Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il sangue finto è una nuova arma per sconfiggere zanzare e malaria

C’è a malapena una minuscola fiala di liquido rosso nella gabbia quando le zanzare si accalcano insieme: con sangue finto innocuo per l’uomo e altri insetti, gli scienziati con sede in Svezia sperano di infliggere un colpo mortale a parassiti e malaria.

Il prodotto è stato sviluppato con succo di barbabietola Da un team dell’Università di Stoccolma è un’alternativa all’uso di pesticidi dannosi per l’ambiente e la salute umana, oltre ai progressi compiuti nello sviluppo di un vaccino contro la “malaria” e circa 630mila morti nel 2020.

Aprendo la porta di quello che sembra un grande frigorifero nel suo laboratorio all’Università di Stoccolma, Noshin Emami, 44 anni, rivela un allevamento insolito. Ad una temperatura di 27 gradi, colonie di zanzare sono contenute in gabbie improvvisate fatte di collant, mentre in vasche d’acqua nuotano le larve del doloroso parassita. Devi dar loro da mangiare ogni giorno “è così” Un po’ come avere un cane o un gatto‘, scherza il ricercatore di origine iraniana.

A dicembre, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato il numero di casi di malaria in tutto il mondo a 241 milioni nel 2020, 10% di aumento su base annua. Quasi tutti (96%) dei 627.000 decessi si verificano in Africa, l’80% dei quali sono bambini di età inferiore ai cinque anni. La malaria ha una caratteristica sinistra che non solo fa ammalare molto le persone, ma rende anche le zanzare più attraenti per le persone infette, facilitando l’infezione diffondendo il parassita che causa la malattia.

buon mercato

Nel 2017, la signora Emami e altri ricercatori hanno scoperto che questo fenomeno era legato a una specifica molecola L’HMBPP viene prodotto quando il parassita in questione attacca i globuli rossi della vittima. “Se aggiungiamo questa molecola a qualsiasi liquido, la rendiamo molto attraente per le zanzare”, ha detto lo scienziato all’AFP. “Combinando la molecola con una piccola quantità di tossine, le zanzare la ingeriscono e muoiono” in poche ore, senza nemmeno dover usare sangue vero per attirarle. L’obiettivo è troppo Usare “composti letali innocui e rispettosi dell’ambiente” È facile da ottenere.”

READ  Il rover ExoMars ha completato con successo il suo primo corso: il grande inizio è in arrivo
© Jonathan Nakstrand/AFP

Per Lech Ignatowicz, che ha co-fondato la società Molecular Attraction che sviluppa il prodotto, il metodo è più efficace e meno dannoso delle enormi quantità di insetticidi utilizzati per neutralizzare le zanzare, spesso pericolose per l’ambiente o per la salute. “I pesticidi uccidono tutti i tipi di insetti con cui entrano in contatto. Qui, anche in ambienti molto densi come una giungla o tropici infestati da insetti, scegliamo quelli di cui vogliamo sbarazzarci”, spiega. “Invece di un tappeto di bombe”, riassume l’esperto, è piuttosto un Una bomba “mirata a un obiettivo specifico”.

Gli insetticidi sono anche sempre meno efficaci contro le zanzare, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, con 78 paesi che segnalano la resistenza delle zanzare ad almeno uno dei quattro insetticidi più comuni e 29 a tutti e quattro. La produzione della molecola è anche relativamente poco costosa, facendo un’ipotesi attendibile anche nelle parti più povere del mondo come l’Africa.

“cautamente ottimista”

Mentre il team svedese si è concentrato sulla malaria, il loro metodo ha il potenziale per l’applicazione anche ad altre malattie trasmesse da insetti: tra le cinque specie di zanzare allevate in laboratorio, una zanzara sudamericana diffonde il virus Zika. Grande sfida La tecnologia sarà ora ampiamente trasferita al di fuori del laboratorio.

Anders Lindstrom, un ricercatore di zanzare presso l’Istituto veterinario svedese che è indipendente dal progetto, afferma di essere “cautamente ottimista”. “Il problema è sempre l’espansione, il territorio che questo tipo di trappola deve coprire per essere efficace”, ha detto all’Afp.

È inoltre fondamentale poter garantire la continuità dell’operazione, che può risultare difficoltosa in zone remote o in guerra. “Puoi avere un effetto rapido nel ridurre le ‘popolazioni di zanzare, ma se lo interrompi torneranno immediatamente”, osserva. Tuttavia, il ricercatore ritiene che il metodo possa essere molto efficace, in particolare in combinazione con altre tecniche.

READ  Google investe ancora in Vallonia, cosa attrae il colosso americano?

Il prodotto sviluppato utilizzando il succo di barbabietola da un team dell’Università di Stoccolma mira a essere un’alternativa all’uso di pesticidi dannosi per l’ambiente e la salute umana, oltre a progredire nello sviluppo di un vaccino contro la “malaria” e circa 630.000 decessi all’anno. 2020 Aprendo la porta di quello che sembra un grande frigorifero nel suo laboratorio all’Università di Stoccolma, Noushin Emami, 44 anni, rivela una riproduzione insolita. Ad una temperatura di 27 gradi, colonie di zanzare sono contenute in gabbie improvvisate fatte di collant, mentre in vasche d’acqua nuotano le larve del doloroso parassita. Bisogna dar loro da mangiare ogni giorno “quindi è un po’ come possedere un cane o un gatto”, scherza il ricercatore di origine iraniana. A dicembre, l’Organizzazione mondiale della sanità ha stimato a 241 milioni il numero di casi di malaria nel Paese. Il mondo nel 2020, un aumento del 10% anno su anno. Quasi tutti (96%) dei 627.000 decessi si verificano in Africa, l’80% dei quali sono bambini di età inferiore ai cinque anni. La malaria ha una caratteristica sinistra che non solo fa ammalare molto le persone, ma rende anche le zanzare più attraenti per le persone infette, facilitando l’infezione diffondendo il parassita che causa la malattia. Nel 2017, Emami e altri ricercatori hanno scoperto che questo fenomeno è legato a una specifica molecola – HMBPP – prodotta quando il parassita in questione attacca i globuli rossi di una vittima. “Se aggiungiamo questa molecola a qualsiasi liquido, la rendiamo molto attraente per le zanzare”, ha detto lo scienziato all’AFP. “Combinando la molecola con una piccola quantità di tossine, le zanzare la ingeriscono e muoiono” in poche ore, senza nemmeno dover usare sangue vero per attirarle. L’obiettivo è anche quello di utilizzare “composti letali innocui, rispettosi dell’ambiente e facilmente ottenibili”. Per Lech Ignatowicz, che ha co-fondato la società Molecular Attraction che sviluppa il prodotto, il metodo è più efficace e meno dannoso delle enormi quantità di insetticidi utilizzati per neutralizzare le zanzare, spesso pericolose per l’ambiente o per la salute. “I pesticidi uccidono tutti i tipi di insetti con cui entrano in contatto. Qui, anche in ambienti molto densi come una giungla o tropici infestati da insetti, scegliamo quelli di cui vogliamo sbarazzarci”, spiega. “Invece di un tappeto di bombe”, riassume l’esperto, è piuttosto una bomba “mirata a un bersaglio specifico”. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, gli insetticidi sono anche meno efficaci contro le zanzare, con 78 paesi che segnalano la resistenza delle zanzare ad almeno uno dei quattro insetticidi più comuni e 29 paesi a tutti e quattro. La molecola è anche relativamente poco costosa da produrre, facendo un’ipotesi credibile anche nelle parti più povere del mondo come l’Africa.Mentre il team svedese si è concentrato sulla malaria, il loro metodo ha anche il potenziale per essere applicato ad altre malattie trasmesse da insetti – una delle cinque specie di zanzare che… Le zanzare allevate in laboratorio del Sud America diffondono il virus Zika. La sfida più grande ora sarà quella di trasferire la tecnologia su larga scala, al di fuori del laboratorio. Anders Lindstrom, un ricercatore di zanzare presso l’Istituto veterinario svedese che è indipendente dal progetto, afferma di essere “cautamente ottimista”. “Il problema è sempre l’espansione, il territorio che questo tipo di trappola deve coprire per essere efficace è enorme”, ha detto ad AFP. Dobbiamo anche essere in grado di garantire il proseguimento dell’operazione, che può essere difficile in aree remote o in guerra. “Puoi avere un effetto rapido nel ridurre le ‘popolazioni di zanzare, ma se smetti, torneranno immediatamente”, osserva. Tuttavia, il ricercatore ritiene che questo metodo possa essere molto efficace, in particolare in combinazione con altre tecniche.

READ  Due anni di pandemia: dov'è la scienza? | Corona virus