Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rettore dell’Università Olig respinge il boicottaggio totale delle università israeliane: “L’università non è un organismo politico”.

Da venerdì, circa 40 studenti filo-palestinesi hanno occupato l’aula dell’ULiege e fino a 150 studenti l’hanno occupata durante le marce. Venerdì scorso, gli studenti hanno parlato direttamente con la presidentessa dell’Università di Olig, Anne-Sophie Nissen, chiedendo con un grido la fine di ogni cooperazione con le entità israeliane. “Anne-Sophie, basta! Condividi adesso!” Lunedì mattina hanno nuovamente presidiato l’ingresso dell’università, Place du XX Août a Liegi, per protestare vigorosamente.

Sono stati poi ricevuti dal rettore dell’università per ricevere un rapporto di 19 pagine che avrebbe dovuto mostrare i collegamenti”.“Tra l’università e i protagonisti del massacro in corso a Gaza, da qui la responsabilità delle università israeliane”.

Sulla base di questo rapporto, gli studenti sperano di ottenere “Un impegno scritto da parte dell’amministrazione universitaria a boicottare completamente le università e le aziende coinvolte e a porre fine ad eventuali collaborazioni in corso.

Gaza, lo slogan della campagna elettorale che non ci aspettavamo: “Per alcuni, difendere Israele significa difendere un Occidente minacciato da un Islam minaccioso…”

Progetto COPAC

Ma cosa dice esattamente questo rapporto? La ricerca degli studenti compilata in questo rapporto ha reso possibile, come affermano in questo documento, “Rivelare la cooperazione tra l’Università di Liegi e l’Università Ebraica di Gerusalemme, coinvolta nella violazione degli obblighi internazionali relativi al Territorio Palestinese, attraverso il progetto COPAC (Coherent Optical Parallel Computing, un progetto per l’alta tecnologia informatica e industriale), con finanziamenti per mezzo milione di euro”.

Tuttavia, gli studenti continuavano a scrivere: “Al progetto partecipa anche Elbit Systems, una delle principali società israeliane di armi..

Gli autori del rapporto concludono che “Il rapporto tra il complesso militare-industriale e l’esercito israeliano e l’attuazione di azioni contrarie al diritto internazionale ci consente di rafforzare il possibile coinvolgimento nelle azioni che si svolgono nei territori palestinesi occupati.“.

READ  La Russie sous pression internationale croissant, combats dans le nord-est de l'Ukraine: le point ce lundi 28 février

«Gli autori del rapporto citano un articolo risalente al 2021. Secondo nostre prime informazioni, che verificheremo ulteriormente, la convenzione con questo ateneo non è più valida». Lo assicura la presidentessa dell’Università Anne-Sophie Nissen. “Aggiungo, e questo è importante, che l’Università di Liegi non ha un accordo quadro istituzionale con un’università israeliana. Potrebbero anche essere condotte delle ricerche, che purtroppo poi vengono utilizzate per un uso non indicato nell’accordo di ricerca… ma noi Condurremo un esame più approfondito, sulla base di questo rapporto, ed è chiaro che non collaboreremo più con partner che hanno legami con l’esercito israeliano o che sostengono l’attuale conflitto.“.

Gli autori del rapporto offrono altre osservazioni. Aggiungono che Liegi, “È anche coinvolto nel progetto Medical Imaging in Neuroscience”,“Mente imprenditoriale” In collaborazione con l’Università Ebraica di Gerusalemme.”

In che modo questo potrebbe costituire un problema per la ricerca scientifica?

Perché le nove principali università israeliane, secondo il rapporto, hanno tutte legami con “Il complesso industriale militare israeliano. Ciò indica ciò che hanno detto:Ognuno di loro è stato coinvolto nell’apartheid, nel colonialismo e nei crimini di guerra commessi dall’esercito israeliano.Pertanto, secondo gli studenti filo-palestinesi di Liegi, sarà necessario interrompere ogni contatto con loro.

L’Università di Tel Aviv, per esempioMantiene legami con il produttore di armi israeliano Elbit Systems“, si legge nel rapporto.

Il presidente dell’Università ULB parla degli ostacoli all’arrivo di un ex ambasciatore israeliano

L’Università Bar-Ilan conta”Tanti corsi e programmi dedicati esclusivamente agli alti ufficiali militari.” Ricercatori di informatica in questo campus “Sviluppo di algoritmi per veicoli senza pilota per uso militare”.

READ  Il sospettato è in fuga

Il rapporto è ricco di altri esempi di questo tipo per altre università.

È sufficiente cambiare la posizione delle autorità religiose a Liegi? La presidentessa dell’Università Anne-Sophie Nissen sostanzialmente resta fedele alle sue idee.

Nawras

Ma un boicottaggio globale non lo è, perché boicottare tutte le università significa boicottare lo Stato. L’università deve restare un luogo di scambio e di dialogo. Tra i partner che lavorano nelle università israeliane c’è chi condivide i nostri valori e talvolta si oppone alle politiche del governo di Benjamin Netanyahu”.

Gli studenti che ho incontrato lunedì vogliono il boicottaggio completo delle università israeliane. Sono molto impegnati, molto determinati e vogliono continuare ad occupare gli edifici“, prosegue il rettore dell’università.”Ascolto le loro richieste, perché non possiamo fare a meno di essere inorriditi da ciò che sta accadendo a Gaza. Dal 2 novembre chiediamo un cessate il fuoco per motivi umanitari. Ma un boicottaggio globale non lo è, perché boicottare tutte le università significa boicottare lo Stato. L’Università non è un ente politico. Non deve trasformarsi in un parlamento. Questo dovrebbe rimanere, in linea di principio, un luogo di scambio e di collaborazione tra ricercatori che condividono gli stessi valori e principi fondamentali. Tra i partner che lavorano nelle università israeliane c’è chi condivide i nostri valori e talvolta si oppone alle politiche del governo di Benjamin Netanyahu. Questo è importante: non abbiamo assunto questo tipo di posizione nei confronti della Russia. Pertanto, lavoriamo caso per caso, analizzando ogni accordo per ciascun partner.

Anne-Sophie Nissen è decana di Ulig.
Anne-Sophie Nissen è decana di Ulig. ©Michele Tonio

“Non ci sono scontri”

Questo punto di vista ricorda quello che diversi professori dell’UCLouvain e dell’ULB hanno espresso in una carta bianca pubblicata lunedì, in cui vedono il boicottaggio come… “Una violazione della libertà accademica”

READ  L'un des responsables talebans les plus secrets montre son visage (foto)

Ma Anne-Sophie Nissen lo spiega “Finora gli studenti si sono comportati con grande rispetto senza scontri e di questo li ringrazio. Bisognerà però verificare se tutte le persone presenti siano effettivamente studenti dell’ULiège. Per garantire la sicurezza degli altri studenti e affinché le attività accademiche possano svolgersi in tutta tranquillità in vista degli esami.