Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Arsenico nella fonderia del Corno | La sanità pubblica raccomanda una media annuale di 15 ng/metro cubo

Parlando di un “passo intermedio” da compiere, la sanità pubblica raccomanda che la fonderia Horne Smelter raggiunga un massimo di 15 nanogrammi di arsenico per metro cubo d’aria entro cinque anni, una cifra ancora cinque volte superiore allo standard attuale.

Inserito alle 14:03.
Aggiornato alle 15:49.

Enrico Gufetta Vesina

Enrico Gufetta Vesina
Giornalismo

Fanny Levesque

Fanny Levesque
Giornalismo

“Per l’arsenico, riteniamo che la concentrazione media annua di 15 ng/m3 sia il valore che consentirà di proteggere dagli effetti negativi sulla salute dei bambini piccoli e dei nascituri. […] Questo è un valore temporaneo finché non ci arriviamo. Il consulente scientifico per la salute pubblica, il dott.S Matteo Valcke, aggiungendo che gli scenari di salute pubblica si sono svolti nell’arco di cinque anni.

Se è vero che questa cifra “è ancora al di sopra della norma di 3 ng/m3 ”, l’esperto ha insistito sul fatto che questa raccomandazione viene fatta prima “con l’obiettivo di tutelare” i più piccoli, prevenendo un quoziente intellettivo particolarmente “basso” nel loro sviluppo.

“Lo standard 3 è più orientato alla protezione dell’esposizione che durerà per tutta la vita, al fine di prevenire l’insorgere di tumori. Pertanto, è un passaggio intermedio, sulla strada per raggiungere lo standard”, ha ribadito Valcke, che ha affermato che l’emissione di 15 ng/m3 Continuerà a “ridurre il rischio di cancro ai polmoni per le generazioni a venire”.

Il Quebec raccomanda che la concentrazione massima giornaliera di emissioni di arsenico non superi i 200 ng/m, in nessuna circostanza.3. La Horn Foundry, di proprietà della multinazionale Glencore, rilascia nell’aria fino a 100 nanogrammi di arsenico per metro cubo, ovvero 33 volte di più rispetto allo standard del Quebec, una concentrazione massima di 3 ng/metro cubo nell’aria.

READ  Prevenzione: attenzione al monossido di carbonio

Il Direttore Nazionale della Sanità Pubblica, dott.S Luke Boelho in conferenza stampa. “Dobbiamo riportare la popolazione in un ambiente e in un ambiente di vita in cui possa fidarsi, il prima possibile”, ha insistito, sottolineando che l’obiettivo rimane quello di raggiungere il livello di 3 ng/m2.3.

La capacità della fabbrica non viene presa in considerazione

fine luglio, Giornalismo Ho riferito che la Fonderia Horn ha proposto al governo Legalult di implementare un tetto alle emissioni di arsenico tra 20 e 64 ng/m3 entro il 2027. La Sanità Pubblica riconosce fin dall’inizio di non aver tenuto conto dell’obiettivo di questa azienda nel formulare la sua raccomandazione. La decisione spetta quindi al Ministero dell’Ambiente.

“Non siamo metallurgisti o ingegneri in questi settori molto complessi”, giustifica il dott.S Boileau, dicendo che il governo deve “fare le sue scelte”.

Afferma che è una questione di “indipendenza di salute pubblica” poter proporre i propri obiettivi, indipendentemente dalle realtà del settore. Per quanto riguarda il tempo per raggiungere i 15 ng/m3Boileau è rimasto più ambiguo, parlando semplicemente di “pochi anni”.

Per le emissioni di piombo, la sanità pubblica raccomanda il rispetto dello standard annuale di 100 ng/m3 In media, più un massimo giornaliero di 350 ng/m23. Il cadmio dovrebbe essere limitato a un massimo di 30 ng/m2 al giorno3dicono le autorità sanitarie.

Il Quebec è ancora prudente

“Non è se la fonderia è in grado di andare [à la future norme]La fonderia deve rispettare quanto richiesto per non nuocere alla salute dei residenti”, ha risposto mercoledì il ministro dell’Ambiente, Benoit Sharett, spiegando di non aver ancora letto il rapporto sulla salute pubblica.

READ  Le incredibili scoperte del satellite Gaia sulla Via Lattea

“Voglio vedere la logica che c’è dietro, ma se è una richiesta della sanità pubblica, capirete con la logica di non compromettere la salute delle persone che sarebbe un valore di riferimento da parte nostra”, ha affermato. Finalmente confermato. Consiglio dei ministri.

Tuttavia, il ministro non ha voluto confermare che 15 ng/m3 Sarà già il criterio specificato nel rinnovo del certificato di decontaminazione. Anche Benoit Charrette dovrebbe essere a Rouyn-Noranda la prossima settimana per “confermare gli elementi chiave della prossima certificazione”.

L’aggiunta di sensori d’aria, obiettivi temporanei e standard giornalieri che devono essere rispettati sono obblighi “che potrebbero essere formalizzati” nella seguente certificazione. Il Quebec vuole anche che “anche altri minerali siano soggetti agli standard attuali”. Il signor Sharett sottolinea che la chiusura dell’impianto rimane un’opzione se l’azienda si rifiuta di conformarsi alle nuove normative. Il Quebec potrebbe anche fornire supporto finanziario alla fonderia nelle sue operazioni per ridurre le sue emissioni.

“Sono più determinato che mai a ridurre la nostra impronta ambientale e offrire la nostra piena collaborazione per ridurre al minimo le nostre emissioni”, ha affermato mercoledì la direzione della Horne Foundry. Abbiamo affermato: “I nostri team e partner sono completamente mobilitati attorno a un importante progetto di trasformazione, che renderà Horne Foundry una delle aziende più efficienti al mondo”. Glencore prevede di svelare un piano d’azione nei prossimi giorni che “affronterà le preoccupazioni sollevate finora, contribuendo allo stesso tempo allo sviluppo sostenibile della nostra comunità”.

Con Jean Thomas Levier, Giornalismo

leggi di più

  • tra 1 e 14
    A luglio, anche l’Istituto nazionale di sanità pubblica del Quebec (INSPQ) ha concluso che in 70 anni un numero maggiore di cittadini di Rouen-Noranda, tra 1 e 14 anni, svilupperebbe il cancro se Glencore non riducesse la concentrazione di arsenico nell’aria da una fonderia sec.

    inspq