Aprile 18, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'inflazione giapponese supera le aspettative, gli investitori restano in guardia – 27/02/2024

L'inflazione giapponese supera le aspettative, gli investitori restano in guardia – 27/02/2024

Martedì i titoli azionari asiatici hanno faticato ad avanzare, poiché l'inflazione giapponese leggermente superiore alle attese ha messo in allerta gli investitori in vista dei dati sui prezzi attesi questa settimana da Europa e Stati Uniti.

Lo yen si è attestato a 150,57 rispetto al dollaro e si è avvicinato al livello più basso degli ultimi tre mesi contro l'euro, mentre l'inflazione giapponese è rimasta in linea con l'obiettivo del 2% su base annua indicato nel rapporto annuale della banca centrale, mantenendo così aspettative di uscita dalla negatività. . Tassi di interesse entro aprile.

L'indice Nikkei di Tokyo è salito dello 0,4%, raggiungendo un nuovo massimo storico. Il più ampio indice MSCI delle azioni dell'area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è rimasto piatto, al di sotto del picco di sette mesi raggiunto la scorsa settimana.

Gli indici di Wall Street sono scesi durante la notte, con i futures S&P 500 e Nasdaq in ribasso dello 0,1% nelle contrattazioni mattutine.

La misura dell'inflazione preferita dalla Fed, l'indice dei prezzi della spesa per consumi personali (PCE), uscirà giovedì e le previsioni prevedono un aumento dello 0,4%.

“Se la previsione sarà confermata, l'indice core su base mensile sarà il più alto dallo scorso febbraio e sarà coerente con il messaggio di pazienza della Fed”, hanno detto gli analisti di ANZ Bank.

Le tensioni sui prezzi e le enormi aste – 127 miliardi di dollari martedì e 42 miliardi di dollari mercoledì – hanno messo sotto pressione i titoli del Tesoro, sebbene i rendimenti fossero stabili in mattinata in Asia.

I rendimenti dei titoli del Tesoro USA a dieci anni sono scesi di 2 punti base al 4,27%. I rendimenti dei titoli a due anni sono scesi di quattro punti base al 4,70%.

READ  Prezzi dell'energia: i prezzi del gas e del petrolio sono in forte calo

I mercati hanno già posticipato la possibile data del primo allentamento della Fed da maggio a giugno, la cui probabilità è attualmente stimata intorno al 70%. I futures puntano a poco più di tre quarti di punto quest’anno, rispetto ai cinque di inizio mese.

Sul fronte geopolitico, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato di sperare in un cessate il fuoco nel conflitto tra Israele e Hamas a Gaza entro lunedì prossimo, con le parti in conflitto apparentemente vicine a raggiungere un accordo.

I futures del greggio Brent sono rimasti all'interno del range recente, in aumento dello 0,2%, o 16 centesimi, a 82,69 dollari al barile.

Venerdì saranno diffusi anche i dati sull’inflazione nell’UE di questa settimana, con l’indice core che rallenta nuovamente al livello più basso dall’inizio del 2022 al 2,9%, avvicinandosi al giorno in cui la Banca Centrale Europea potrebbe allentare la politica.

I mercati dipendono quasi interamente dal primo taglio di giugno, con probabilità fino al 36% per aprile. Nei loro discorsi di lunedì, Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, e Yannis Stournaras, governatore della Banca di Grecia, hanno nuovamente espresso la loro riluttanza ad apportare tagli affrettati.

Il vice della Banca d'Inghilterra Dave Ramsden e il governatore della Riksbank Erik Thedén parleranno più tardi martedì, mentre sono attesi una serie di dati statunitensi ed europei di secondo livello, inclusa la fiducia dei consumatori in Germania, Francia e Stati Uniti.

Gli scambi valutari sono stati relativamente deboli nelle prime ore degli scambi in Asia, con la continuazione della recente pressione sui dollari australiano e neozelandese. Il dollaro australiano è sceso dello 0,1% al minimo di una settimana di 0,6530 dollari, influenzato dal calo dei prezzi del minerale di ferro.

READ  L'azienda israeliana SupPlant espande le sue attività in Marocco

Il dollaro neozelandese è sceso dello 0,3%, toccando il livello più basso della settimana, poiché i trader hanno ridotto le loro scommesse su un possibile aumento dei tassi di interesse da parte della banca centrale neozelandese nella riunione di mercoledì.

“Con un tasso di 9 punti base, vediamo una modesta debolezza del dollaro neozelandese dopo l'annuncio”, ha affermato Anthony George, stratega valutario di NatWest Markets.

L'euro si è attestato a 1,0848 dollari, mentre la sterlina britannica è scesa a 1,2676 dollari. Bitcoin ha registrato un forte rialzo durante la notte dopo la notizia da parte della società di software MicroStrategy che aveva aumentato le sue partecipazioni. È rimasto stabile a $ 54.777. Il prezzo dell'oro si è stabilizzato a 2.032 dollari l'oncia.