Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La “super bolla” scoppia all’orizzonte, avverte questo leggendario investitore di Investing.com


Investing.com – In un’analisi pubblicata alla fine della scorsa settimana, il leggendario investitore Jeremy Grantham, co-fondatore della società di investimento GMO, ha affermato che gli Stati Uniti sono in una “super bolla”, che definisce bolle di sincronizzazione in mercati diversi come le azioni, obbligazioni e immobili.

Ha notato che questa super bolla è stata provocata dalle massicce misure di stimolo adottate durante la pandemia di COVID e ha spiegato che il suo ritiro annunciato potrebbe portare alla più grande scomparsa della ricchezza della storia.

“Per la prima volta negli Stati Uniti, abbiamo bolle simultanee in tutte le principali classi di attività”, ha affermato Grantham, stimando che le perdite di ricchezza potrebbero raggiungere $ 35 trilioni negli Stati Uniti.

“Uno dei motivi principali per cui deploro le super bolle – e incolpo la Fed e le altre autorità finanziarie per averle consentite e facilitate – è il fatto che il danno causato dalle bolle quando scoppiano non è sufficientemente riconosciuto”, ha affermato Grantham.

Bolla su azioni, immobili, obbligazioni e materie prime

Grantham ha scritto delle azioni: “Siamo in quella che considero la fase dei vampiri di un mercato rialzista, in cui ci butti tutto ciò che hai”, ha scritto Grantham. “Lo accoltelli con il COVID, lo spari con la fine del quantitative easing e la promessa di tassi più alti e lo avvelena con un’inflazione inaspettata”.

Riferendosi al settore immobiliare negli Stati Uniti, ha anche stimato: “Stiamo già partecipando alla più grande ed estrema bolla immobiliare globale della storia”. Secondo i suoi calcoli, le case degli Stati Uniti sono già “il più alto moltiplicatore di reddito familiare di sempre, dopo un aumento record del 20% lo scorso anno”.

READ  La chiusura delle scuole e le quarantene aumentano la disoccupazione temporanea

Per quanto riguarda le obbligazioni, ha osservato, “abbiamo anche i mercati obbligazionari più costosi negli Stati Uniti e nella maggior parte degli altri paesi del mondo, e ovviamente i tassi più bassi mai visti nella storia umana”.

Ha anche parlato di una “bolla delle materie prime iniziale”, osservando che l’impennata dei metalli e il fatto che “l’indice mondiale dei prezzi alimentari delle Nazioni Unite è vicino ai massimi storici” hanno delle somiglianze con la crisi del 2008:

“La combinazione che abbiamo visto nel 2008 di prezzi delle materie prime costantemente elevati e una bolla dei prezzi degli asset in contrazione è l’ultimo attacco a tenaglia all’economia che sicuramente causerà notevoli sofferenze economiche”, ha scritto.

Infine, per quanto riguarda le raccomandazioni di investimento per gli OGM in questo ambiente pericoloso, Grantham ha esortato a evitare le azioni statunitensi sottolineando al contempo il valore delle azioni nei mercati emergenti più economici e nei paesi sviluppati (in particolare il Giappone).

responsabile: Media di fusione Vorrei ricordare che i dati su questo sito Web non sono necessariamente aggiornati o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici e futures) e i prezzi forex non sono forniti dalle borse ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero non essere accurati e differire dal prezzo di mercato effettivo, il che significa che i prezzi sono indicativi e non appropriati per scopi di trading . Fusion Media pertanto non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali che potresti subire a seguito dell’utilizzo di questi dati.

Media di fusione o chiunque sia coinvolto con Fusion Media non avrà alcuna responsabilità per perdite o danni derivanti dall’affidamento alle informazioni incluse dichiarazioni, citazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita inclusi in questo sito Web. Si prega di essere pienamente consapevoli dei rischi e dei costi associati al trading sui mercati finanziari, è una delle forme di investimento più rischiose.

READ  Aveux d'échec per Facebook, qui va déployer son métavers sur le web