Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La sonda Orion torna sulla Terra dopo il suo viaggio intorno alla Luna

Dopo aver visitato la Luna e essersi avventurata nello spazio più lontano di qualsiasi veicolo spaziale abitabile prima di essa, la capsula Orion della NASA dovrebbe decollare nell’Oceano Pacifico domenica, l’ultima tappa della missione Artemis 1 ad alto rischio dell’agenzia spaziale statunitense.

La capsula entrerà nell’atmosfera terrestre a una velocità di 40.000 km/h, e dovrà sopportare un caldo infernale di 2800 gradi Celsius, ovvero la metà della temperatura della superficie del Sole.

L’atterraggio al largo dell’isola messicana di Guadalupe è previsto per le 17:39 GMT (9:39 ora locale).

Il successo di questa missione, che durerà poco più di 25 giorni, è fondamentale per la NASA, che ha investito decine di miliardi di dollari nel programma statunitense per il ritorno sulla luna, Artemis, volto a prepararsi per il futuro. Viaggio su Marte.

Il primo volo di prova di questo nuovissimo veicolo, questa volta senza astronauta a bordo, è stato finora un vero successo.

Ma solo negli ultimi minuti della missione dovrebbe essere raggiunto il suo obiettivo principale: testare lo scudo termico della capsula, il più grande di tutti (5 metri di diametro).

“È un pezzo di sicurezza fondamentale, progettato per proteggere il veicolo spaziale e i suoi occupanti”, ha spiegato Mike Sarafin, responsabile della missione. “Lo scudo termico deve funzionare.”

Nel 2014 è avvenuto il primo test della capsula, ma successivamente non ha lasciato l’orbita terrestre, e quindi è entrata lentamente nell’atmosfera (circa 32.000 km / h).

– Elicotteri, subacquei e barche –

Una nave della US Navy, la USS Portland, è predisposta per le operazioni di recupero delle capsule, che la NASA sta addestrando da anni. Saranno schierati anche elicotteri e gommoni.

READ  YouTube nasconde il numero di "odio" sotto i video - immagine

La navicella sarà rallentata prima dall’atmosfera terrestre, poi da una serie di ben undici paracadute, fino a raggiungere una velocità di circa 30 km/h quando colpirà l’acqua.

Una volta atterrato, verrà lasciato in acqua per due ore, molto più a lungo che se gli astronauti fossero a bordo, per raccogliere dati.

“Vedremo come la capsula assorbe il calore e come questo influisce sulla temperatura interna”, ha spiegato Jim Jeffery, amministratore di Orion alla NASA.

Quindi i subacquei legheranno dei cavi per trascinarlo nella nave, la cui poppa sarà parzialmente sommersa. L’acqua verrà quindi pompata fuori, permettendo alla capsula di depositarsi lentamente su un supporto previsto a tale scopo.

Le operazioni dovrebbero durare dalle quattro alle sei ore dal momento dell’atterraggio.

La nave prenderà quindi la rotta per San Diego, sulla costa occidentale degli Stati Uniti, dove la capsula verrà lasciata pochi giorni dopo.

In tutto, il veicolo spaziale avrà percorso più di 2,2 milioni di chilometri nello spazio da quando è decollato il 16 novembre durante il primo volo del nuovo enorme razzo SLS della NASA.

Orion ha sorvolato la Luna, a soli 130 chilometri dalla sua superficie, e si è avventurato a più di 430.000 chilometri dal nostro pianeta.

– Artemide 2 e 3 –

Il recupero della capsula consentirà di raccogliere molti dati cruciali per le successive missioni. Innanzitutto descrivendo in dettaglio le condizioni della nave dopo il suo viaggio, ma anche analizzando le registrazioni dei sensori di accelerazione e delle vibrazioni avvenute a bordo, o le prestazioni di un giubbotto antiradiazioni.

Alcuni elementi della nave dovrebbero essere riutilizzati anche per la capsula Artemis 2, che è già ben sviluppata.

READ  Final Fantasy XIV Online si trova nel centro del trattamento delle donne d'oceano

Questa seconda missione, prevista per il 2024, porterà un equipaggio sulla Luna, senza atterrarvi. La NASA dovrebbe annunciare molto presto i nomi degli astronauti selezionati.

Artemis 3, ufficialmente previsto per il 2025, atterrerà per la prima volta sul polo sud della Luna, dove è presente acqua sotto forma di ghiaccio.

Solo dodici uomini, tutti bianchi, hanno messo piede sulla luna grazie alle missioni Apollo – per l’ultima volta nel 1972, cinquant’anni fa.

Questa volta il programma Artemis dovrebbe inviare lì la sua prima donna e la prima persona di colore.

L’obiettivo della NASA è stabilire una presenza umana permanente sulla Luna, con una base sulla sua superficie e una stazione spaziale orbitante. Imparare a vivere sulla Luna dovrebbe testare tutte le tecnologie necessarie per un viaggio pluriennale su Marte, possibilmente alla fine degli anni ’30.