Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Polonia è pronta a schierare armi nucleari sul suo territorio: “Se mettiamo il dito nelle attrezzature nucleari, rischiamo l’Armageddon”

Lunedì la Polonia ha annunciato di essere pronta ad accogliere armi nucleari sul suo territorio se la NATO deciderà di rafforzare il suo fianco orientale di fronte allo schieramento di armi russe a Kaliningrad, una città vicino alla Polonia, così come in Bielorussia. “Se i nostri alleati decidessero di schierare armi nucleari nel quadro di un impegno nucleare sul nostro territorio al fine di rafforzare la sicurezza del fianco orientale della NATO, siamo pronti a farlo. Lo ha confermato Andrzej Duda, presidente polacco, sulle colonne del popolare quotidiano Fakt. “La Russia sta militarizzando sempre più la regione di Kaliningrad. Sta trasferendo le sue armi nucleari alla Bielorussia”.Il presidente ha paura.

Da parte sua, la Russia non ha aspettato a rispondere a questa possibilità. “L'esercito ovviamente analizzerà la situazione e, in ogni caso, adotterà tutte le misure di ritorsione necessarie per garantire la nostra sicurezza. Ha aggiunto Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino.

Anche se Andrzej Duda “ha sollevato più volte la questione” con gli Stati Uniti, il possibile dispiegamento di armi nucleari in Polonia sembra più che incerto, secondo Jean-Paul Berucci, ex direttore generale dello Stato maggiore militare dell'UE.

“L’ipotesi di una vittoria assoluta di Putin sta diventando possibile, e le forze russe potrebbero essere a Kiev a settembre”.

La pubblicazione è discutibile e controversa

Sebbene il presidente polacco dichiari che la questione del possibile dispiegamento di armi nucleari sul suo territorio è oggetto di discussioni con gli Stati Uniti, le possibilità che Joe Biden agisca sono più che scarse. “Gli Stati Uniti non hanno attualmente alcun interesse ad aumentare la pressione nucleare, al contrario, si stanno difendendo e quindi non lo faranno.“, sostiene Jean-Paul Perroche. Per l'esperto, siamo così “Nelle comunicazioni ma non in guerra.

READ  Elezioni in Catalogna: il socialista Salvador Illa è in testa, Puigdemont e il Blocco Indipendentista non hanno detto l'ultima parola

Nessun paese della NATO vuole questo dispiegamentoAnche lui conferma. L'ex direttore generale dello Stato maggiore afferma che anche se i Paesi baltici, la Romania o la Bulgaria volessero l'energia nucleare in Polonia come deterrente, la decisione sarebbe responsabilità degli Stati Uniti. “Si tratta di una questione americana e non sono gli europei a deciderla, bensì gli americani a stabilirne i mezzi“.

Se la Polonia schierasse armi nucleari sul suo territorio, potrebbe minacciare l’ecosistema NATO, di cui è membro, e creare il rischio che il conflitto si estenda oltre i confini ucraini. “Lo schieramento di armi nucleari sul territorio polacco non avrebbe alcun interesse pratico, non rafforzerebbe il potere deterrente della NATO, che è una forza americana, e susciterebbe invece amarezza da parte russa.“, conferma l'esperto. Questo argomento da solo è sufficiente perché molti non accettino questa ipotesi, soprattutto perché gli Stati Uniti, in questo momento, non mancano di mezzi deterrenti contro la Russia.

Inoltre, oggi è possibile danneggiare qualsiasi paese grazie ai missili e ad altre armi conflittuali. “Affinché gli americani possano usare la loro deterrenza, non hanno affatto bisogno di aerei in Polonia“, sostenuto da Jean-Paul Perroche. Un riferimento alla Guerra Fredda, in cui gli Stati Uniti minacciavano gli aerei che trasportavano bombe di sganciarle sul territorio dell'Unione Sovietica.

“I russi non faranno nulla”

Resta la questione della reazione della Russia alle dichiarazioni del presidente polacco. Come spesso accade, i commenti del Cremlino vogliono essere venati di minacce, ma più spesso sono segno di “gesti deterrenti”. “La Russia non farà assolutamente nulla, perché lo ha già fatto. Ha già affermato che sta dispiegando armi nucleari in Bielorussia e ha rafforzato le proprie risorse a Kaliningrad“, ricorda il soldato.

READ  “Ciò che ci ha scioccato soprattutto è stato il suo atteggiamento e quello di sua moglie, che mostra un sincero disprezzo per noi”.

Da una “conversazione preoccupante” a una riunione di emergenza: quanto siamo arrivati ​​vicini a un attacco nucleare russo in Ucraina?

Inoltre, secondo lui, anche se gli Stati Uniti acconsentissero alla richiesta della Polonia, non dovremmo preoccuparci della risposta russa. “Cosa volete che facciano i russi se non sottolineare lo spiegamento dell’energia nucleare in Bielorussia e Kaliningrad?“chiede l'esperto.”Non andrà oltre e non cambierà la situazione“, Conferma.”La nuclearizzazione della Bielorussia non cambierebbe assolutamente nulla. Sono vari tipi di deterrenti nucleari, inclusi missili intercontinentali e missili ipersonici”.“, spiega Jean-Paul Perroche. “Ne hanno 5.000, poco più di 5.000, sufficienti per distruggere il pianeta. Gli americani hanno la stessa cosa”. La deterrenza esiste già tra Russia e Stati Uniti, conferma l'ex direttore generale dello Stato maggiore, sottolineando che nulla suggerisce più delle minacce. “Non c’è motivo di preoccuparsi eccessivamente di ciò che sta accadendo in Oriente. È emozione, non movimento“.

La guerra convenzionale non deve portare alla guerra nucleare

Dopo la Guerra Fredda, la minaccia dell’energia nucleare ha preoccupato molti. Ma sia la NATO che la Russia si rendono conto che questo passo dovrebbe servire solo da deterrente. Per evitare di soccombere a una pericolosa escalation nucleare, la risposta, sia in Russia che tra gli Stati membri della NATO, è spesso convenzionale. “Quando i russi, dopo il loro ritiro nel 2022, proposero l’idea di inviare una piccola bomba tattica, come la chiamavano, agli ucraini, la reazione degli Stati Uniti non fu quella di dire: “Schiacceremo San Pietroburgo e Russia.” Mosca“, ricorda Jean-Paul Perroche. In effetti, la risposta americana fu “tradizionale”, dichiarandosi pronta a ciò “Distruggere tutte le forze schierate, quelle nel Mar Nero, ecc. con mezzi convenzionali“S”, dice l'esperto. Questa è “R”.“La risposta della deterrenza convenzionale alla minaccia del ricatto nucleare”.. “Ciò dimostra chiaramente che gli Stati Uniti non vogliono impegnarsi in un’escalation che potrebbe portare all’energia nucleare.

READ  Elezioni di medio termine Usa: repubblicani al dominio della Camera, battaglia serrata al Senato, 'buona giornata per la democrazia' per Biden

Quali sono i punti di forza e di debolezza della NATO in caso di guerra contro la Russia?

Dobbiamo quindi distinguere chiaramente tra i due tipi di guerra in gioco.Guerra convenzionale, che spesso arriva agli estremi. Quindi la guerra nucleare porterà inevitabilmente alla distruzione del mondo“, definisce Jean-Paul Perroche. ““Quindi non ha più senso condurre una guerra come questa, perché non ne usciremo”.

Per l’ex direttore generale dello Stato maggiore ciò che sta accadendo tra Polonia e Russia è tutt’altro “Guerra delle comunicazioni per terrorizzare e intimidire la popolazione”. “Ci rendiamo conto che se mettiamo il dito negli equipaggiamenti nucleari, anche a livello tattico, rischiamo di andare incontro ad una catastrofe generalizzata.“Lui sostiene.”Le persone stanno diventando più caute di prima.

“Il pericolo verrà da un piccolo Paese”.

Di fronte al pericolo rappresentato dalla minaccia nucleare, dobbiamo usare cautela e moderazione. Ma per Jean-Paul Perroche è il rischio che un piccolo paese in guerra possa un giorno possedere un'arma nucleare a destare preoccupazione. ““Ad esempio, se l’Iran ottenesse l’energia nucleare e inviasse una bomba a Israele o ad altri paesi, sarebbe un problema”.dice l'esperto.

Dobbiamo rispondere rapidamente. Entriamo allora nella logica dell’occupazione che può portare all’Armageddon, alla fine del mondo“Lui continuò.”Ecco perché tutti sono preoccupati per lui.”