Luglio 4, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Garry Kasparov: la vittoria finale dell’Ucraina potrebbe essere un ko per Putin

L’ex giocatore di scacchi numero uno al mondo è un strenuo oppositore del regime di Vladimir Putin. Espone i modi per rendere la Russia “un paese degno della fiducia del resto del mondo”.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Tempo di lettura: 7 minuti

IlIl nome di battesimo di Garry Kasparov è un riferimento al presidente degli Stati Uniti Harry Truman. In epoca sovietica, i suoi genitori mostravano un’immaginazione pericolosa, perché era nato nel 1963.

Da allora, Gary ce l’ha fatta. Sebbene sia stato addestrato dall’Organizzazione della Gioventù Comunista Komsomol e dalla Scuola Comunista di Scacchi Mikhail Botvinnik, è diventato un libero pensatore. Anche prima che l’ardente difensore del regime sovietico sconfiggesse Anatoly Karpov in un duello fratricida per diventare il campione del mondo nel 1985, era il numero uno della classifica mondiale, e tale rimase fino alla fine della sua carriera, nel 2005. O più di 20 anni trascorsi nei cieli degli scacchisti, e quello Con un numero record di punti, superato solo nel 2013 dal Gran Maestro Magnus Carlsen.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Con questa offerta goditi:
  • Accesso illimitato a tutti gli articoli, file e report della redazione
  • Il giornale in versione digitale
  • Comodità di lettura con annunci limitati

READ  Guerra in Ucraina: l'intelligence Usa chiarisce le intenzioni di Putin