Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Francia: incriminato il capo dell'esecutivo Arnaud Lagardère

Ha aggiunto: “È stato posto sotto controllo giudiziario, gli è stato vietato di dirigere e obbligato a pagare una cauzione di 200.000 euro”.

Arnaud Lagardère è arrivato poco dopo le 9:00 alla corte di Parigi. L'Agence France-Presse ha precisato che è uscito intorno alle 19,30 con i suoi avvocati, Sebastian Shapira e Dimitri Grimaud. La sua difesa non ha risposto alle richieste dell'Agence France-Presse.

È stato interrogato nell'ambito di un'indagine giudiziaria aperta dalla Procura finanziaria nazionale (PNF) nell'aprile 2021 sulla base di una denuncia dell'Amber Capital Fund e di un rapporto dell'Autorità per i mercati finanziari (AMF), nonché di un rapporto dell'organismo apicale. Collegio dei revisori dei conti (H3C, ora Autorità suprema di vigilanza finanziaria, H2A), secondo la stessa fonte.

Questi atti sono stati commessi tra aprile 2009 e dicembre 2022.

Arnaud Lagardère, che ha ereditato l'impero costruito dal padre, Jean-Luc Lagardère, dopo la sua morte nel 2003, è sospettato di “finanziare il suo stile di vita e le sue spese personali attingendo ai fondi delle società Lagardère SAS e Lagardère” (LCM). Separazione della fonte giudiziaria.

Ha aggiunto che queste società, da diversi anni, “si fanno carico in particolare delle spese legate agli immobili che occupano, nonché dei debiti di eredità e di numerosi anticipi sul conto corrente”.

Nel novembre 2019, la lettera (ex Lettera A) rivelava che il signor Lagardère si era rifiutato di pubblicare i conti della sua holding personale Lagardère Capital & Management (LCM), per non “pubblicizzare la sua situazione finanziaria personale, in particolare il suo livello” . religione”.

“In diverse occasioni”, si legge nella lettera, il valore delle azioni del gruppo possedute dal signor Lagardère ammontava a meno del valore dei suoi debiti, “creando una situazione finanziaria delicata nei confronti dei creditori”.

READ  Il 2024 sarà l’anno della rivoluzione delle batterie?

Secondo una fonte vicina al caso, il caso si basa su violazioni contabili che sono rimaste nell'ambito delle società personali di Arnaud Lagardère e che non hanno comportato danni finanziari al gruppo Lagardère (media, editoria e distribuzione nelle stazioni ferroviarie e negli aeroporti ). .

“anomalie semantiche”

La fonte giudiziaria rileva che l'ex vicedirettore generale Pierre Leroy, uno dei pilastri del gruppo, è stato accusato il 10 aprile di “acquisto di voti, complicità nell'abuso del patrimonio della società e presentazione di conti annuali inesatti”, confermando informazioni parziali dal quotidiano Liberazione. Rispondendo ad una domanda dell'Agence France-Presse, il suo avvocato, Selin Lasek, non ha voluto rispondere.

Due revisori dei conti sono stati incriminati a marzo con l'accusa di complicità nell'uso improprio dei beni aziendali.

Uno di loro, che è stato perseguito anche per aver fornito conti inesatti e per aver omesso di rivelare fatti criminali, è stato cancellato da H3C nell'aprile 2023 per aver “certificato senza riserve” i conti dal 2014 al 2018 nonostante “anomalie significative”, secondo la decisione. È stato consultato dall'Agence France-Presse.

Si oppone al suo licenziamento. Il suo avvocato, Frédéric Beaulieu, ha dichiarato all'AFP: “Ritiene di aver svolto il suo lavoro secondo le regole e di non aver commesso alcun errore morale o penale”.

La Corte dei conti ha avviato un'indagine alla fine del 2019, dalla quale sono emersi flussi finanziari irregolari tra il 2014 e il 2018 per 202 milioni di euro, di cui 42 milioni di euro su conti correnti attivi verso due società immobiliari (SCI) e 32 milioni di euro di euro erano su conti correnti addebitati a due società immobiliari (SCI), 32 milioni di euro di debiti di eredità e 6 milioni di euro sul conto corrente addebitato da Arnaud Lagardère.

READ  Prezzi ragionevoli per gli MRE?

Nel decennio successivo alla morte di Jean-Luc Lagardère, il suo erede si indebitò, vendette la filiale dell'aviazione EADS e vendette numerosi media. Nel 2021, ha rinunciato alla sponsorizzazione azionaria, situazione creata da suo padre che ha permesso loro di guidare rispettivamente il gruppo Lagardère con meno del 10% del capitale, accelerando lo smantellamento dell'impero di famiglia.

Nel novembre 2023, la famiglia Bolloré e il suo colosso dei media e dell’editoria, Vivendi, hanno preso il controllo del gruppo Lagardère.

Un altro aspetto di questa questione riguarda l'assemblea generale del Gruppo Lagardère del maggio 2018, durante la quale il Qatar, azionista di riferimento, ha cambiato posizione all'ultimo minuto modificando il proprio voto, inizialmente a favore di Amber Capital, per sostenere eventualmente la governance. .

Questo voto è avvenuto nel quadro di una lotta di potere tra Vincent Bolloré, alleato di Amber Capital, e Bernard Arnault, amministratore delegato di LVMH, che sosteneva Arnaud Lagardère.