Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mercoledì l’Ucraina giocherà “la partita più importante della storia” | calcio straniero

Mercoledì in Scozia (20:45) l’Ucraina gioca molto più di una semifinale di Coppa del Mondo: difende sull’erba l’orgoglio di un Paese che la Russia sta attaccando.

Oleksandr Petrakov ha cercato di arruolarsi per difendere il suo paese, ma la sua richiesta è stata respinta e le autorità gli hanno detto che sarebbe stato più utile nel suo ruolo di allenatore qualificando l’Ucraina per la Coppa del Mondo.

“È importante rimanere concentrati” sul calcio e cercare di dimenticare la guerra per 90 o 120 minuti, ha detto al quotidiano sloveno Zberna, che ha preparato la partita del Brdo Pree Krango, a circa 20 chilometri a nord della capitale Lubiana.

I telefoni cellulari sono vietati durante l’allenamento

“Durante l’allenamento è severamente vietato l’uso dei telefoni cellulari”, ha aggiunto l’allenatore succeduto ad Andrey Shevchenko la scorsa estate.

Ha ammesso che i giocatori “possono essere sopraffatti molto rapidamente”, perché “i loro pensieri sono sempre portati altrove e devono essere calmati ancora e ancora, le loro famiglie in Ucraina, i loro amici sul campo di battaglia”.

“Prima di questa partita contro la Scozia, dobbiamo respingere tutti i pensieri parassiti”, ha aggiunto il veterano portiere ucraino Andrei Pyatov (37) sul sito web della sua federazione.

“Un po’ d’aria fresca”

“La squadra ucraina sogna di andare ai Mondiali. Vuole dare sensazioni incredibili agli ucraini perché in questo momento se lo meritano”, ha detto martedì il centrocampista del Manchester City Oleksandr Zinchenko in una conferenza stampa a Glasgow, prima di scoppiare in lacrime.

Lo spettro della guerra incomberà inevitabilmente su questo incontro. “È la partita più importante della nostra storia”, ha detto all’AFP Irina Kozyuba, giornalista di Tribuna.com, un sito sportivo che copre la nazionale.

READ  “Vorrei vincere un monumento e lottare per la maglia verde”

“Non si tratta più di calcio, si tratta di speranza per tutto il popolo ucraino. Sarà un segno che la guerra non ci spezzerà”, aggiunge, spiegando che coprirà la partita “perché è a casa, davanti a il mio portatile.”

«Solo un piccolo gruppo di giornalisti ha seguito la squadra in Slovenia, e poi in Scozia», spiega all’Afp, il solito traduttore di selezione, Andrej Bednik, ma «stavolta non lavora con i giornalisti». È rimasto a casa, a Dnipro, una città “che al momento è ancora sicura, fortunatamente”, ha detto.

“Questa partita contro la Scozia offre un po’ di aria fresca, almeno per un po’”, ha osservato Andrei Bednik. “È un’opportunità per vincere un’altra battaglia, pacifica, quella.”
Continua: “Di solito ci riuniamo nei bar o a casa di amici per guardare queste partite”, ma questa volta, con il coprifuoco, la maggior parte degli ucraini li guarderà da casa o da casa. Una nuova casa per chi è dovuto fuggire dalla propria casa…”

Glasgow ha avuto successo in Ucraina

Se l’Ucraina vince, giocherà una finale in Galles domenica (20:45) per cercare di unirsi al Gruppo B ai Mondiali, con Inghilterra, Stati Uniti e Iran.

Dal punto di vista sportivo, i gialloblù hanno un bel ricordo di Glasgow, con Artem Dubbek che ha segnato il gol della vittoria nell’ultimo secondo dei supplementari contro la Svezia (2-1 prima di mezzogiorno), negli ottavi di finale di Euro.

In questo particolare contesto, la Scozia non gioca un buon ruolo, nonostante tutto ciò che simbolicamente potrebbe rappresentare la vittoria dell’Ucraina.

“Abbiamo dato loro tutto il tempo di cui avevano bisogno” (la partita è stata posticipata), ha detto alla BBC il capitano della Scozia Andy Robertson. “Li abbiamo aiutati il ​​più possibile, ma mercoledì sera dobbiamo essere pronti a lottare per i nostri sogni”.

READ  Formula 1 | Mercedes F1: Wolff si congratula con i suoi piloti ma pensa allo sviluppo

Il presidente UEFA Aleksander Ceferin ha detto all’AFP che una qualificazione finale per l’Ucraina sarebbe una grande storia, ma “il simbolo è la solidarietà che abbiamo dimostrato”. “Ma in campo ogni squadra deve giocare. Sono sicuro che la Scozia giocherà come al solito, ed è la cosa giusta da fare”.