Dicembre 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il prezzo del diesel raggiungerà presto i 2 euro al litro? Questi sono i fattori che giocano un ruolo

Questo prezzo può continuare ad aumentare? Cosa ti aspetti nelle prossime settimane e mesi? Spiegazioni con Olivier Neirinc, portavoce della Union of Fuel and Fuel Merchants.

Il prezzo del diesel alla pompa ha raggiunto un nuovo record questo sabato, superando 1,8 euro al litro, ha annunciato FPS Economy. Il prezzo massimo per il diesel B7 per la prima volta è stato di 1,8170 euro al litro (0,027 euro), mentre il diesel B10 ha un prezzo di 1,7920 euro al litro (0,024 euro). Di fronte a questa situazione sorgono diversi interrogativi.

Il prezzo del diesel potrebbe salire di più? “Le prospettive sono molto vaghe al momento, ma la tendenza è alquanto rialzista”.spiega Olivier Neirinc, portavoce dell’Unione dei commercianti di carburante e gas. Il prezzo di un barile di petrolio Brent del Mare del Nord è di $ 90.

Verso un cricchetto inverso?

“Ovviamente se arriviamo a 100 o 110 dollari al barile, il prezzo di diesel e benzina si avvicinerà ai 2 euro al litro. E questo non è impossibile. D’altra parte, se abbiamo buone notizie per la crisi ucraina, ecco che può andare. giù molto rapidamente”, Illumina il portavoce.

Il governo può intervenire per tutelare i consumatori da questo aumento di prezzo? “Il governo si è riunito questa settimana per cercare di trovare soluzioni per il carburante. Stavamo parlando di introdurre un cricchetto passivo non appena benzina e diesel hanno raggiunto 1,75 euro al litro. C’è ancora qualcosa. Penso che ci sia urgenza su questo perché tutti hanno bisogno della propria auto per andare a lavorare. Con prezzi così alti a livello di imposta sul valore aggiunto, penso che sarebbe opportuno che lo stato mettesse in atto il cricchetto negativo il prima possibile”. Oliver Nerink conferma.

READ  Funziona solo con software gratuito su base giornaliera: l'abbiamo testato. Perché non lo usiamo di più?

Un “cricchetto passivo” è comunemente indicato come “cricchetto inverso”. È un meccanismo che consente di ridurre la quota di tassazione per litro di diesel e benzina, quando il prezzo di questi due tipi di carburante raggiunge un certo limite. È stato nominato dal governo. Questo tasso inverso è una decisione politica volta a ridurre l’impatto dei prezzi elevati del petrolio sul potere d’acquisto dei cittadini. Come su un litro per pompa, ci sono circa il 55% di tasse, possiamo ridurre queste tasse per abbassare leggermente il costo di un serbatoio pieno.