Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Svezia, nel cantiere di una massiccia “fonderia” di neutroni.

In Svezia, nel cantiere di una massiccia “fonderia” di neutroni.

A Lund, cittadina della Contea di Scania, nel sud della Svezia, l’unica linea del tram si ferma ai piedi di un vecchio mulino a vento, in mezzo a campi divorati da enormi edifici moderni. ESS Terminus, per “fonte europea di frammentazione”. Questo nome misterioso si riferisce alla fonte di neutroni più potente del mondo nel futuro. Questi neutroni sono stati prodotti utilizzando un acceleratore lineare di particelle lungo 600 metri, la cui traccia si estende sotto la campagna svedese, e permetteranno di esplorare la materia con una precisione senza precedenti.

La costruzione di questo progetto concepito negli anni '90, che nasce ufficialmente nel 2003, è iniziata dieci anni fa. L'ingegneria civile sarà completata nel 2022, ma prosegue attivamente l'installazione dell'acceleratore di particelle, il bersaglio su cui la collisione di protoni genererà preziosi neutroni e dei 15 strumenti che riveleranno l'interno dei campioni testati. Con l’obiettivo di aprirsi a utenti, scienziati e industriali nel 2028.

Impressionante è stata la visita organizzata dall'Autorità per l'Energia Atomica e Alternativa (CEA), che ha contribuito in modo significativo all'installazione, attraverso la fornitura di attrezzature. I tunnel infiniti sono pieni di tubi tortuosi e sibilanti per garantire il raffreddamento con elio liquido e il vuoto dell'acceleratore lineare. Le righe del server si preparano a contenere dati di controllo e comandi per l'installazione. Le enormi sale sono piene di enormi blocchi Tetris interconnessi, che isolano i circa quindici fasci di neutroni provenienti dal bersaglio emittente rotante. Ora è circondato da uno spesso bozzolo di cemento per intrappolare la radiazione che verrebbe prodotta dal suo bombardamento. Alla fine del processo, i 15 strumenti, dove i neutroni riveleranno le proprietà dei campioni, assemblano i loro rivelatori: misurando infatti la loro diffusione nel materiale, possiamo dedurre la composizione e il comportamento di questo materiale. Questo.

READ  COVID-19: non abbiamo visto un tasso di infezione così basso nell'Aveyron dall'onda Omicron

Missione scientifica e politica

Il primo fascio di protoni deve raggiungere il bersaglio di tungsteno “4 luglio 2025, se siamo fortunati.”Secondo Kevin Jones, direttore tecnico di ESS. La scelta della data – l'anniversario dell'indipendenza degli Stati Uniti – porta questo americano, veterano dei Laboratori Nazionali di Los Alamos e Oak Ridge, a lasciare la pensione come consulente per tornare in servizio in Europa.

Se l’ESS è un ERIC, “Consorzio per le infrastrutture di ricerca europee”, ospitato da due paesi ospitanti – Svezia e Danimarca -, e creato da tredici paesi del Vecchio Continente, grazie al contributo di un centinaio di laboratori mobilita tutti gli sforzi . Competenza “550 dipendenti di sessanta nazionalità”ricorda il tedesco Helmut Schober, direttore generale dell'ESS. “La nostra missione è relativamente semplice in linea di principio: costruire e gestire la sorgente di neutroni più potente al mondo, per contribuire a raggiungere progressi nella ricerca sui materiali”.Lui spiega. È un compito che egli definisce anche politico. “Se l’Europa vuole rimanere un leader mondiale, proteggendo il suo modello sociale e il pianeta, non solo il suo potere d’acquisto, è essenziale padroneggiare questi strumenti molto complessi e trarne il massimo impatto per quarant’anni.Il fisico conferma.

Ti resta il 60,96% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.