Maggio 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

C’è ancora speranza per la famiglia Megri

Durante la sessione, Muhammad Mahdi bin Said ha confermato la sua volontà di trovare una soluzione alla controversia, d’accordo con la proprietaria, l’artista plastica Laila bin Abdul Jalil, figlia dell’ex ministro Abdul Rahim bin Abdul Jalil e nel pieno rispetto della legge. Oggi 24.com. Ha anche annunciato la nascita della Fondazione per il lavoro sociale degli artisti, la cui missione è trovare una soluzione definitiva a tali problemi.

Leggi: I fratelli Migri sono stati espulsi dalla loro casa di Rabat (video)

Il proprietario della casa aveva presentato una denuncia ai tribunali, che ha portato all’emissione di un ordine di sfratto nei confronti della famiglia Majjari, che aveva occupato la casa per più di 50 anni. Ciò che ha scatenato un malinteso della famiglia. Wafa Bennani, la vedova del defunto Hassan Majri, ha detto allo stesso quotidiano online, spiegando che Abdul Rahim bin Abdul Jalil: “Nel 2010, il tribunale aveva già emesso una decisione sul caso a nostro favore, ma il nuovo proprietario ha deciso di ri -avviare le procedure di sfratto”. Non ha mai voluto discutere la questione con la sua famiglia, nonostante si sia offerto di aumentare l’affitto o addirittura di acquistare la casa per porre fine alla controversia.

“La casa è un patrimonio culturale di 50 anni… Abbiamo una partnership con il Ministero della Cultura nell’ambito dell’Al Oudaya Summer Festival, e l’indirizzo della casa è lo stesso del Consiglio Nazionale per la Musica Internazionale e Music Council”, ha aggiunto.