Dicembre 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Piccolo Principe ha riconquistato la sua corona: Griezmann, l’eroe della serata di follia Colchoneros | Champions League

Partecipando ai tre gol che martedì a Porto hanno qualificato l’Atletico Madrid per l’ottava Champions League (3-1), Antoine Griezmann è ancora una volta il giocatore che era prima della partenza per il Barcellona, ​​a dimostrazione che sta ancora giocando. I migliori attaccanti d’Europa.




Timido e timido al suo ritorno quest’estate a ‘Colchoneros’ dopo due anni contrastanti a Barcellona, ​​​​Griezmann è stato l’eroe delle madrielle pazze della serata, che è andato dall’ultimo al secondo posto. Il Gruppo B sarà ancora una volta tra le prime 16 squadre del continente.

Grizzo non si è mostrato trasparente nel primo tempo dopo i primi minuti buoni. Ma nell’ultima mezz’ora, quando tutto era finito, il campione del mondo francese ha mostrato la sua magnificenza.

“Mi piace”

Al 56′, mentre il suo amico, l’attaccante Luis Suarez, esce infortunato e in lacrime dal 12′, Griezmann si libera della difesa di Ottavio ed è ben posizionato per appellarsi all’angolo lontano da un calcio d’angolo di Thomas Lemar e prima di colpo di testa . Mehdi sta mirando.

Questo è il suo settimo gol in questa stagione e il quarto in C1. In effetti, “Grizou” è stato addirittura l’unico marcatore del Rojiblanco in questa stagione di Champions League (con il rigore di Luis Suarez a San Siro), davanti ai successi degli argentini Angel Correa e Rodrigo de Paul di martedì sera.

“Questo è il mio Atleti. Il riassunto di tutta questa fase a gironi, quest’ultima partita, che ci siamo giocati la nostra sopravvivenza… Questo è tutto +Atelete+. È un mio orgoglio essere tornato. Adesso mi sto divertendo. Spero che possiamo fare una buona stagione in Champions League. (…) Stasera abbiamo giocato la nostra pelle, era come la finale “, ha reagito il francese, che è stato scelto come il miglior giocatore della partita.

READ  UEFA Champions League: i potenziali avversari del Club Brugge agli ottavi

Il suo obiettivo potrebbe essere la scintilla che riaccenderà la fiaccola del nazionale francese, rimasto brillantemente con i Blues ma a lungo estinto a Barcellona.

“Come ai vecchi tempi”

Martedì sera, dopo una serie di cartellini rossi distribuiti dall’arbitro francese Clement Turpin in entrambi i campi, Griezmann è stato costretto a spostarsi sulla fascia sinistra per recuperare l’esonero di Yannick Carrasco.

Nessun problema: negli anni ’90 Grizzi porta con sé due difensori sulla fascia destra, lungo la fascia laterale, aprendo l’asse di Angel Correa, che serve di destro a fine gara, prima che l’argentino segni il gol. 2-0 gol.

Il Piccolo Principe può finire la partita raddoppiando. Ma nei minuti di recupero (90+2) la sua ripresa è stata bloccata, ed è caduto ai piedi di Rodrigo de Paul, autore del 3-0.

“Griezmann continua il suo rapporto affettivo con la Champions League. Non è stata la migliore partita per il francese, l’Atlético sta ancora cercando come metterlo, ma è pieno di talento per essere uno dei giocatori chiave di questa squadra”. Egli ha detto. Marca quotidiano sportivo spagnolo mercoledì.

“Il suo passaggio in Corea è un esempio delle sue capacità, e i minuti giocati da ala sinistra dopo l’espulsione di Yannick Carrasco dimostrano che il Cholismo (la filosofia dell’allenatore, soprannominato ‘Cholo’ Simeone, ndr) è entrato nelle sue vene”.

E il quotidiano sportivo “AS” ha concluso: “Lui è decisivo nell’affrontare il gol e questo è molto prezioso. Finisce con un gol e un assist ed era il protagonista come ai vecchi tempi”.

Leggi anche

Capocannoniere Origi, Carrasco escluso, Atlético qualificato: nuova serata pazzesca in C1

READ  Accord en vue pour le rachat du Standard par JKC Capital ?