Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il suo rapporto con Glenn Fell, i suoi ricordi più belli ei suoi progetti: Cesar valuta Top Chef | televisione

Il suo rapporto con Glenn Fell, i suoi ricordi più belli ei suoi progetti: Cesar valuta Top Chef |  televisione

colloquioLa crepe e il caramello erano ancora migliori. Top Chef ha concluso lunedì sera davanti a Cesar, il candidato belga (semi-belga) che ha rappresentato i nostri colori nella gara di cucina. Del suo tempo nelle famose cucine, il giovane chef in particolare ricorda il suo scambio con Glenn Fell e le sue amicizie con gli altri candidati. Ha rifatto il film per 7sur7.

Dopo aver fallito la prova del dessert con Pierre Gagnaire, il concorso è finito per te con una degustazione alla cieca di un boccone di Paul Perrier. Ho capito la tua eliminazione?

Cesare: Onestamente, ho capito molto presto. Dopo aver assaggiato il dessert di Pierre Gagnaire, mi dico: “Non è possibile, sarei io.”. A quel punto, sapevo cosa era andato storto e, dato che non avevo tempo per lavorare bene, non sono molto fiducioso di restare. Con Sarika, abbiamo iniziato con la stessa o quasi la stessa cosa, quindi non è andata troppo oltre. Dopo aver fatto le caramelle, penso di avere solo pochi secondi per preparare il mio boccone, e ho messo un po’ di tutto a portata di mano. Non ho tempo per lavorarci come vorrei. Preferisco concentrarmi sul dessert.

La scorsa settimana sono riuscito a battere MOF con una frittata. Il calvario di Philippe Echebest doveva essere una passeggiata, giusto?

Ne ho battuto uno una volta, ma non li ho battuti tutti (Lui ride). È diverso incontrare faccia a faccia Philippe Etchebest. L’argomento non era facile. Dovevi capire che oltre ai bambini dovevi stupire anche Chef Marcon, che ha un gusto più complesso di loro. Sono contento di averlo fatto, anche se ammetto che non abbiamo capito bene che dovevamo accontentare anche uno chef esigente. Forse hai saltato questo passaggio, non lo so, ma ho capito che era necessario accontentare i bambini, e poi che lo chef Marcon era lì a decidere tra noi, e non immagino il nostro piatto in un ristorante a tre stelle .

READ  Star Academy: qui puoi ottenere le stesse giacche che indossa Helena

Sei soddisfatta del tuo ciclo?

Penso di aver realizzato dei piatti davvero fantastici, e c’era una grande idea, un grande concetto. Certo, alcuni avrebbero potuto avere più successo. Prendo l’esempio dei mattoni: questa è stata la prima volta che ho realizzato trompe-l’oeil. Nella mia vita quotidiana non ho quello che serve per farlo e non è la mia cucina, non è qualcosa che mi attrae. Nonostante tutto, c’era un’idea, e sono contento dei miei pensieri sui miei piatti. Mi piace molto come allenamento e ne traggo molte soddisfazioni, molta gioia e molta fiducia in me stesso e nel mio futuro cuoco.

Prima che lo show andasse in onda, ci hai detto che speravi di unirti alla Glenfell Brigade, un desiderio che hai finalmente realizzato. Com’è stata l’avventura con lui? Siete ancora in contatto?

Se dovessi rifare tutto da capo, prenderei la stessa cosa e ricomincerei da capo. È stato fantastico avere lo chef Phil come formatore. È stato davvero rassicurante. Con noi ha avuto più volte le parole giuste e ci ha dato buoni consigli. Mi ha chiamato dopo lo spettacolo per ricordarmi che voleva che andassi a trovarlo al suo ristorante, quindi devo farlo. Non ci chiamiamo tutti i giorni, ma ho il suo numero, mi ha chiamato dopo che me ne sono andato e ci siamo anche messaggiati per il nuovo anno. È fantastico poter ancora chattare con lui dopo lo spettacolo.


Com’era l’atmosfera tra i candidati?

Siamo tutti amici, andiamo molto d’accordo. Facciamo una grande squadra. Anche se Jeremy e Matthew vivono un po’ separati, ogni tanto ci scriviamo. Non appena uno di noi è a Parigi o nella città dell’altro, ci contattiamo immediatamente.

Quali sono i ricordi più belli dell’avventura?

Questa è la mia partecipazione al concorso. Per me è stato un grande orgoglio e gioia.

Poche settimane dopo la tua eliminazione, la produzione ti ha nuovamente invitato a prendere parte a The Invisible Brigade. Come hai affrontato questa nuova competizione nella competizione?

È successo così tanto tempo dopo le riprese che sono andato avanti. È stato difficile per me tornare alle competizioni. Quando arrivi alla prima visualizzazione, devi trovare rapidamente le indicazioni stradali, comprendere i meccanismi e così via. Nella brigata nascosta le prove sono brevi e intense e non abbiamo molto tempo per cucinare. Non mi orientavo più e la dinamica era diversa. Ma è stato bello trovarmi faccia a faccia con Danny, e se dovessi rifarlo, lo rifarei con grande piacere, ma le circostanze erano un po’ diverse.

Quindi è stata una vera sorpresa per te, non c’erano prove di una seconda possibilità per riportare Top Chef?

All’uscita ho chiesto direttamente al team di produzione se ci fossero delle repliche, perché stavo aprendo un food corner e avevo bisogno di sapere se dovevo essere disponibile. Mi sono assicurato di no. Mi hai creduto, un po’ ingenuo. Quando mi hanno chiamato, mi sono detto che c’era un po’ di confusione perché dovevo ancora lasciare tutto durante la notte per le riprese. È passata una settimana dall’apertura del mio pop-up, durante le festività natalizie… è stato molto intenso. Siamo combattuti tra il voler rimanere competitivi e il voler tornare a lavorare nella nostra “vita reale”. Questo è il lato difficile.

READ  Lady Gaga scioccata a casa di Gucci

quali sono i tuoi piani

Ho un progetto molto presto, a maggio. Mi inchioderò a Fox, il nuovo mercato alimentare che apre al Royale Belge, a Watermael-Boitsfort. È pur sempre un progetto di street food, è un mondo che mi parla. Ci saranno influenze giapponesi.

© RTL Belgio / Krembo

Leggi anche

È uno spreco: l’esclusione di questo candidato da Top Chef ha colto tutti di sorpresa

Trompe-l’œil fallisce, ologrammi e brigata stealth a fine serata: quando ‘Top Chef’ ci lascia affamati

Glenn Fell perde la calma in ‘Top Chef’: ‘He’s Gonna Fuck Us to Shame!’