Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jannik Sinner vince l'Australian Open e detiene il suo primo campionato importante

Jannik Sinner vince l'Australian Open e detiene il suo primo campionato importante

Le promesse fatte da Jannik Sinner alla fine della scorsa stagione sono state mantenute, e in che modo! Al termine di una finale pazzesca dell'Australian Open, l'italiano ha dominato Daniil Medvedev con una strepitosa rimonta. Dopo essere stato sotto di due set a zero dopo 1 ora e 25 minuti, ha vinto 3-6, 3-6, 6-4, 6-4, 6-3, in 3 ore e 44 ore. A 22 anni vince il suo primo titolo importante, il terzo per un giocatore italiano, dopo Nicola Pietrangeli (Roland Garros, 1959-1960) e Adriano Panatta (Roland Garros, 1976). Dal canto suo, Medvedev ha subito il quinto fallimento in sei finali del Grande Slam, rivivendo il suo incubo 2022 a Melbourne, dove ha visto anche Rafael Nadal superare un handicap di due set.

5

Daniil Medvedev ha perso cinque delle finali del Grande Slam a cui ha partecipato. La sua unica vittoria resta lo US Open 2021, dove ha negato a Novak Djokovic il titolo del Grande Slam.

La cosa più deludente per lui è che ha attaccato il suo gioco nel miglior modo possibile. Andando contro ogni aspettativa tattica. Raramente lo abbiamo visto così aggressivo dai suoi primi due colpi di mazza. Chiaramente ha preparato bene il suo caso e ha deciso di privare Sener di tempo e ossigeno. Non l'abbiamo mai visto molto in rete. Andava costantemente avanti. Dopo che Sinner si è fatto male alla gola, ha lasciato cadere il servizio due volte (6-3). Il russo è stato un servizio brillante, servendo l'86% delle sue prime di servizio e mettendo a segno 6 ace. I suoi 14 errori non forzati sono stati solo il giusto risultato della sua assunzione di rischi.

READ  Chu ripensa al suo terribile incidente: "Non capisco come ne sono uscito con così pochi postumi".

2

Jannik Sinner ha firmato la seconda rimonta da due set a zero della sua carriera. La prima volta fu proprio a Melbourne l'anno scorso contro Marton Fucsovics.

Sinner ha salvato quasi miracolosamente quattro break point nel secondo game, ma è crollato nel quarto game. Il russo, impeccabile nell'impegno, si è aggiudicato i primi 3 tiri. Dopo 1:05 era già in vantaggio 6-3, 4-1. Un peccatore viveva un incubo e non riusciva a trovare alcuna soluzione. Medvedev vince il secondo set con un potente dritto (6-3, 6-3). Come nel caso di Nadal due anni fa, anche lui era a un passo dalla felicità.

Sinner ha fatto affidamento sul suo diritto

Ma il peccatore non si arrese. Ancora meglio, il suo gioco di tennis stava gradualmente riacquistando colore. Nel terzo set, gestito brillantemente dai battitori, la prima di servizio, sul 5-4 a loro favore, è stata un set point. Così ha realizzato l'italiano spingendo l'avversario all'errore con un dritto. Dopo due ore e dieci minuti era a un terzo del percorso.

22

A 22 anni e 165 giorni, Sinner è diventato il più giovane vincitore dell'Australian Open dal 2008, quando Novak Djokovic alzò il trofeo a 20 anni e 250 giorni.

READ  Scommesse sportive: Grande squalifica e fine stagione in vista per Sandro Tonali

Sinner ha aumentato la pressione dall'inizio del quarto set. Le sue gambe e le sue braccia si muovevano molto più velocemente di quanto non fossero all'inizio del gioco. Così ha due palle break (1-0, poi 2-1) ma Medvedev le ha mandate via. In un round da lui generalmente dominato, l'italiano ha avuto una sola ammonizione, ben tre, salvando una palla break grazie ad un ace. Ma la sua fine nel gruppo è stata implacabile. Di fronte ad un giocatore che puntava sempre più sulla fisicità, ha fatto affidamento sul suo diritto per vincere il set. Lo spettro della famosa sconfitta contro Nadal aleggiava sulla Rod Laver Arena.

10

Sinner ha vinto 10 delle sue ultime 11 partite contro membri dei primi cinque. È stato dominato niente meno che da Novak Djokovic nell'ultima finale del Masters.

Avendo giocato circa sei ore in meno di Medvedev nelle ultime due settimane, era logico che Sinner fosse il più attivo fisicamente. Da quel momento in poi avrebbe avuto il sopravvento. Il giocatore russo è apparso eccessivamente maturo, ha corso nel sesto incontro dell'ultimo turno commettendo molti errori. Le ventiquattr'ore trascorse in tribunale furono molto pesanti. Il break di mano (4-2), quarto al mondo, ha aperto il percorso con l'autorità di un vecchio veterano. Sul 5-3, uno straordinario dritto lo ha mandato in paradiso.

READ  L'Australia cancella il visto di Novak Djokovic, i serbi dovranno lasciare il Paese