Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

crisi climatica | Il declino del fitoplancton sconvolge il resto della catena alimentare

(Portland): Il riscaldamento delle acque al largo della costa orientale degli Stati Uniti sta uccidendo i microrganismi che costituiscono la base della catena alimentare oceanica, avvertono i ricercatori.


L’aumento della temperatura e della salinità nelle acque del Golfo del Maine, che si collega alla Baia di Fundy lungo le coste della Nuova Scozia e del Nuovo Brunswick, sta causando un calo significativo della produzione di fitoplancton, secondo gli scienziati del Maine che hanno recentemente scoperto il fitoplancton. Conclusioni di uno studio pluriennale con il sostegno finanziario della NASA.

A volte descritto come la “giungla invisibile”, il fitoplancton è minuscolo organismo che serve da cibo per la fauna marina.

I ricercatori hanno scoperto che il fitoplancton è quasi il 65% meno produttivo nel Golfo del Maine rispetto a vent’anni fa. Il Golfo del Maine è una delle regioni a più rapido riscaldamento degli oceani del mondo.

La perdita di queste minuscole creature potrebbe interrompere industrie economicamente importanti come l’aragosta e le capesante. Gli scienziati hanno affermato che potrebbe anche minacciare specie già minacciate, come le balene franche atlantiche e le pulcinelle di mare.

“La perdita di produttività negli ultimi 20 anni è profonda”, ha affermato il capo dello studio e ricercatore William Balch del Bigelow Oceanographic Laboratory di East Boothbay, nel Maine. Ciò ha importanti implicazioni per ciò che può crescere lì: la salute dell’ecosistema e la produttività dell’ecosistema. »

I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti dal 1998 da navi commerciali o da ricerca che effettuano costantemente gli stessi viaggi.

Balch ha affermato che questi dati mostrano i cambiamenti tra il Golfo e l’Oceano Atlantico. Lo studio pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità avverte che l’intrusione di acque calde dal Nord Atlantico dal 2008 ha creato una baia più calda, più salata e meno ospitale per il fitoplancton. Giornale di ricerca geofisica: scienze biogeologiche.

Il fitoplancton inghiotte grandi zooplancton e piccoli pesci e crostacei, che a loro volta sono necessari per bilanciare la catena alimentare fino agli squali e alle balene che siedono in cima. Lo studio rileva che la perdita di fitoplancton “è probabile che abbia effetti negativi sulla produttività complessiva” dei grandi animali e della pesca commerciale.

READ  L'avvocato di Aminata Diallo spiega: "Aminata Diallo non ha problemi psicologici"

Anche le condizioni cicliche dell’oceano danneggiano il fitoplancton. La National Oceanic and Atmospheric Administration, un’agenzia federale degli Stati Uniti, ha affermato che il fenomeno meteorologico El Niño, che porta al riscaldamento delle acque superficiali nell’Oceano Pacifico tropicale, potrebbe limitare la produzione di fitoplancton.

I ricercatori del Maine aggiungono che la perdita di fitoplancton è preoccupante perché gli organismi assorbono anidride carbonica dall’atmosfera, proprio come fanno le piante terrestri.

Questo fa parte del danno che il cambiamento climatico sta arrecando agli ecosistemi di tutto il mondo, ha affermato Jeff Runge, professore presso il College of Marine Sciences dell’Università del Maine che non è stato coinvolto nello studio.

“Abbiamo sempre più prove che sia collegato al cambiamento climatico”, ha affermato. Ha molteplici effetti sul sistema che stiamo iniziando a vedere. »