Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Voyager 1 si trova ad affrontare una difficoltà: la sonda spaziale più lontana dalla Terra ha iniziato a trasmettere dati privi di significato

La Voyager 1 si trova ad affrontare una difficoltà: la sonda spaziale più lontana dalla Terra ha iniziato a trasmettere dati privi di significato

Notizie sulla tecnologia Jvi La Voyager 1 si trova ad affrontare una difficoltà: la sonda spaziale più lontana dalla Terra ha iniziato a trasmettere dati privi di significato

condivisione :


Per giorni, la Voyager 1 ha inviato solo uno schema ripetuto di uno e zero, come se la famosa sonda spaziale fosse “bloccata”. La NASA sta cercando di risolvere questo problema, ma la longevità della missione rende le cose molto difficili. Sì, hanno provato a spegnerlo e riaccenderlo. No, non hanno provato a metterlo sotto sale.

Voyager 1 bloccata nello spazio: un vero problema per la NASA

La sonda Voyager 1 ha iniziato a inviare uno schema ripetuto di uno e zero verso la Terra, come se fosse “bloccata”. È perfettamente normale che una sonda invii codici binari, ma ripetere un ciclo come questo è un problema. In linea di principio il problema non è grave poiché la sonda esegue perfettamente le istruzioni che riceve dai controllori della missione della NASA, ma i dati scientifici e tecnici che trasmette non sono più utilizzabili. È un peccato perché questa è la sua missione principale.

La NASA ha rintracciato il problema in uno dei tre computer a bordo della Voyager 1, il Flight Data System (FDS). Secondo i controllori della missione, le forze di difesa e sicurezza non comunicano correttamente con uno dei sottosistemi della sonda, l’Unità di comunicazione (TMU). L’FDS è progettato per integrare i dati degli strumenti scientifici della Voyager e la salute della sonda in un pacchetto di informazioni più comprensibile per la NASA. La TMU, da parte sua, è responsabile dell’invio di questi dati alla Terra sotto forma di segnale binario codificato. Dato che la Terra sta attualmente ricevendo uno schema ripetuto di uno e zero, è logico che il problema esista lì.

READ  L'Alberta completa un accordo triennale con Ottawa sulla salute

Come avrebbe fatto qualsiasi fan di “IT Crowd” (una serie comica britannica degli anni 2000 che non possiamo che consigliare), la prima cosa che la NASA ha provato a fare è stata riavviare FDS e riportarlo allo stato in cui si trovava prima del problema. Niente come il buon vecchio “on/off”, giusto? Sfortunatamente il ripristino non è stato di alcun aiuto e la Voyager continua a inviare dati senza senso.

Vecchio manuale di istruzioni e 45 ore di latenza

Quindi che si fa? La NASA ammette che ci vorranno settimane per sviluppare un nuovo piano d’azione. La distanza della sonda e la durata della missione rendono le cose molto difficili. Voyager 1 si trova nello spazio interstellare, a più di 24 miliardi di chilometri dalla Terra. Tra il momento in cui l’agenzia spaziale invia un comando alla sonda e il momento in cui viene inviata la risposta passano almeno 45 ore. Ciò rende impossibile provare tante piccole modifiche una dopo l’altra per vedere se qualcosa funzionerà. Non c’è spazio per dubbi, serve qualcosa di concreto.

A ciò si aggiungono le difficoltà legate alla consultazione di documenti scritti decenni fa da ingegneri che non avevano previsto i problemi che sarebbero potuti sorgere 50 anni dopo. Perché sì, le incredibili sonde Voyager 1 e Voyager 2 furono lanciate nel 1977 e sono gli oggetti realizzati dall’uomo più lontani dalla Terra. Attualmente stanno viaggiando in direzioni diverse, ma entrambi si trovano da anni nelle zone più remote del sistema solare. Per tua informazione, sappi che questo luogo riceve grande attenzione da parte degli scienziati perché sfugge all’influenza del vento solare ed entra nel campo del plasma interstellare.

READ  Prenditi una pausa dai social media per migliorare la salute mentale

Naturalmente, Voyager 1 e Voyager 2 presentavano problemi legati all’età, come la ridotta potenza dei generatori termoelettrici a radioisotopi (RTG) e il degrado di alcuni sistemi. Entrambe le sonde sono state aggiornate con istruzioni di risparmio energetico.

A metà anno, la NASA perse i contatti con la Voyager 2, ma i comandi per correggere l’orientamento dell’antenna ebbero successo e le comunicazioni furono ripristinate con successo. Speriamo che lo stesso si applichi presto ai problemi che Voyager 1 sta attualmente riscontrando!