Ottobre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il vaiolo delle scimmie si trasmette principalmente attraverso il contatto sessuale?

Smith Group/Gado/Getty Images Sebbene siano stati pubblicati diversi studi, la conoscenza dell’epidemia di vaiolo delle scimmie sta cominciando a maturare. L’idea di trasmissione durante il rapporto sessuale diventa più chiara (micrografia presa da un campione clinico e colorata digitalmente).

Smith Group/Gado/Getty Images

Sebbene siano stati pubblicati molti studi, la conoscenza dell’epidemia di vaiolo delle scimmie sta cominciando a maturare. L’idea di trasmissione durante il rapporto sessuale diventa più chiara (micrografia presa da un campione clinico e colorata digitalmente).

Salute – Questa è una domanda che ha un impatto inevitabile sul modo in cui trattano i governi di tutto il mondo Epidemia di vaiolo delle scimmie : Com’è la malattia? muoversi ? Più di tre mesi dopo la sua comparsa Uno dei primi casi in SpagnaSono stati contati 28.000 pazienti in tutto il mondo. primi decessi È stato segnalato e importanti studi scientifici hanno iniziato a riportarne i risultati.

Nei giorni scorsi sono state pubblicate tre pubblicazioni scientifiche di riferimento, e LancettaIl Giornale medico britannico e il Giornale di medicina del New England In tal modo, hanno pubblicato analisi preliminari che consentono di conoscere meglio le caratteristiche delle persone infette, i sintomi di cui soffrono e il modo in cui sono state in grado di contrarre il virus. la malattia.

relazione fisica Meccanismo di trasmissione dominante »?

Tutti questi studi identificano la stessa immagine tipica del paziente: un uomo adulto che la tiene in mano Relazioni omosessuali. Una novità rispetto a questa malattia, già nota in Africa, ma che colpisce soprattutto i bambini. Così, lo studio bisturieseguito in strutture mediche a Madrid e Barcellona, ​​​​il 92% dei 181 pazienti parla come uomini che hanno rapporti sessuali con uomini rispetto all’8% delle donne (3%) e degli uomini eterosessuali (5%).

READ  L'astronauta Thomas Bisquet è tornato sulla Terra

Le proporzioni nel feedback sanità pubblica Francia. Nel suo rapporto del 4 agosto, l’Agenzia nazionale ha rilevato che la stragrande maggioranza dei pazienti ha rapporti sessuali con uomini (il 96% dei casi ha riferito di orientamento sessuale).

L’altra componente degna di nota dello studio del British Journal ha a che fare con il metodo di trasmissione. Perché se, dall’inizio dell’epidemia, gli scienziati hanno avuto paura di trarre conclusioni affrettate e di stigmatizzare gli omosessuali, i ricercatori di Lancetta Parla del grande ruolo dei rapporti sessuali nella trasmissione della malattia. Ciò è in linea con le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha Ufficialmente chiamati gay men Ridurre il numero dei loro partner sessuali.

« Il nostro studio si basa sull’idea che il contatto pelle a pelle durante il contatto sessuale sia il meccanismo dominante di trasmissione del vaiolo delle scimmie, con gravi conseguenze sul modo in cui la malattia deve essere riconosciuta a livello di salute. ‘, possiamo leggere in particolare nello studio. L’idea che si tratti di un’infezione a trasmissione sessuale non è chiaramente menzionata a questo punto; si tratta soprattutto di ridurre al minimo il contatto prolungato con la pelle, dalla mucosa alla mucosa, che è qualcosa di Particolarmente probabile durante il rapporto.

E lo sperma e gli aerosol?

Questa osservazione si riscontra nelle zone del corpo interessate da sintomi somatici: se tutti i pazienti dell’indagine presentavano lesioni cutanee, il 78% le presentava nella regione anogenitale e il 43% in bocca. Lo stesso in Public Health France, che riporta il 75% dei pazienti” rash genitale anale Oltre agli attacchi di febbre e dolori muscolari causati dalla malattia. Gli studi riportano anche complicazioni rare, ma non osservate in precedenza: proctite o edema del pene.

READ  Il dottore attacca l'antidoto: "Apri gli occhi, smettila con queste sciocchezze e prenditi le tue responsabilità"

Si pone quindi la questione dell’importanza delle misure adottate per proteggere la popolazione (soprattutto l’isolamento). e autori Lancetta Dillo chiaramente: La differenza osservata nella carica virale tra letture della lesione e letture della gola merita ulteriori studi per guidare la decisione di isolare o meno i soggetti. Al giorno d’oggi, in Francia, i pazienti devono farlo Autoisolamento per 21 giorni Per esempio.

Pertanto, la rotta del trasporto aereo perde credibilità. In un’intervista alla rivista ScienzeL’autore dello studio riassume le conclusioni del suo team come segue: La carica virale è molto alta nelle lesioni cutanee e molto bassa nelle vie respiratorie, il che spiega perché la trasmissione sessuale persiste. ».

Tuttavia, ci sono ancora molte aree scure, che solo studi approfonditi su un campione più ampio di pazienti potranno evidenziare. A partire da un’ipotesi che, se non esclusa, è attualmente qualcosa non supportata dalla ricerca, ovvero la trasmissione per sperma.

Dubbi sull’efficacia della vecchia vaccinazione

C’è un’altra incertezza sull’efficacia della vecchia vaccinazione. In effetti, nello studio Lancettail 18% dei pazienti è stato vaccinato durante l’infanzia contro il vaiolo, un virus simile al virus del vaiolo delle scimmie e il suo vaccino. essere Dovrebbe essere efficace). Il che fa dire agli autori che ” Sono necessarie ulteriori indagini per comprendere appieno la protezione offerta dalla vaccinazione (molto vecchio, Nota dell’editore) Nel contesto dell’epidemia in corso Questo pur rilevando che questa vaccinazione contro il vaiolo, Generalizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità Dalla fine degli anni ’60 fino all’eradicazione della malattia, può tornare indietro di decenni, il che potrebbe spiegare il declino dell’efficacia.

READ  Norme sul nichel e sull'aria | Sacrifier notre santé pour plaire à l'industrie est inaccettabile!

Ancora sulla vaccinazione, pubblicato dai ricercatori bisturi avvertimento: A causa del breve periodo di incubazione (sette giorni in media, Nota dell’editore) È probabile che la vaccinazione dei gruppi ad alto rischio prima dell’esposizione alla malattia sia più efficace della vaccinazione dopo la vaccinazione se le autorità sanitarie devono controllare l’epidemia.. »

L’ultimo punto sollevato dai dati di diversi studi: l’associazione tra l’infezione con vaiolo delle scimmie da un’altra malattia. Infatti, senza sapere se si tratta di una correlazione semplice o se esiste una correlazione diretta, viene studiata bisturi Indica che anche il 40% dei pazienti è infetto da HIV. In Francia, secondo i dati della sanità pubblica francese, il 26% era nella stessa condizione e il 5% dei pazienti era immunocompromesso.

Vedi anche su se hai Di fronte al vaiolo delle scimmie, perché la comunità gay è preoccupata?