Maggio 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le meduse invadono le coste di molte regioni francesi

Le meduse invadono le coste di molte regioni francesi

Dall’inizio di giugno, le meduse hanno dominato le coste e le spiagge francesi, soprattutto sulla costa atlantica, con sgomento dei vacanzieri.

Se sei mai stato in spiaggia, probabilmente li hai incontrati. Le meduse hanno invaso le coste di diverse regioni della Francia. La costa atlantica, la costa d’Opale, il Mediterraneo sono tutti luoghi dove si recano i vacanzieri, che dall’inizio di giugno sono rimasti scioccati dalla presenza di meduse in gran numero. La specie varia da regione a regione. Trasparenti, blu, rosa o rigati, alcuni sono del tutto innocui per l’uomo, mentre altri sono più pericolosi. Dovremmo preoccuparci della loro presenza?

Tra le specie registrate sulla costa atlantica troviamo le meduse Aurelia dorata, traslucido bluastro, misura da 25 a 40 cm. È il tipo più comune in Francia e ha proprietà innocue. La medusa rizoma è di colore azzurro chiaro, con un ombrello bordato di blu e può raggiungere fino a 1 metro di diametro. Anche questo tipo non è molto pungente.

Tuttavia, Philippe Le Nelliot, esperto di biologia marina, mette in guardia controUfficio francese per la diversità biologicaE Anche se la maggior parte delle meduse che si trovano lungo la costa francese sono innocue, ce ne sono altre che pungono altrettanto bene“Alcuni potrebbero essere responsabili di incidenti o annegamento”.Soprattutto quando le persone pungonoÈ il caso di una specie di medusa che misura dai 10 ai 30 cm di diametro e presenta sul suo ombrello dei motivi a forma di “V” marroni, chiamate meduse “bussola” o meduse “striate”.

Costa d’Opale

La vigilanza è richiesta anche intorno alla Costa d’Opale, nel nord del paese. Meduse estremamente pungenti sono state avvistate in diverse località balneari dell’Hauts-de-France. Il principale colpevole è chiamato la “medusa pelosa”. È di piccole dimensioni e il suo colore, porpora da un lato, bianco giallastro dall’altro, lo rende un esemplare molto particolare. I suoi tentacoli possono raggiungere diversi metri. E anche morto, i suoi filamenti continuano a generare veleno. Quindi si consiglia di mantenere una distanza tra te e lui in acqua come a terra.

READ  Cos'è il satellite Einstein che la Cina ha appena messo in orbita?

costa ovest

Inoltre, sulla costa occidentale, in particolare nella penisola di Crozon in Bretagna, i vacanzieri hanno notato un altro tipo di medusa. Il responsabile degli spazi naturali del Comune di Crozon, Didier Cadio, ha annunciato la presenza di esemplari striati spiaggiati sulle spiagge della zona: “Il consiglio comunale raccomanda di non toccare nessuna medusa e ha affisso bacheche con consigli in caso di punturaUna specie di abitudine trovata soprattutto in autunno.

Da parte sua, il comune di Quiberon in Bretagna ha confermato che non c’erano o più meduse sulle sue coste. Non sono stati segnalati avvisi di medusa., informa il Comune di Quiberon. In FigaroTuttavia, molti vacanzieri segnalano la presenza, a fine giugno, di meduse sulle spiagge della Costa Selvaggia. La storia è simile sull’isola di Noirmoutier, in Vandea, dove il consiglio comunale descrive la presenza all’inizio dell’estate di meduse, che ora sono scomparse.

Un disagio per i vacanzieri

Anche il Mediterraneo non è immune dalla pungente “gelatina”. Alla periferia di Martigues, è impossibile evitare le meduse. Bastien, sulla trentina, conosce bene la zona e descrive la situazione “Purtroppo solito”e questo è “molti anni fa”. E la tendenza non migliora, perché le meduseIl loro numero è aumentato negli ultimi anniconferma questo vacanziere che conosce la zona. “È la prima volta che vedo così tante cose davanti a casa mia” Trenta non disse nulla.

Anche se queste meduse non sono pericolose per l’uomo, sono notoriamente un fastidio per i nuotatori. “Non trovo nemmeno divertente fare il bagno nei nostri bei ruscelli per due estati.dice il giovanePerché vengo sempre morso!».

READ  Le temperature supereranno i 30 gradi Celsius, ma le previsioni saranno molto diverse da lunedì...

“Anno delle meduse”

Questa impressione di molti francesi è condivisa da Philippe Le Niliot. “È chiaramente l’anno delle meduse!esclamò il vicedirettore dell’OFB di Finistère. Anche se gli scienziati parlano più facilmente di “gelatinoso“, precisa, termine che comprende le meduse oltre ad altre specie.”planctonChe, come suggerisce il nome, si nutre di plancton.

Le meduse, come tutte le meduse, sono conosciute da decenni.aumento della sua popolazione“, spiega lo specialista. Ne parlano anche gli scienziatigelato all’oceanoSecondo Philip Le Néliot, le cause di questo fenomeno sono molteplici.È una delle manifestazioni del cambiamento climaticolui spiega, Le meduse amano il caldo».

E la pesca eccessiva non ha nulla a che fare con l’aumento del numero di meduse:Abbiamo pescato molto pesce foraggio, sardine, acciughe, ecc.», che sono tutte specie che si nutrono di plancton. “Quindi la loro diminuzione ha permesso alla gelatina di recuperare più planctonConclude il vicedirettore del Centro Biologico. Infine, c’è un ultimo fattore che gioca a favore delle meduse:Il riscaldamento degli oceani sta modificando il sistema dei venti e quindi le correnti, ma le meduse si muovono lasciandosi trasportare dalle correntiAggiunge Philip Le Niliot, che spiega il crescente numero di meduse vicino alle spiagge.

problemi ambientali

Tuttavia, l’aumento del numero di meduse non rappresenta un pericolo tanto per i bagnanti quanto per la biodiversità: “La sovrabbondanza di specie ha sempre conseguenze per l’ecosistema e, quindi, a lungo andare, anche per l’uomo.»

READ  per mantenere la nostra salute

Philip Le Niliot vede ancora merito in questo aumento del numero di meduse: “Questi consumano e digeriscono lo zooplancton che alla fine cade sul fondo del mare, producendo depositi di carbonio. I pozzi di carbonio assorbono l’anidride carbonica e aiutano a stabilizzare l’atmosfera del pianeta.

Insomma, l’aumento del numero di meduse nelle nostre acque costiere è un sintomo dell’evoluzione globale, che è seguita da vicino dai biologi e richiede un adattamento umano: “È un lavoro congiunto di misurazioni e analisi tra scienziatiE il biologo conclude:Per proteggere la specie è necessario soprattutto svolgere un’opera di sensibilizzazione con la popolazione.»