Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La direzione di Bruxelles Airlines non cambierà la sua posizione “anche se ci fossero altri scioperi” | Belgio

La direzione di Bruxelles Airlines non cambierà la sua posizione “anche se ci fossero altri scioperi” |  Belgio

Nei mesi di gennaio e febbraio la Brussels Airlines ha dovuto affrontare due scioperi: uno da parte dei piloti e uno del personale di cabina. Nina Ordic, direttrice finanziaria della società, ha spiegato giovedì che le misure costano alla società 4 milioni di euro.

Le richieste dei sindacati erano ogni volta le stesse: salari più alti e migliori accordi sull'orario di lavoro. I dipendenti hanno già fatto delle concessioni durante la crisi del coronavirus. Ma ora vuole una fetta della torta mentre la compagnia aerea ritorna in una migliore salute finanziaria. È tornata in redditività nel 2023, dopo cinque anni di perdite. L'utile operativo ha raggiunto il livello record di 53 milioni di euro.

Ma attualmente sindacati e direzione non sono sulla stessa lunghezza d’onda. “Tutti hanno spiegato la loro posizione e siamo molto lontani gli uni dagli altri”, ha ammesso giovedì Nina Ordek.

La CEO Dorothea von Bocksberg ha insistito sul fatto che l'offerta del management ai dipendenti rappresenta un limite che l'azienda non può superare. L'azienda offre ai suoi circa 3.400 dipendenti un aumento medio del potere d'acquisto del 6%.

L'amministrazione ha spiegato che la situazione finanziaria è ancora fragile. Il presidente dell'azienda ha sottolineato: “Dobbiamo assicurarci di rimanere un'azienda vitale e di non perdere di nuovo tutto dopo appena un anno di profitti”. Il margine di profitto (3,4%) non ha (ancora) raggiunto il livello obiettivo dell'8%.

La Brussels Airlines ha avvertito che non cambierà la sua posizione, anche sotto la minaccia di scioperi. “Anche se ci fossero altri scioperi, non andremo oltre”, ha detto.

READ  Mosse fallite, strategia di declino, pressioni delle minoranze...: 4 simbolici tentativi falliti di uscire dalla Borsa di Bruxelles

Brussels Airlines guadagna solo da una fila di posti su ciascun aereo

Attualmente Bruxelles Airlines realizza profitti solo da una fila di posti per aereo, mentre nel 2019, prima della pandemia di coronavirus, era redditizio un solo posto. “Si tratta di un'ottima cosa, ma potrebbe anche facilmente scomparire di nuovo”, ha sottolineato giovedì Nina Ordek, commentando i risultati finanziari annuali dell'azienda.

Per illustrare il suo punto, il direttore finanziario di Bruxelles Airlines ha suddiviso un aereo A320 in posti (27 file da sei). L'intero dispositivo rappresenta il volume degli scambi, dal quale vengono poi detratti tutti i costi.

Il solo cherosene copre un quarto dei costi, ovvero sette file sull'aereo. A ciò si aggiungono i costi del personale (quattro righe), i costi di movimentazione e controllo del traffico aereo (quattro righe), le spese legate al noleggio e alla manutenzione degli aeromobili (quattro righe), ecc. I posti che rimangono vuoti rappresentano quattro file e quindi non portano nulla alla compagnia. Il tasso di occupazione medio di Brussels Airlines è stato dell'82,5% nel 2023.

Alla fine resta redditizia solo l’ultima fila di posti, con un guadagno medio di 6 euro a passeggero. Si tratta quindi di un netto miglioramento rispetto al 2019, quando solo un posto era redditizio, afferma Nina Ordek. “Ma immagina quanto sia fragile questo interesse”, ha aggiunto. «Basta che alcune persone smettano di prenotare o che i costi aumentino perché il vantaggio scompaia rapidamente.»

Per il direttore, la situazione finanziaria di Brussels Airlines dovrebbe continuare a migliorare. Ha ricordato che tra il 2020 e il 2022 la petroliera ha accumulato perdite per 572 milioni di euro. “Sono molto orgogliosa del profitto che abbiamo realizzato, il primo in cinque anni, ma non siamo ancora fuori pericolo”, ha insistito.

READ  'mattone nel ventre' belgi limitato nel prezzo immobiliare | Economia

Nel 2020, nel pieno della crisi Covid, l’azienda ha licenziato un quarto dei suoi dipendenti, circa 1.000 persone. “Abbiamo ridotto significativamente la nostra forza lavoro e siamo tornati su un percorso di crescita”.

La compagnia aerea mira infine a raggiungere un margine di profitto operativo dell'8%, un livello al quale può finanziare in modo sostenibile tutti gli investimenti e quindi essere strutturalmente solida. Nel 2023, questo margine è del 3,4%. Come raggiungere questo obiettivo? “Dobbiamo crescere, ma con attenzione”, ha risposto Nina Ordek. “Con le destinazioni giuste, le persone giuste e l'aereo giusto” e sfruttando al massimo le sinergie legate all'integrazione di Bruxelles Airlines all'interno del gruppo aereo tedesco Lufthansa.

L’azienda prevede di fare “un altro passo importante” verso l’obiettivo dell’8% quest’anno, ma non crede che sarà in grado di raggiungere l’obiettivo prima del 2026 o 2027.