Luglio 15, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il boom della mobilità elettrica sta improvvisamente volgendo al termine? Alcuni sono convinti – Business AM

Il boom della mobilità elettrica sta improvvisamente volgendo al termine?  Alcuni sono convinti – Business AM

Il discorso incendiario del direttore del marchio Volkswagen Thomas Schäfer è circolato nei giorni scorsi sui social network. Il suo contenuto: Schaefer è preoccupata per l’attività legata ai veicoli elettrici, perché una volta riempito il portafoglio accumulato negli ultimi mesi, le vendite diminuiranno notevolmente a causa della diminuzione dei nuovi ordini.

In alcuni stabilimenti sono già stati tagliati i turni e la prima auto elettrica di Wolfsburg, la ID.3, sta incontrando particolari difficoltà. Tutto è iniziato in Cina. All’inizio sembrava che le vendite sarebbero state molto basse. Una contromisura è stata presa abbassando sensibilmente il prezzo, a quasi la metà del prezzo iniziale, circa 16.000 euro. Nel frattempo, anche le case automobilistiche cinesi hanno risposto tagliando i prezzi.

Il mercato tedesco mostra segni di debolezza

Ma sembra che il mercato tedesco si indebolirà in futuro. la ragione ? Finora il mercato del noleggio e l’immatricolazione della flotta aziendale sono stati i principali driver della mobilità elettrica. Hanno approfittato volentieri dei bonus ambientali concessi dal governo. Ma scade a settembre in Germania, motivo per cui le immatricolazioni sono in pieno boom in questo momento.

Il ricercatore di mercato Dataforce prevede che le vendite diminuiranno per allora, soprattutto da quando un sondaggio del giugno 2023 ha mostrato che il contributo degli acquirenti al dettaglio era inferiore alla media per risultati eccellenti al mese.

Il mercato privato è quasi inesistente

Ciò è anche in linea con i risultati di Mobility Sweden: dall’inizio del 2023 è stato osservato che il mercato privato è leggermente crollato.

Perché ? I primi utenti sono andati avanti. Per loro, e soprattutto per i proprietari di case con impianti fotovoltaici e stazione di ricarica in garage, è valsa la pena il parziale passaggio alla mobilità elettrica. Anche perché una parte significativa dei primi acquirenti ha acquistato un’auto elettrica come seconda auto per la “giungla urbana”.

READ  Stesso prezzo per meno qualità: un fenomeno nuovo che appare nei supermercati

Il rapporto prezzo/prestazioni è ora più minacciato che mai, specialmente quando i bonus ambientali del governo scadono e le sovvenzioni si esauriscono. L’autonomia limitata delle auto elettriche più costose non convince, soprattutto per il consumatore medio. La maggior parte di loro non ha accesso a una stazione di ricarica presso il proprio alloggio e dovrà quindi utilizzare costose stazioni di ricarica pubbliche. Costoso perché la politica energetica tedesca ha portato ai prezzi dell’elettricità più alti d’Europa. Molte persone non vogliono aderire. Inoltre, la possibilità di utilizzare marchi cinesi o stranieri, ad eccezione di Tesla, è ancora ampiamente ignorata.

I tedeschi sono semplicemente fedeli al loro marchio. Tuttavia, i nuovi arrivati ​​cinesi non hanno ancora reagito alla mutevole situazione economica generale. Hanno osato entrare nel mercato (NIO, MG e Zeekr) a prezzi elevati, convinti che i ricchi tedeschi li avrebbero seguiti senza esitazione.

Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Nel frattempo, la situazione economica è peggiorata così tanto che il desiderio di acquistare beni costosi ne risente sempre di più. I leader politici ed economici hanno creato maggiore incertezza con la loro politica economica irregolare e poco professionale. E in tempi di incertezza, gli acquirenti diventano diffidenti.

È la fine del boom della mobilità elettrica?

attualmente, Tutto sembra essere vero. La seconda metà dell’anno porterà sicuramente certezze, poiché i nuovi ordini rimangono ben al di sotto delle aspettative dei produttori e i primi veicoli elettrici vengono sospesi.

Il problema della domanda e dell’offerta

Cosa succederà dopo? Dal momento che viviamo in un’economia di mercato, la domanda e l’offerta regoleranno i prezzi. In altre parole, ilI prezzi scenderanno notevolmente. Questo è un male per le case automobilistiche tedesche che hanno già un margine basso sulle auto elettriche. È un bene per i cinesi che ora possono controllare il mercato.

READ  Perché il contante ha ancora un futuro brillante?

Ma, Un attore potrebbe non essere influenzato: Tesla. Il produttore americano è attualmente in una striscia quasi inarrestabile, il cui rapporto prezzo-prestazioni continuerà a mettere in ginocchio la concorrenza. E ora sui social circola la Model 2, che avrebbe potuto essere completamente sviluppata…

(SR)