Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo stato di salute in Francia: osiamo parlare dei veri problemi

E con spese equivalenti, non forniamo un servizio alla popolazione a livello dei paesi che ci circondano. Migliorare il nostro sistema sanitario è essenziale.

E con spese equivalenti, non forniamo un servizio alla popolazione a livello dei paesi che ci circondano.  Migliorare il nostro sistema sanitario è essenziale.

©LOIC VENANCE/AFP

riparazioni

Realisticamente e senza pregiudizi ideologici, il sistema sanitario francese non funziona più. La crisi sanitaria del Covid ha messo in luce le scarse prestazioni del nostro sistema sanitario rispetto a quelle dei paesi intorno a noi come i Paesi Bassi o la Germania.

Solo nel mese di dicembre, trenta persone È morto da solo in barella al pronto soccorso senza poter essere visitato. Ospedali di Parigi (APHP) Hanno perso il 10% della loro capacità infermieristica in quattro anni. All’inizio di gennaio metà degli studi medici privati ​​era in sciopero… per non parlare dei ritardi nella programmazione degli appuntamenti Continua ad allungarsi.

Realisticamente e senza pregiudizi ideologici, il sistema sanitario francese non funziona più.

Ministro della Salute Francois Brown ha parlato a luglio “Sistema senza fiato” valutando lo stato di salute in Francia… È chiaro che dopo sei mesi la situazione è peggiorata ancora! Non riesce a risolverlo e non sarà in grado di farlo fino a quando i problemi reali non saranno risolti.

La crisi sanitaria del Covid ha evidenziato le scarse prestazioni del nostro sistema sanitario rispetto a paesi che ci circondano come i Paesi Bassi o la Germania.

La classica reazione francese quando si presenta un problema è pensare che derivi da una mancanza di fondi. L’indicatore attendibile rende possibile il confronto internazionale, è la spesa sanitaria corrente in senso internazionale. (DCSI). Con una spesa dell’11,3% del PIL nel 2018 e del 12,4% del PIL nel 2020, la Francia è uno dei paesi dell’UE che spende di più per la salute. La sanità non è sottofinanziata nel nostro Paese.

READ  Santa Alleanza Economica | Giornalismo

L’osservazione è impietosa: a parità di spesa, non abbiamo un servizio da fornire alla popolazione a livello dei Paesi che ci circondano. È necessario un aggiornamento.

Questa riqualificazione è diventata ancora più importante a causa dell’invecchiamento della popolazione che inevitabilmente aumenterà le esigenze di assistenza nei prossimi anni. Poiché gli operatori sanitari sono mobili, la concorrenza per attrarli e trattenerli sarà sempre più agguerrita. L’attrattiva del nostro paese per i professionisti medici deve essere migliorata per evitare gravi carenze di cure, indegne di un paese sviluppato, nel prossimo futuro.

Una promozione di successo implica l’umiltà e il pragmatismo necessari per essere ispirati da ciò che funziona in paesi paragonabili al nostro. Implica anche un allontanamento dalla cultura centralizzata francese che porta a un’amministrazione totalitaria che paralizza il sistema, a volte prendendo decisioni sul campo e prosciugando il personale in compiti amministrativi.

La frustrazione del personale viene da parte della paga inadeguata, credo che partendo per la Svizzera verrà introdotta un’infermiera francese Salario tre volte più alto…ma lo stipendio non è il motivo principale addotto da chi si licenzia. I motivi addotti dalle dimissioni riguardano principalmente le condizioni di lavoro, considerate deplorevoli in Francia, e gli incarichi amministrativi che possono costituire 70% dell’orario di lavoro infermiera (a scapito delle cure fornite) e il peso soffocante della burocrazia.

Cercare di risparmiare razionando impacchi equivale a mentire a se stessi nascondendo l’essenziale: la dimensione sproporzionata della burocrazia.

34% Tra i posti di lavoro negli ospedali francesi ci sono lavori amministrativi, mentre in Germania questa cifra è del 24%!

La carenza di personale infermieristico deriva direttamente da questa scarsa appropriazione dei mezzi con cui i francesi si dedicano alla salute. Per aumentare il servizio fornito, è necessario rendere le nostre spese amministrative all’interno degli standard europei, che sono in linea con la costruzione e l’armonizzazione europea. Meno spese amministrative significa più mezzi per assumere personale infermieristico che fornisce un servizio diretto al paziente, migliori condizioni di lavoro e salari migliori.

READ  Tolisso rassicura la sua forma fisica nonostante l'infortunio "Era più un problema psicologico"

L’esempio olandese può essere di ispirazione per il nostro Paese. Il governo olandese ha umilmente notato che il funzionamento del sistema sanitario è troppo complesso per essere gestito da un’amministrazione centrale da un lato, e dall’altro essere contemporaneamente assicuratore, pagatore, badante e manager in una situazione di semi-monopolio non non migliorare la qualità del servizio fornito.

La formula adottata dai nostri amici olandesi così come da tutti i Paesi che sono paragonabili a noi in termini di spesa sanitaria ma che ottengono risultati decisamente migliori sia in termini di servizio reso ai pazienti sia in termini di soddisfazione dei dipendenti è un modello Concorso organizzato Istituzioni sanitarie pubbliche e private, concorrenza sui prezzi ma anche libera scelta dei cittadini tra diverse casse malati… il che significa la fine della situazione di monopolio previdenziale e responsabilità dell’utente che probabilmente eliminerà gli incentivi di parte.

Il monopolio della previdenza sociale “à la Française” è una scelta ideologica che nessuno dei paesi più performanti ha fatto in materia di salute. La libertà di scelta per le casse malati non significa la fine della solidarietà… In nessuno dei paesi che ci circondano, la competizione organizzata ha portato alla scomparsa della solidarietà o all’esclusione degli utenti. Poiché i rischi per la salute sono in parte indipendenti dalle persone, la solidarietà tra i cittadini è essenziale, ma tale rischio dipende in parte dal loro comportamento e la responsabilità è essenziale.

La concorrenza organizzata consente questa responsabilità individuale, mantenendo la qualità delle cure, abbassando i costi e liberando margini per migliorare la prevenzione delle malattie.

Riuscire in Francia in queste riforme fondamentali che i nostri vicini sono riusciti ad attuare richiederà coraggio e audacia… il coraggio di affrontare i pugni burocratici.

READ  L'alcol fa davvero male alla salute?