Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Jupiler Pro League semina il panico in Europa con i suoi gioielli

La Jupiler Pro League semina il panico in Europa con i suoi gioielli

Se in Francia sono già iniziati i tradizionali saldi invernali, che durano sei settimane, anche il nostro vicino belga sta vivendo una significativa liquidazione in questi giorni freddi. Dall'apertura del mercato, il 5 gennaio, la pianura ha visto fuggire molte delle sue gemme, e questo ovviamente dovrà continuare fino alla chiusura, prevista per il 1° febbraio. Fucina di talenti dove facevano acquisti i 5 migliori club europei, il Belgio ha già esportato più di 38 milioni di euro quest'inverno. Per fare un confronto, sono 10 in più dei club francesi, 30 in più dei tedeschi e 28 in più dei club spagnoli della Liga, che hanno registrato anche un solo trasferimento durante questo periodo: il trasferimento di Muhammed Ali Chow dalla Real Sociedad al Nizza per 10,0 milioni di euro. Numeri da evidenziare – essendo il Jupiler Championship una sorta di torneo cosiddetto “stepping stone” – ma che testimoniano comunque il appeal che il torneo continua a suscitare all’estero. Oggi i leader europei non esitano più a scommettere sul potenziale ed è naturale che si rivolgano al Belgio.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Un anno fa, il Borussia Dortmund aveva speso 8,5 milioni di euro per Julian Duranville, 16 anni e 11 presenze tra i professionisti, mentre, nell'estate del 2020, il Rennes aveva speso più di 20 milioni di euro per accaparrarsi un altro fenomeno dell'Anderlecht: il 18enne Jérémie Doku. puntuale. Per Jason Box, agente specificatamente stabilito nel mercato belga, non c’è nulla di scandaloso in questa pratica: “In Francia, e questo è logico vista la popolazione, abbiamo più talenti grezzi che in Belgio. D'altra parte, qui (in Belgio), Abbiamo allenatori che riescono a valorizzare al massimo le qualità dei giovani, spingendoli a diversificare il loro stile di gioco e preparandoli molto presto ad alti livelli.Decide l'agente. C'è stata una generazione di Fellaini, Benteke, Lukaku, ma la nuova incarnazione di Doko conferma questa tendenza. Oggi i club cercano giocatori che già competono in Coppa dei Campioni all'età di 17 o 18 anni, giocando in un torneo sportivo molto simile a quello che troviamo nei campionati maggiori.»

READ  Tour du Pays basque – Remco Evenepoel : "Dommage determinar au pied du podium, mais je sais que je peux discendere très vite si je dois le faire"

Per leggere
L'Atletico è a un passo dall'acquistare un giocatore da 27 milioni di euro

La Jeantoise, l'ospite invernale

Terza nel campionato belga in questa stagione, La Jeantoise ha già pagato il prezzo di questo grande tutto esaurito. Nel giro di cinque giorni, il club fiammingo ha visto volare nei cieli del Lione due dei valori di mercato più alti della sua rosa: Malik Fofana (18 anni) e Gift Orbán (21 anni). Il primo, un prodotto prettamente nazionale, è stato venduto per 17 milioni di euro, mentre il secondo, arrivato per poco meno di 5 milioni di euro dalla Norvegia un anno fa, è stato venduto per tre volte di più. Per i Bucs l'OL ha fatto due grandi acquisti con questi due arrivi: “Non è un segreto, oggi si paga anche la potenziale immagine e brand del giocatore. Ma penso che l’OL abbia fatto due ottimi accordi con Fofana e Orbán, Sfugge all'agente che gestisce gli interessi di diversi giocatori della Jupiler Pro League e dell'Eredivisie. Si sono esibiti in Belgio, un torneo incentrato sulla fisicità, che per certi versi assomiglia al campionato francese, per poi brillare anche sulla scena europea, in C3 e C4. Questi sono i giocatori che sono già pronti e che parlano anche la lingua. “È sempre più facile che ingaggiare un giocatore brasiliano che ha molte incognite”.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Oggi i club della Lega francese non hanno intenzione di recidere i legami con il Belgio, un mercato economico relativamente prospero. Come ha ribadito La Jeantoise, oggi il club è più vicino a un vero partner del campionato francese, come dimostrano i trasferimenti di Jonathan David al Lille per 27 milioni di euro nel 2020, o Joseph Okumu, trasferitosi l'estate scorsa al Reims per 10. milioni di euro. Dal canto suo, il Brugge ha venduto, ad esempio, Crepin Diatta al Monaco per 17 milioni di euro nel 2020, Luis Obinda al Lens per poco più di 15 euro nel 2022, o anche Abacar Sylla allo Strasburgo quest'estate per 20 milioni. Quest'inverno, anche il suo nazionale canadese, Tajon Buchanan, ha cambiato direzione unendosi alla recente finalista della Champions League, l'Inter, a testimonianza della crescente credibilità del torneo. Poiché basta scuotere un albero perché il talento appaia a Bruges, la nuova attrazione dovrà ora essere intitolata ad Antonio Nossa. Il 18enne esterno norvegese, già nel mirino di Chelsea e Tottenham, dovrebbe superare Charles De Kittilari nella classifica delle cessioni più grandi a un club belga (il belga fu ceduto per 32 milioni di euro al Milan nel 2022). . .

READ  Una star va in pensione e un'altra potrebbe non giocare l'intera stagione!

È stato messo in risalto il lavoro dei reclutatori e degli allenatori belgi

Con la follia che vortica attorno ai gioielli del campionato belga, sono anche gli allenatori e le reclute a vedere messo in risalto il loro lavoro. Come riportato dall’Osservatorio calcistico CIES alla fine del 2023, l’Anderlecht, ad esempio, si colloca al 25° posto nella classifica dei centri di allenamento più redditizi del pianeta. Tra il 2014 e il 2023, l'RSC ha fatturato ai giocatori che si sono formati nel club per 179 milioni di euro. Nella classifica CIES dei migliori centri di formazione, basata sul rapporto tra giocatori che si sono formati nel club e hanno giocato nella squadra professionistica, compaiono nella top 100 anche tre club della pianura: l'Anderlecht, 38esimo con 50 giocatori, e lo Standard al 57esimo posto, subito dietro al Bayern Monaco, con 44 giocatori del settore giovanile, e infine al Genk, al 97esimo posto, con 32 giocatori. E in altre proporzioni “nuovo” Appaiono e riescono a rendersi sempre più attraenti, come Anversa o l'Unione di St. Guilloise.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

«Le cose vanno sempre meglio in Belgio. Anversa investe sempre più denaro nella formazione e lo vediamo attraverso lo sviluppo di talenti come Arthur VermeerenIl giudice Sascha Tavoleri, giornalista e specialista del calcio belga. Ovviamente l’idea è avvicinarsi al modello francese. Inoltre, il regolamento obbliga i club ad avere in lista almeno 6 giocatori formati in Belgio, costringendo di fatto i club a concentrarsi sugli allenamenti. Inoltre, ogni stagione vediamo i club belgi andare lontano nel campionato giovanile. Per sottolineare la formazione, poco più di un anno fa l’Assemblea Generale della Pro League ha approvato anche l’aggiunta di quattro squadre under 23 alla D1B.

READ  Andreas Skov Olsen verso il campionato?

È anche un modo per i club di preparare le loro giovani dita all'intensità e alle esigenze dell'alto livello. In questo senso, le riserve di Anderlecht, Genk, Standard e Club Brugge giocano oggi nella sala d'attesa della Jupiler Pro League, e a livello professionistico. Per Sasha Tavoleri questa misura tende ad accelerare il processo di integrazione dei giovani: “Per i giocatori che si distinguono dall'Under 23, le occasioni possono arrivare presto nel primo girone. I giovani affrontano già squadre molto toste e questo li prepara al livello alto. Il salto è molto meno ripido dopo Quello. Un'esibizione che ha permesso anche a Sekou Diawara (19 anni, Udinese), Mika Godts (18 anni, Ajax) e Arne Engels (20 anni, Augsburg) di cogliere occasioni all'estero e scoprire lì l'altissimo livello. Il Belgio continua ad attirare l'attenzione.

pub. IL
Potresti ridere