Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le Nazioni Unite prendono le distanze dalle cifre delle vittime annunciate da Hamas

Le Nazioni Unite prendono le distanze dalle cifre delle vittime annunciate da Hamas

AIl 6 maggio 2024, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha aggiornato il triste bilancio delle vittime a Gaza. Dall’inizio del conflitto sono morte 33.797 persone, tra cui una percentuale spaventosa di donne (9.500) e soprattutto bambini (14.500), che rappresentano il 71% delle vittime totali.

Quarantotto ore dopo, lo stesso ufficio, noto con l’acronimo inglese OSHA, aveva ridotto della metà il numero totale di donne e bambini uccisi. Si tratta di 4.959 donne e 7.797 bambini, ovvero 12.756 vittime, che rappresentano il 36% dei 34.844 decessi totali. Due volte meno.

Quello che è successo ? Nei rapporti è apparsa una nuova categoria: “gli sconosciuti”. L’8 maggio erano 9.111. Finora sono stati contati tutti come donne e bambini? L’OCHA non lo ha specificato in modo specifico, ma ciò non spiegherebbe completamente l’aggiustamento al ribasso del numero di donne e bambini.

Contare i morti è sempre stata una sfida in tempo di guerra, o anche durante i disastri in tempo di pace. Il numero delle vittime dello tsunami del 2011 in Giappone è stimato in circa 18mila persone, con un margine di errore di diverse migliaia di persone.

Una sola fonte, Hamas

Nel caso di Gaza, la nebbia viene mantenuta deliberatamente. L’unica fonte di informazione è Hamas. Nessun osservatore indipendente ha potuto verificare le affermazioni del Ministero della Sanità di Gaza, riportate dall’ufficio stampa del Movimento Islamico.

Nonostante il conflitto sia iniziato un mese fa, l’American Associated Press lo aveva già messo in guardia. Successive verifiche del bilancio dei conflitti nel 2008, 2014 e 2021 hanno dimostrato che Hamas difficilmente esagera il bilancio delle vittime, ma ciò non significa che stia dicendo la verità.

READ  Ucraina: le niveau de radioactivité à Tchernobyl est "anormal"

Da un lato Hamas attribuisce la colpa di tutte le morti al nemico, mentre i suoi combattenti commettono errori. Pertanto, non fa distinzione tra civili e soldati, anche se è risaputo che tra le sue fila ci sono donne combattenti. Infine, non viene specificata l’età del defunto né come è stata valutata tale età. Secondo la terminologia delle Nazioni Unite, un bambino ha meno di 18 anni. Nel caos degli scontri, se viene ritrovato un cadavere senza documenti, stimarne l’età tra i 16 ei 22 anni non è certo facile.

Danni all’immagine di Israele

È chiaro che le Nazioni Unite alla fine si sono rese conto che Hamas stava gonfiando il numero di donne e bambini uccisi, allo scopo di danneggiare l’immagine di Israele. Anche la manovra ha avuto successo. “È sorprendente. “Il numero di bambini uccisi in poco più di quattro mesi a Gaza è superiore al numero di bambini uccisi in quattro anni di guerre in tutto il mondo”, ha twittato il capo dell’UNRWA Philippe Lazzarini il 13 marzo 2024. È stato allora che i 12.300 bambini in combattimento.

Una settimana prima che Philippe Lazzarini si rivolgesse ad Hamas, un professore americano di statistica alla Wharton Business School aveva pubblicato uno studio sulle enormi discrepanze nei numeri di Hamas. Senza mettere piede a Gaza, Abraham Weiner ha notato evidenti anomalie: una progressione lineare nel numero dei morti e una stabilità senza precedenti nella quota di donne e bambini sul totale delle vittime, che è rimasta costante al livello del 70% dall’inizio del Il combattimento. Alcuni dei suoi critici hanno notato che Abraham Weiner era ebreo, il che ha lasciato intatte le orribili stranezze da lui sollevate. Se guardiamo al passato, il cambio di rotta delle Nazioni Unite dimostra che il professore americano aveva ragione.

READ  "Attentato a Lidelle de Jeumont": un uomo fa irruzione in un negozio in Francia con un "elicottero", 4 feriti

Forse tutte le statistiche precedenti all’8 maggio 2024 riguardanti la classificazione dei decessi a Gaza dovrebbero essere dimenticate. D’altra parte, i totali rimangono corretti e sono scioccanti.