Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Belgio, un frutto su tre è contaminato dalla classe più dannosa di pesticidi

In Europa, quasi un terzo della frutta prodotta contiene residui di sostanze che avrebbero dovuto essere bandite dal 2011. Il Belgio è uno studente particolarmente pessimo.

IlI residui di pesticidi chimici sulla frutta coltivata nell’Unione Europea sono aumentati tra il 2011 e il 2019, quando gli Stati membri avrebbero dovuto limitarne l’uso a favore di prodotti alternativi, secondo uno studio dell’organizzazione non governativa PAN Europe pubblicato martedì.

Lo studio si basa su una raccolta di dati condotta tra il 2011 e il 2019 da 30 agenzie europee, tra cui l’Agenzia federale belga per la sicurezza della catena alimentare (AFSCA), per garantire la sicurezza alimentare nel loro paese. In tutto, nei nove anni coinvolti sono stati analizzati 97.170 campioni di frutta fresca coltivata in Europa. Secondo PAN Europe, queste analisi mostrano un aumento significativo del 53% dei residui di pesticidi altamente tossici, tuttavia dovrebbero essere banditi a partire dal 2011 a causa della loro pericolosità.

Quasi un campione su tre (29%) è stato contaminato da tracce di pesticidi chimici, rispetto al 18% nel 2011.

Il Belgio si distingue negativamente in questo studio, rappresentando il 34% dei campioni contaminati a livello di produzione tra il 2011 e il 2019. In questa scarsa classifica, è davanti a Irlanda (26%), Francia (22%) e Italia (21 ). %) e Germania (20%).

I pesticidi dovrebbero essere vietati

Tuttavia, dal 2011, sottolinea questa ONG specializzata, gli Stati membri dovrebbero incoraggiare i prodotti alternativi a ridurre il più possibile l’uso di quei pesticidi sintetici – erbicidi, fungicidi e insetticidi – che sono considerati più a rischio e la cui licenza è maggiore. Rigorosamente regolamentato nell’Unione Europea.

READ  Guerra in Ucraina : le casse-tête de la défense de l'espace aérien ukrainien

A livello nazionale, questo mandato in particolare dovrebbe essere oggetto di una valutazione comparativa con prodotti alternativi, afferma.

I risultati dello studio gettano un’ombra sull’ambizione di Bruxelles, fissata nel 2020, di dimezzare l’uso di questo pesticida più pericoloso entro il 2030.

“Se non ci sono misure forti, non vediamo come questo obiettivo possa essere rispettato”, ha detto Salome Rwenel all’AFP, che afferma che la commissione ha il potere di ricordare agli stati “fallimenti in questa materia”.

Effetti sulla salute umana

La ONG cita tra i prodotti autorizzati il ​​cui uso dovrebbe essere strettamente limitato, il tebuconazolo, un fungicida tossico per la riproduzione, le cui tracce sono state ripetutamente trovate su ciliegie prodotte nel 2019, tra l’altro in Spagna.

I pesticidi mirano a distruggere gli organismi considerati dannosi e potenzialmente con effetti sulla salute umana, aumentando il rischio di problemi di fertilità o addirittura causando determinate malattie (Parkinson, cancro).

Nel 2021, una perizia dell’Istituto francese per la salute e la ricerca medica (Inserm) ha concluso che “un’ipotesi forte è che esista un legame tra l’esposizione ai pesticidi nella madre durante la gravidanza o nei bambini e il rischio di alcuni tumori (leucemia , tumori del sistema nervoso centrale)”.

Il frutto più inquinato

Nel suo studio, PAN (Pesticide Action Network) ha assicurato che metà dei campioni di ciliegie fossero contaminati da tracce di pesticidi nel 2019 (contro il 22% nel 2011) e più di un terzo (34% contro 16%) dei campioni di mele, la maggior parte della frutta prodotta nel continente.

I frutti più contaminati sono le more (51% dei campioni), le pesche (45%), le fragole (38%), le ciliegie (35%) e le albicocche (35%), nei nove anni studiati, aggiunge molto tempo. Ma anche e soprattutto pere, dove la percentuale sale all’87%.

READ  Coronavirus: ce que disent les derniers chiffres en Belgique

Per gli ortaggi la contaminazione è minore perché meno suscettibili a insetti e malattie: il 13% dei campioni era interessato nel 2019 (11% nel 2011), e gli ortaggi di maggior preoccupazione sono sedano, sedano e rapa (31%).