Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Oktay Ercan, ricco uomo d'affari turco attivo in Belgio, è nel radar di molti servizi segreti

Sulla stampa si può anche fare sport e usare il cellulare, invece, il più delle volte, come un ricco imprenditore, attivo in Belgio e nei diversi settori dell'industria tessile, che coltiva allo stesso tempo la discrezione con la sua passione per il calcio. Infatti, oltre a godersi il calderone di Westerlotua la sera delle partite, il presidente ha apprezzato la tranquillità di Kampen e ha anche goduto di una villa alberata ai margini di Wimp. Il piccolo fiume traccia i suoi meandri sotto il fogliame che si accumula sul fondo della proprietà e ricorda forse al proprietario la verde Bolu, la regione del Mar Nero dove è nato.

Nella stampa, soprattutto sportiva e di lingua olandese, Oktay Ercan viene spesso presentato come un ricco uomo d'affari, attivo in Belgio e all'estero in vari settori tra cui l'industria tessile.

Al di fuori del calcio, l'industriale fa trapelare pochissime informazioni sulla sua attività (vedi grafico sotto). I suoi viaggi sul suo aereo privato descrivono la sua vita da uomo d'affari. Oltre a Westerlo, ha almeno una sede ufficiale a Türkiye, nell'elegante periferia di Istanbul.

Se sta attirando l'attenzione di giornalisti sportivi e tifosi gialloblù, Oktay Ercan sta suscitando l'interesse anche di tutt'altro tipo di osservatore. Secondo le nostre fonti, diversi servizi segreti stranieri lo hanno nel mirino. Ha invece ottenuto presso di noi un parere positivo sulla sicurezza internazionale al termine di un procedimento amministrativo (leggi sotto) relativo specificatamente alla sicurezza dello Stato. Tuttavia, all'interno di quest'ultimo, alcuni criticano il carattere non curioso dell'esame sulla base di questo punto di vista. Quali sono le presunte ragioni di preoccupazione dell’intelligence nei confronti dell’uomo d’affari turco? Con ogni probabilità lo si ritrova nelle sue attività non sportive.

In Sudan, il dittatore Al-Bashir

Oktay Ercan non ha fatto fortuna con i tessuti alla moda. La sua parte è piuttosto un'uniforme militare. È il principale azionista della Sur International Investment Company Limited, una società impegnata nella produzione di uniformi per le forze armate e di polizia. Tuttavia, Tyr non è un'azienda insignificante. Con sede a Khartoum, è stata fondata nel 2003 in Sudan da Omar Hassan Al-Bashir. Il dittatore sudanese, che ha organizzato un colpo di stato nel 1989, è rimasto al potere fino al suo rovesciamento nell’aprile 2019. È tuttora sotto processo presso la Corte penale internazionale per genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra nel contesto del conflitto in Darfur.

Sur è stata originariamente creata per equipaggiare l’esercito sudanese, e successivamente si è sviluppata e diversificata, sotto l’impulso della nuova base azionaria, che comprendeva il Ministero della Difesa del Qatar, con quote paritarie (33%) con il suo partner turco. Ha quindi aumentato la produzione di tessuti militari e ampliato le proprie attività commerciali per includere i settori energetico, industriale e agricolo in Sudan e altrove in Africa. Tutto ciò rientra nel quadro del partenariato strategico tra Khartoum e l’asse Ankara-Doha.

READ  EasyJet sospende i voli da e per Tel Aviv

Fino al 2019, Oktay Ercan, noto per la sua vicinanza a Erdogan, l’uomo forte della Turchia, aveva anche il sostegno del tiranno sudanese in quanto uno dei maggiori investitori stranieri. Al-Bashir lo ospitò per quasi vent'anni, durante i quali ottenne la cittadinanza, insieme a società commerciali e immobiliari. Dopo la caduta del regime, l'imprenditore turco è stato arrestato e processato dalle autorità giudiziarie sudanesi, sullo sfondo di presunti atti di appropriazione indebita e corruzione commessi prima del periodo transitorio. Secondo il Middle East Institute (MEI), un think tank americano, Erkan, grazie al suo sostegno all'interno dell'esercito sudanese, ha finalmente potuto beneficiare della liberazione nel 2020. Tuttavia, attualmente continua il suo lavoro in Sudan via Tiro, ma anche nel campo della produzione di energia elettrica attraverso la società Semi Energy FZCO, un'altra delle sue entità con sede a Dubai.

Investitore del Qatar sullo sfondo

Uno dei rami dell'attività del Presidente della Compagnia Westerlo termina a Istanbul, presso la sede della Barer Holding Company. Si tratta di un consorzio di cui è amministratore delegato e azionista attraverso Erok Holding, la sua società in Lussemburgo. Il gruppo è presente nei mercati del tessile militare, dell'aviazione, dell'estrazione mineraria e della difesa. Il suo principale investitore non è altro che la Barzan Holding Company, un gruppo creato in Qatar per consentire al principe Al Thani di realizzare le sue ambizioni militare-industriali.

In quest’ottica Oktay Ercan si è recato in Ciad nel dicembre 2018 con una piccola delegazione di imprenditori turchi e del Qatar. È stato ricevuto con i suoi omologhi al Palazzo Rosa di N'Djamena dal presidente del Ciad Idriss Deby, un autocrate africano ormai deceduto, e ha concluso l'acquisto del 70% delle azioni del produttore di attrezzature militari (Manim) per Barer Holdings. Ciò in cambio dell’investimento in una linea di produzione unificata in grado di equipaggiare tutte le forze armate e le forze di sicurezza del Paese.

La sorpresa di questa missione economica deriva dal fatto che Oktay Ercan e il suo entourage erano guidati da Philippe Hababu Solomon, un misterioso uomo franco-israeliano specializzato nella diplomazia privata in Africa, a beneficio soprattutto dell'emirato del Golfo. Ma soprattutto è il mentore di Alexandre Benalla. Anche l'ex guardia del corpo del presidente francese Emmanuel Macron si è rivolta al mondo degli affari del continente. Cosa facevano lì? In un articolo del gennaio 2019 su Liberation (corroborato da altre fonti), il giornalista Thomas Dietrich ha attribuito loro “le aspirazioni dei residenti di Rockler, non i negozi dell’usato”. Secondo lui si trattava soprattutto di permettere alla Barer Holding di prendere il controllo della Sogem SA, una società segretamente controllata dal clan Deby che aveva ottenuto l'approvazione statale necessaria per esplorare i giacimenti d'oro nella regione del Tibesti. L'accordo denunciato è il seguente: il Fondo Erkan ha finanziato l'operazione mineraria in cambio del 65% dei profitti futuri, mentre il resto è andato al capo dello Stato e ai suoi parenti.

READ  Una coppia pensava di aver vinto più di 200 milioni di euro alla lotteria, ma si sono rifiutati: "Mi ha spezzato il cuore"

Scenario giusto o sbagliato, il processo non si materializza mai. Per quanto riguarda la presa di Manaim, alla fine finì.

Organizzato da Ercan Oktay
Arrangiato da Ergan Oktay ©IPM Graphics

Classe Business di Carlos Ghosn

Poi i nomi di Alexandre Benalla e Oktay Erkan si scontrano all'inizio di un altro caso, questo clamoroso, perché riguarda la sorprendente fuga di notizie di Carlos Ghosn, l'ex capo della Renault-Nissan. Agli arresti domiciliari in Giappone, dove rischia gravi accuse di appropriazione indebita finanziaria, l'uomo è fuggito nel dicembre 2019 con l'aiuto di soci e di una squadra di barbuster americani. Benalla è stato ampiamente citato in questa vicenda, ma ha sempre negato qualsiasi collegamento con l'operazione.

In ogni caso, il viaggio di Carlos Ghosn in Libano, dove ha trovato rifugio, si è svolto su un aereo privato, con scalo a Istanbul. Da lì è decollato nuovamente un aereo della compagnia turca MNG Jet per arrivare a Beirut. Tuttavia, secondo un'indagine approfondita dei nostri colleghi del quotidiano Le Monde, l'aereo Bombardier Challenger 300 immatricolato TC-RZA in cui si trovava il Gran Leader detronizzato, è di proprietà di… Oktay Erkan.

Carlos Ghosn
Carlos Ghosn ©AP

Polizia, difesa e droni

Torniamo in Belgio, dove l'uomo alla guida delle sorti del KVC Westerlo non è investito solo nel calcio. È anche presidente di ZSE Technology, una società creata nel 2022, situata sul sito dell'aeroporto regionale di Prostem (St. Truiden) e specializzata nella commercializzazione di droni e sistemi anti-drone per uso civile di fabbricazione turca. e applicazioni di difesa militare in Europa.

Il sito web di Trudonnaire è molto semplice, ma lo scopo dell'azienda si riferisce anche all'importazione ed esportazione di software per la sicurezza informatica. Oltre a Oktay Erkan, alla guida di ZSE Technology ci sono altri due manager: Kris Consult e PDMC Consulting. Dietro queste entità troviamo rispettivamente Christian Vandepaer e Paul Desir, entrambi amministratori di ZSE.

Nel febbraio 2023 il primo era ancora sottocommissario e direttore giudiziario del PJF nel Limburgo. Mentre il secondo, amministratore delegato dell'azienda, ha completato la sua carriera militare nel 2022 con il grado di generale di brigata dell'aeronautica militare belga. È stato, tra l'altro, comandante della base Klein-Brugel e capo di stato maggiore del capo della difesa dal 2016 al 2020. Entrambi si conoscono da molto tempo da quando erano compagni di classe alla Royal Military School. Da parte sua, Chris Vandepaer lavora anche come “senior security officer” al KVC Westerlo, il suo club preferito dove sua figlia lavora anche come “community manager” responsabile della gestione dei social media.

Abbiamo confrontato Oktay Erkan e i suoi compagni con le nostre informazioni. Le loro risposte possono essere lette di seguito. Tuttavia, esplorare l’ambiente imprenditoriale dell’uomo d’affari Westerlo potrebbe spiegare cosa motiva i servizi di intelligence a tenerlo nel mirino. In un momento in cui la priorità è combattere le interferenze straniere, le sue strette relazioni con paesi noti per tali pratiche, le sue relazioni difficili e le sue azioni in aree sensibili sono senza dubbio sufficienti per accendere alcune luci. Ma non vengono dalla Sicurezza di Stato?

Il presidente di KVC Westerlo Oktay Ercan è raffigurato con la Coppa dei Campioni 1B dopo una partita di calcio tra KVC Westerlo e RWDM Molenbeek, sabato 16 aprile 2022 a Westerlo, il giorno 28 della Second Division League
Ok, Ercan ©Belga

Il presidente della KVC Westerlo ha accettato di rispondere a tutte le nostre domande dopo la nostra indagine. Eccoli, intensi.

READ  Joe Biden e il primo ministro israeliano si sono chiamati per 25 minuti: questo il contenuto della loro conversazione

Innanzitutto conferma che “in 25 anni di vita professionale, avendo svolto attività in sette paesi diversi e impiegando migliaia di persone, non ho infranto alcuna regola internazionale e non ho precedenti penali”. Il motivo per cui dice che, nel 2023, ha ottenuto senza difficoltà un parere positivo sulla sicurezza internazionale valido per cinque anni. Ciò è necessario affinché l'Amministrazione dei beni strategici del governo fiammingo possa commercializzare attrezzature per uso militare e di polizia tramite la sua società ZSE Technology.

Per quanto riguarda la gestione della ZSE affidata a due alti ufficiali recentemente in pensione dalla Polizia Federale e dalla Difesa, loro e il loro partner dicono di sentirsi completamente a proprio agio, convinti che insieme potranno trarne vantaggio. “Servizi di sicurezza belgi ed europei con tecnologia turca non disponibili da nessun’altra parte”.

Per quanto riguarda il Sudan e la sua società Sur International e i suoi intoppi legali, Oktay Ercan risponde: “Lì, come altrove, facevo solo affari e non politica. Nel 2020 ha lasciato il Paese a causa della guerra civile. Ho chiuso le mie aziende automobilistiche e alimentari, ho venduto le mie proprietà e ho rinunciato alla cittadinanza che dovevo ottenere per poter esercitare il commercio. Tutti i casi intentati contro di me dal nuovo governo sudanese sono stati archiviati”.

Per quanto riguarda il Ciad e la coppia Slimane-Benala, l'interessato dichiara di aver partecipato a questa missione su iniziativa esclusiva di “Consigliere del governo ciadiano Philip Solomon”. Ha detto di non sapere nulla in anticipo della presenza di Alexandre Benalla e di non aver condotto alcuna trattativa con lui. Aggiunge che il progetto di investimento in Menem è fallito e non c'era spazio per sfruttare l'oro del Tibesti. Per quanto riguarda il suo rapporto con Suleiman, lo descrive come buono “Così posso denunciarlo per non aver pagato i debiti che mi deve.”. Denuncia la campagna diffamatoria orchestrata contro di lui dal debitore.

Infine, per quanto riguarda il suo aiuto nella fuga di Carlos Ghosn, Oktay Erkan contesta formalmente l'indagine di Le Monde:Questo è un errore ! L’aereo in questione non ha nulla a che fare con me o la mia compagnia”.