Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Unione Europea annuncia una “revisione” e non una sospensione del programma di aiuti ai palestinesi

L’Unione Europea annuncia una “revisione” e non una sospensione del programma di aiuti ai palestinesi

L’Unione europea ha affermato che sta rivedendo i suoi aiuti allo sviluppo a favore dei palestinesi, senza menzionare il commento annunciato da uno dei suoi commissari.

annuncio

La Commissione Europea ne ha annunciato il lancio “Revisione urgente dell’assistenza UE alla Palestina” Quando poche ore fa uno dei suoi commissari, Oliver Varheli, ha annunciato la sospensione di tutti i pagamenti previsti nell’ambito di questo aiuto allo sviluppo.

“Tutti i pagamenti vengono immediatamente sospesi, tutti i progetti vengono riesaminati, tutti i budget dei progetti, compreso il 2023, vengono rinviati fino a nuovo avviso e l’intero programma viene rivalutato”. Lo ha detto il commissario ungherese responsabile per il quartiere e l’espansione in un messaggio sul sito X (ex Twitter).

“La portata del terrorismo e della brutalità contro Israele e il suo popolo rappresenta un punto di svolta. Non è possibile agire come se nulla fosse successo”.Lo ha affermato il Commissario alla vigilia di una riunione straordinaria d’emergenza dei ministri degli Esteri dell’Unione europea, tenutasi in seguito all’attacco di Hamas contro Israele.

Questo annuncio ha sorpreso Bruxelles e non solo, soprattutto perché il portavoce della Commissione aveva appena spiegato che la decisione di rivedere gli aiuti europei ai palestinesi sarà presentata martedì ai 27 durante questo incontro.

L’Unione Europea, il maggiore sostenitore finanziario dei palestinesi, dispone di un budget di circa 1,2 miliardi di euro tra il 2021 e il 2024 per finanziare progetti, soprattutto nei settori dell’istruzione e della sanità.

Protesta a Madrid

Secondo il Ministero degli Affari Esteri di Madrid, il capo della diplomazia spagnola, José Manuel Albarez, ha contattato il commissario Varheli per protestare contro questa decisione, ritenendo che dovrebbe essere discussa prima dai 27 paesi.

READ  La morte di Gorbaciov: la reazione di Vladimir Putin

Stessa cosa a Dublino. Ha aggiunto: “La nostra analisi è che non esiste alcuna base giuridica per una decisione unilaterale di questo tipo presa da un singolo commissario, e non siamo favorevoli alla sospensione degli aiuti”. Lo ha detto un portavoce del ministero degli Esteri irlandese. L’ultima risoluzione afferma che l’Irlanda ha chiesto formalmente alla commissione di chiarire la legalità della sua decisione.

Se le capitali europee avessero condannato “atti di terrorismo” Molti membri di Hamas si sono espressi contro la decisione annunciata da Varheli.

“A Gaza vivono due milioni di persone. Anche loro sono ostaggi di Hamas. Con questi metodi vengono spinti tra le braccia dei terroristi”. Il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Asselborn ha commentato con forza.

“Siamo il più grande donatore a Gaza. Questi aiuti sono importanti per i giovani. Non sono soldi di Hamas. Sono per la popolazione di Gaza”. Ha aggiunto in un’intervista all’Agence France-Presse.

Poi in serata è venuta la Commissione europea per correggere la situazione di fronte alla protesta in queste capitali. Non si tratta più di una sospensione, ma piuttosto di una revisione dei programmi esistenti, che verrà effettuata rapidamente e in consultazione con i 27 paesi.

“Lo scopo di questa revisione è garantire che nessun finanziamento europeo permetta a un’organizzazione terroristica di effettuare attacchi contro Israele”. Lo ha spiegato il comitato lunedì sera.

Per quanto riguarda la sospensione dei pagamenti menzionata prima dal signor Varheli, secondo questo comunicato stampa non è necessaria.

“Poiché non ci sono piani per i pagamenti, non ci sarà alcuna sospensione dei pagamenti.” Il comitato ha confermato.

READ  La guerra tra Israele e Gaza: centinaia di morti in un ospedale di Gaza, quello che sappiamo

Ha aggiunto che condurrà questa revisione “il più rapidamente possibile e si coordinerà con gli Stati membri e i loro partner su eventuali misure aggiuntive necessarie”.