Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’amministratore delegato della Disney è stato criticato per la sua commedia e per i fallimenti dei suoi film, ed è in subbuglio

L’amministratore delegato della Disney è stato criticato per la sua commedia e per i fallimenti dei suoi film, ed è in subbuglio

Anche se la società ha tagliato i costi di 7,5 miliardi di dollari e licenziato circa settemila dipendenti negli ultimi 12 mesi, le azioni Disney sono ancora in ritardo. La Disney vale oggi in borsa solo 170 miliardi di dollari, la metà di quanto valeva due anni fa. L’azienda non è l’unica del suo settore in difficoltà, alla fine di un anno segnato dal doppio sciopero di sceneggiatori e attori di Hollywood e dal calo della visibilità e degli abbonamenti streaming.

I risultati della Disney rimangono impressionanti, con un fatturato annuo che supera gli 87 miliardi di dollari. Le sfide che il gruppo deve affrontare sono enormi. Ma non è insormontabile. La Disney dovrebbe provare a spostare 27 miliardi di dollari delle sue entrate dal cavo e dal satellite allo streaming… e questo è leggermente inferiore alle entrate di Netflix (30 miliardi di dollari). La Disney genera già 20 miliardi di dollari di entrate grazie allo streaming.

Ciò non impedisce a Nelson Peltz di rilanciare la sua campagna. “Dal momento in cui abbiamo dato alla Disney la possibilità di dimostrare che poteva sistemare le cose a febbraio fino al nostro nuovo impegno, qualche settimana fa, gli azionisti hanno perso 70 miliardi di dollari. Trian accusa in un comunicato stampa. Mentre un anno fa cercava solo un posto nel consiglio d’amministrazione, Nelson Peltz ora vorrebbe almeno tre posti, secondo la rivista. Reporter di Hollywood.

Gli ‘elementari’ annaspano al botteghino: perché i cartoni animati Pixar non hanno più successo?

Svegliato gli eccessi

Le motivazioni di Nelson Peltz potrebbero non essere solo finanziarie. Dietro di lui si profila l’ombra di Isaac “Ike” Perlmutter. L’uomo d’affari di origine israeliana, proprietario dell’azienda di giocattoli ToyBiz, ha acquistato il gruppo Marvel nel 2000, prima di venderlo alla Disney nel 2009. È stato licenziato per la prima volta dal consiglio creativo della Marvel Entertainment nel 2015, a seguito di un conflitto con Kevin Feige, produttore dei film dei Marvel Studios. Ike Perlmutter è stato rimosso dalla sua posizione di presidente della Marvel da Bob Iger, dopo aver sostenuto il suo amico Nelson Peltz.

READ  Elise Lucet nel mezzo di una discussione tra automobilisti a un distributore di benzina | Le persone

Peltz e Perlmutter sono repubblicani schietti. Nel 2020, Peltz ha sostenuto la campagna di rielezione di Donald Trump, prima di esprimere rimorso dopo l’attacco al Campidoglio il 6 gennaio 2021. Ha sostenuto la campagna di primo mandato del governatore repubblicano della Florida Ron DeSantis.

Tuttavia, la Disney è rimasta coinvolta in una “guerra culturale”, come dicono gli americani, con il candidato presidenziale del Partito Repubblicano per il 2024. Bob Chapek, il successore di Bob Iger alla guida della Disney, ha preso posizione contro la legge della California. La Florida vieta l’insegnamento di argomenti legati all’orientamento sessuale o all’identità di genere nelle scuole elementari. La risposta di Ron DeSantis fu quella di rimuovere le condizioni favorevoli di cui Disney World aveva goduto sin dalla sua nascita nel 1967.

La Disney è stata criticata per la sua crescente dimostrazione di “Wokismo” ed è stata attaccata sui social media per aver incluso un bacio tra persone dello stesso sesso nel film. Anno luce (Ronzio di fulmini2022) e un personaggio gay in Mondo strano (Avalonia, lo strano viaggio, 2022). Alla fine, alcune delle persone più reazionarie se ne pentirono la SirenettaNella versione finale del film, è stata interpretata dall’attrice nera Halle Bailey. Nuova edizione di Bianco come la neveche uscirà nel 2025, sta già suscitando polemiche, perché i Sette Nani nel titolo originale sono stati sostituiti da “creature magiche”Mentre l’eroina deve liberarsi, secondo l’attrice Rachel Ziegler, che sullo schermo interpreterà Biancaneve.

Nawras

“Possiamo… cambiare effettivamente il comportamento delle persone: renderle più capaci di accettare le differenze, le molteplici culture, le etnie e tutti gli altri aspetti della nostra vita e della nostra gente.”

Punizione pubblica

Chiaramente, il pubblico conservatore sta criticando i film Disney. nei giorni scorsi Desiderio, Asha e Lucky Star Si è classificato solo al terzo posto al botteghino statunitense nel lungo weekend del Ringraziamento. Un’altra delusione in quello che si preannuncia un anno terribile per il gruppo dopo fallimenti o scarse prestazioni Meravigliedal cartone animato Pixar primario, Dottor’Indiana Jones e la connessione del destino E basato su la Sirenetta.

READ  Michel Drucker saluta i telespettatori di France 2: "Passerò a un canale che mi somiglia"

Disney è oggi uno dei 100 brand più odiati negli Stati Uniti: 77esimo su 100, secondo una classifica del 2023 pubblicata da Axios-Harris. Nel 2019 l’azienda si è classificata al quarto posto tra i marchi più apprezzati.

Bob Iger è stato uno degli artefici della progressiva trasformazione della Disney. “Possiamo… cambiare effettivamente il comportamento delle persone: renderle più capaci di accettare le differenze, le molteplici culture, le etnie e tutti gli altri aspetti della nostra vita e della nostra gente.Bob Iger ha annunciato agli azionisti Disney nel 2017.

Intrattenimento soprattutto

Oggi il 72enne CEO fa un passo indietro. Nel corso di una sua recente intervista, il 29 novembre, a New York, all’interno di un forum organizzato dal giornale Il New York Times, Bob Iger l’ha visto”Le persone creative hanno perso il loro primo obiettivo. Dobbiamo prima intrattenere, non riguardo a questo[envoyer] Messaggi”.

La Disney è in caduta libera: il suo amministratore delegato Bob Iger punta il dito contro il colpevole

Ci sono però altre ragioni che spiegano i recenti fallimenti delle produzioni Disney, secondo Bob Iger: la mancanza di “È necessaria la supervisione”. Per i film girati durante il Covid e per le minori presenze nelle sale dopo la pandemia (il gruppo ha distribuito molti dei suoi film direttamente sulla piattaforma Disney+), e per le tante serie e serie che dilapidano il capitale artistico della Disney. Bob Iger chiede “Fare di meno e concentrarsi di più sulla qualità”..

Immediatamente, per contrastare Nelson Peltz, la Disney ha nominato due nuovi membri del consiglio: l’ex CEO di Morgan Stanley James Gorman e l’ex CEO di Sky Jeremy Darroch. Il CEO della Disney ha individuato quattro priorità: oltre a migliorare i film, ha promesso che Disney+, che ha diviso per quattro le perdite annuali, sarebbe stata redditizia nel quarto trimestre, grazie ai prezzi più alti e al numero di film. I suoi abbonati hanno superato i 150 milioni. Vuole rendere ESPN “la piattaforma sportiva digitale per eccellenza”. Infine, spera di favorire la crescita dei parchi a tema e delle crociere.

READ  Il cantante avrà una relazione con Dinantaise