coppa contro lo Standard nel 1988.

“Mio nipote mi guarda su YouTube.”

“Guarderò la partita in TV. Mio nipote di 12 anni (figlio di sua figlia) Suo padre è un grande sostenitore dell’Anderlecht. Il ragazzino ha tutto per lo sport: maglietta, maglia, allenamento… A volte vanno anche in trasferta, come a Genk. Ma non so se oserei portarlo allo Standard-Anderlecht, visto quello che è successo in due occasioni. Ai miei tempi c’era anche la rivalità. Ogni volta che, da portiere dell’Anderlecht, buttavo la palla fuori dal campo di Slicesen, i tifosi dello Standard urlavano: “Oooh… Inkyo…!” Oppure “Jackie è omosessuale”. A Bruges si chiamava dikkenek o “kiekefretter”. Ma era folklore, non eccessivo. E se mio nipote sapesse che sono un portiere dello Sporting? Sì, a volte mi fa delle domande. Suo padre gli mostra le foto su YouTube.

“Roger Beatty ha minacciato mio padre.”

“Sono stato scoperto a Dinant da… Fernand Beaune, l’ex portiere del Club Brugge. Ho giocato nella squadra riserve del Dinant in D3 e ho parato una decina di gol in una partita a Rosselare, dove il Bonn allenava la squadra A. Lui ha passato il mio nome al club, ma a quel tempo i trasferimenti di giocatori dai club valloni a quelli fiamminghi non erano comuni . Boon, responsabile della distribuzione della birra Belle-Vue nelle Fiandre, parlò di me a Constant Vanden Stock, direttore del birrificio Belle-Vue. Ho dato la mia parola all’Anderlecht nel 1974, ma Roger Beattie, presidente dello Standard, ha fatto tutto il possibile per farci cambiare idea. Rimase fino alle cinque del mattino nel ristorante con mio padre, che faceva l’ardesia e lo zinco. Mi minacciò che se non avessi firmato con la Standard mio padre non avrebbe più trovato clienti in zona.

Un Monaron di 21 anni durante un’amichevole contro… la Francia, nell’agosto 1978. Gli altri Purples, da sinistra a destra: Hahn, Dusbaba, Van Toorn, Nielsen, Bruce e Thiessen. Seduti: Rensenbrink, Verkaterin, van der Elst e Giles. © Gerard Bedou

“Non giocherai mai con la vita, Philip de Wilde.”

“Così come Schmeichel ci mise nelle mani di Dube, l’Anderlecht mi mise in concorrenza con De Wilde nel 1987. Leekins ci fece giocare a turno in preparazione della partita. Ma a Capellen aveva messo dentro De Wilde, mentre toccava a me . Sono tornato a casa prima della partita e ho falciato l’erba ovunque finché non mi sono calmato. La settimana successiva, Jorge mi ha fatto soffrire come un animale, sperando che gli dicessi: “Stop!”, ma ha colpito un osso. Anche su tutto quattro, non mi sono arreso. Durante la partita contro l’Inter di Chievo (0-1), il pubblico cantava il mio nome e c’era il professionista Calico Monaron. Verschueren stava impazzendo. Philipp aveva commesso un errore e il torneo era iniziato. “Avevo salvato la pelle di Lekins contro lo Charleroi e contro lo Sparta Praga. Philipp disse in un articolo che era bravo quanto me. Era maldestro da parte sua. Non solo io lo disapprovavo; ma anche gran parte del mondo spogliatoio. Ho detto: ‘Non giocherai mai in vita tua!’ E ho continuato dicendo: ‘De Wilde ha giocato solo quando ero infortunato nella stagione 1988-89. Nel frattempo George mi ha nominato preparatore dei portieri della Nazionale squadra e io ero Era l’allenatore dei portieri sotto Philipp all’Anderlecht.

Monaron durante la sua visita all’Anderlecht con lo Standard (2-0 per l’RSCA) nel 1993. “Non sono stato fischiato”.

“Per loro, ero solo il 40% di Rosh.”

“Ho trascorso tre stagioni fantastiche all’FC Liège, tra il 1989 e il 1992, e la Coppa del Belgio è stata la mia apoteosi. Ma nel 1992, Eric Gerets ha portato con sé il miglior portiere d’Africa”. (Lega Ago)Non avevo un club e tornavo da un infortunio. Arie Haan stava cercando un sostituto per Gilbert Bodart allo Standard. Ho accettato. All’inizio le persone erano molto scettiche. Che diavolo ci fa qui? Ero considerato viola. Per loro non ero Roach al 100%, ma al 40%. Tuttavia hanno apprezzato la mia professionalità. E la mia relazione con Gilbert? è stato bello. Ma abbiamo dato il massimo. Le partite quattro contro quattro in allenamento duravano mezz’ora e non ci fermavamo. “Ha perso le staffe solo una volta: in un’amichevole contro l’FC Liège, io ho preso la maglia numero 1 e lui ha preso la numero 12. Ne ha fatto una tragedia”.

READ  Record nazionale e primo belga nella finale dei 400 metri ai Mondiali: Bolingo: "Mi sento come se stessi diventando un atleta maturo"

“Pas de Bandolle contro Monaron”.

“Ho giocato 20 Clásicos? 1-4 al Parc Astrid nel 1982 davanti a 38.000 persone? Ho dimenticato tutto. La vittoria per 2-0 con l’Anderlecht nella finale di coppa del 1988, me la ricordo un po’. E il Clásico con lo Standard: 2-0 contro l’Anderlecht e 0-3 contro Slesin, con tre gol di Nellis? Dimenticavo… D’altra parte so che i tifosi dell’Anderlecht non mi hanno fischiato al mio ritorno, non c’erano striscioni, niente. Ricordo soprattutto il Clásico che si giocava in inverno a Slesin (Nota del redattore: 16 febbraio 1986, 1-0). Il sorteggio si è svolto al chiuso perché metà del campo era ghiacciato e l’altra metà era fangosa. Dovevo avere tempo per indossare scarpe chiodate o senza… La partita che ricordo meglio allo Standard è chiaramente quella 0-7 contro l’Arsenal. È un peccato. Abbiamo avuto un’intera giornata libera. “Ogni volta che l’Arsenal entrava nel nostro rettangolo, il panico era totale”.

“La sua depressione gli è stata fatale.”

“È già passato un anno da quando Natalie ci ha lasciato. Non ce lo aspettavamo, il che ha reso lo shock ancora più doloroso. Era una domenica pomeriggio, eravamo alla festa del nostro cinquantesimo anniversario di matrimonio. Nostro figlio ci ha dato la brutta notizia al telefono a mia moglie che si è messa a urlare e piangere, pensavo che fosse morta sua madre. “No, sono Natalie.” Ho urlato. Quando siamo arrivati ​​lì, non potevamo più vederla. (dopo il silenzio) Natalie soffriva della malattia del nostro tempo: la depressione. Era già esausta all’inizio dell’anno, ma si è ripresa. Prima era Natalie, era eccitata ed era tornata al lavoro. Ma nelle ultime due o tre settimane tutto è diventato di nuovo brutto e oscuro. Suo marito e suo figlio erano presenti a una partita a Bruges al momento della tragedia. Naturalmente ho delle domande. Non dovremmo fare questo o quello in modo diverso? Ma non ci imponiamo ai nostri figli. Andiamo quando siamo invitati. L’abbiamo vista il giorno del suo compleanno, il 29 settembre. Questo è successo il 2 ottobre. Mia moglie deve prendere delle pillole per dormire una notte normale. Avevo già dovuto assumere abbastanza farmaci per curare reumatismi e artrosi, forse a causa dei tanti traumi che il mio corpo aveva dovuto sopportare come tutore.

READ  L1: record di titoli dixième per il Paris SG, campione di boudé par ses sostenitori

“Alcune affermazioni fanno molto male.”

“Da quel giorno siamo seguiti da uno psicologo di “Slachtofferhulp”, il centro di assistenza alle vittime delle Fiandre. Ogni mese andiamo a parlare. Non solo per noi due, ma anche per il nipote. Sua madre non c’è più lì. Anche se la madre è molto importante, è lei che gestisce la famiglia e si prende cura dei bambini. Suo padre a volte lavora di notte, quindi il bambino viene a stare con noi due o tre giorni alla settimana. Lo porterò a si sta allenando all’Eenderekt Aalst – non è un portiere – e lo cercherò. Cerchiamo di dargli educazione e disciplina. Mia moglie Linda era un’insegnante; cerca di aiutarlo a scuola, ma non è facile. Cosa c’è Altrettanto difficile è ascoltare le reazioni delle persone. Alcune persone sono molto positive. Ma altre fanno commenti molto offensivi. Ad esempio: quando beviamo qualcosa sul balcone e sorridiamo una volta, sentiamo qualcuno dietro di noi dire: “Si sono già dimenticati”. In momenti come questi rimaniamo in silenzio e torniamo a casa dieci minuti dopo, cercando di dimenticare”.

Anche suo figlio Martin era un portiere, sia nel calcio regolare che in quello indoor. ©Facebook

“Preghiamo affinché il figlio guarisca dal cancro”.

“Abbiamo già vissuto delle cose nella nostra vita. Nostro figlio Martin soffriva di cancro al sistema linfatico. A gennaio farà gli esami del sangue definitivi dal medico che lo segue da più di un decennio. Ad un certo punto, è stato infettato da un virus dopo l’altro. Non sapevamo se sarebbe sopravvissuto. Questo specialista e il carattere di Martin lo hanno salvato. Spero che avremo buone notizie, anche se dobbiamo rimanere cauti riguardo al cancro. Molte coppie si lasciano dopo molte reazioni negative. Cerchiamo di rimanere positivi e di sostenerci a vicenda, anche se non è sempre facile. Quando affrontiamo un punto basso, proviamo a rialzarci. “Dicono che la vita va avanti – ed è vero – ma il punto nero rimane”.

READ  Villarreal accroche la Juve / C1 / 8es / Villarreal-Juventus (1-1) / SOFOOT.com