Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dietro il linguaggio in codice, la realtà politica cinese

Dietro il linguaggio in codice, la realtà politica cinese

La conferenza “Two-Sessions”, che si tiene da lunedì in Cina, rappresenta l'incontro politico più importante dell'anno nel Paese. Ma per capire cosa sta succedendo, a volte è necessario conseguire una laurea in “parlato PCC”. Un’illustrazione di tre nuovi “elementi linguistici” onnipresenti che dicono molto sull’agenda politica del Partito Comunista in Cina.

Il principale incontro politico annuale della Cina ha raggiunto il suo pieno ritmo. DottLe due sessioni sono iniziate lunedì 4 marzo. – in una conferenza di 10 giorni tra i due più importanti organismi politici del paese – si è già discusso della ripresa economica, della spinosa questione di Taiwan, della modernizzazione dell'esercito e persino dei rapporti tra Pechino e il resto del mondo.

Entrambe le sessioni sono presentate da media cinesi Come il modo migliore per capire come “Democrazia cinese” per un osservatore straniero.

In questa occasione, infatti, quasi tremila membri del Congresso nazionale del popolo – l'equivalente del parlamento cinese – si riuniscono per definire l'agenda legislativa per il prossimo anno. La sessione dello scorso anno ha fissato una tabella di marcia per oltre 2.000 misure che saranno adottate in un anno, come confermato dall'agenzia di stampa ufficiale cinese Xinhua.

Parallelamente all'Assemblea nazionale del popolo, le due sessioni ospitano anche la Conferenza consultiva politica popolare, un organo consultivo che dovrebbe esprimere il proprio parere sulle priorità politiche per il prossimo anno. Sono 2mila i membri del Partito comunista cinese (Pcc) e della società civile che devono dibattere sotto lo sguardo attento del governo.

Pertanto, le “due sessioni” rappresentano una buona misura del clima politico in Cina. Dobbiamo ancora comprendere il “parlare del PCC” praticato lì. Per orientarsi, uno dei modi migliori è individuare le “parole d'ordine”, cioè le espressioni chiave che diventano elementi del linguaggio del partito. Lo dice l'americano Bloomberg Economic Channel.

READ  Abbandono dei pannelli fotovoltaici in Vallonia: Cwape giustifica il controverso importo del risarcimento

La maggior parte di essi può sembrare misteriosa a prima vista. Cosa intende Xi Jinping con “nuove forze produttive”? Quali sono le “tre novità” che più spesso sottolineano i partecipanti alle “Due Sessioni”? Sapere come decifrarli “ci permette di comprendere gli sviluppi chiave nella politica economica e sociale di Xi Jinping e del governo al di là degli annunci ufficiali”, afferma Mark Lantin, studioso di Cina presso l’Università Artica in Norvegia.

Ma queste “parole d’ordine” sono anche un modo per i leader cinesi di riconoscere gli errori poco convinti. I funzionari cinesi “non dicono chiaramente cosa c’è che non va”, conclude Marc Lantini, “ma questo linguaggio in codice annuncia spesso cambiamenti di direzione, e quindi un’implicita ammissione che qualcosa non funziona più”.

Per orientarsi, FRANCE 24 ha isolato quattro elementi del linguaggio proposto durante queste due “sessioni” che permettono di comprendere la vera visione che il Partito Comunista Cinese ha della situazione economica e sociale del Paese. Perché leggendo i media ufficiali e le dichiarazioni pubbliche, sarebbe utile concludere che Pechino pensa che tutto vada bene.

“Nuove forze produttive”. È lo stesso Xi Jinping ad usare questa espressione almeno dal settembre 2023. Ma il presidente cinese non ha mai specificato a quali forze farà appello per salvare l’economia cinese.

Ne ha infatti fatto nuovamente riferimento nel corso delle “due sessioni” per assicurarsi che permettesse al Paese di raggiungere facilmente l'obiettivo prefissato di una crescita del 5%.

Marc Lantin spiega che le “nuove forze produttive” sono “una versione moderna delle espressioni usate da tutti i leader cinesi a partire da Mao Zedong per determinare quali settori dell’economia saranno privilegiati”.

In questo caso, questo specialista scommette che Xi Jinping prende di mira i servizi – soprattutto la finanza – e le tecnologie dell’informazione con la versione 2024 delle “forze produttive”.

Ma invocandoli, questa espressione mira anche ad accantonare i “vecchi” motori della crescita cinese. In altre parole, Xi Jinping sta segnalando che dovremmo smettere di “scommettere tutto sugli investimenti nelle infrastrutture e nel settore immobiliare”, come dice Marc Lantin. Dovremmo aspettarci di vedere meno costruzioni di autostrade e ferrovie. Pertanto, i promotori immobiliari, scossi dal disastro di Evergrande, si sono assicurati che il loro salvataggio non fosse più una priorità del governo.

READ  Indicatori: le vostre tariffe variabili di gas ed elettricità aumenteranno o diminuiranno a gennaio? Questo dipende dal tuo contratto

“Intelligenza Artificiale Plus”. È stato il premier Li Qiang a rendere popolare l’iniziativa “AI Plus”. Ne ha fatto la pietra angolare del “Rapporto di lavoro” pubblicato martedì 5 marzo dall’Assemblea nazionale del popolo.

Anche in questo caso «i contorni di questo concetto sono molto vaghi», ammette Marc Lantin. L’idea principale sarà quella di introdurre l’intelligenza artificiale in tutti i settori dell’economia. Come ? Quando ? Da dove iniziare? “Dovremo aspettare i dettagli, ma l’ambizione è chiara: rendere l’intelligenza artificiale un motore trainante dell’economia e promuovere la ricerca nel campo dell’intelligenza artificiale”, sottolinea l’esperto.

La Cina non è l’unico paese che fa affidamento sull’intelligenza artificiale. Dall'avvento di ChatGPT, è diventato un argomento popolare per tutti. Ma è proprio il “vantaggio aggiuntivo” a rendere specifico il progetto cinese.

“Aggiungendo il segno “più”, le autorità vogliono dare l’impressione che la Cina sia già arrivata alla fase successiva”, riassume Marc Lantin. Questa espressione suggerisce che Pechino sta già padroneggiando questo strumento – l’intelligenza artificiale – e ora sta cercando i migliori sbocchi per utilizzarlo.

Questo modo di presentare le questioni mira a riflettere l’immagine del Paese arretrato in materia intelligenza artificiale. È colpa di ChatGPT e dei suoi cloni: tutti questi chatbot provengono dall'Occidente e sta iniziando a svilupparsi una narrazione che suggerisce che la Cina farà fatica a recuperare il ritardo.

“I Nuovi Tre.” Lui conferma che si tratta di un'espressione che da più di un anno sta guadagnando popolarità negli ambienti mediatici ed economici Nota pubblicata da Citigroup nel gennaio 2024. Ne ha appena parlato il premier Li Qiang, il quale, durante i dibattiti all'Assemblea nazionale del popolo, si è rallegrato che “i tre nuovi paesi abbiano visto una crescita del 30% in un anno”.

READ  Twitter: Elon Musk provoca un nuovo scandalo, "Questo è totalmente inaccettabile"

Il concept si riferisce al settore dei pannelli solari, delle auto elettriche e delle batterie. “Non sorprende che questa espressione venga utilizzata in un momento in cui il campione cinese di auto elettriche – BYD – mostra crescenti ambizioni globali”, sottolinea Marc Lantin.

Il governo cinese vuole quindi dimostrare il suo sostegno al produttore, il cui appetito commerciale comincia a preoccupare i paesi occidentali. Alla fine di febbraio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha descritto le auto elettriche come… “Rischi per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”.

“È anche un concetto complementare all’idea delle “nuove forze produttive””, sottolinea Marc Lantin. Anche in questo caso si tratta di voltare pagina. Questi “nuovi tre” contrastano con i “vecchi” settori che hanno reso la Cina famosa a livello internazionale: tessile ed elettronica a basso costo.

La Cina vuole quindi chiarire al mondo che intende rimanere “il più grande produttore mondiale”, ma d'ora in poi di prodotti ad alto valore aggiunto tecnologico.

Questi tre nuovi pilastri hanno una cosa in comune: “Dovrebbero illustrare l’ambizione cinese di passare a un’economia responsabile dal punto di vista ambientale”, osserva Marc Lantin. I pannelli solari rappresentano le energie rinnovabili, mentre le auto elettriche e le batterie (che equipaggiano in particolare queste auto) simboleggiano la decarbonizzazione del traffico stradale. Pertanto, la frase “I Nuovi Tre” funge da nuovo slogan per la Cina “verde”.